ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
8 ore

‘Dopo i tank ci saranno anche gli aerei’

Kiev torna a invocare i caccia ‘per salvare più vite’, mentre prosegue la feroce battaglia a Bakhmut
Estero
8 ore

Usa, Cina e la crisi del pallone-spia

Mentre gli Stati Uniti lavorano al recupero dei detriti, sull’incidente restano ancora molti punti oscuri
Estero
14 ore

In Iran l’ayatollah concede la grazia a migliaia di prigionieri

Esclusi dal provvedimento gli accusati di ‘spionaggio, contatto con agenti stranieri, omicidio, distruzione e incendio doloso di proprietà di Stato’
Estero
14 ore

In Germania caccia al lupo ‘killer’ della pony di Von der Leyen

L’esemplare Gw950m è ricercato nella regione di Hannover dove è inserito nella lista degli animali da abbattere, ma finora si è dato alla fuga
Confine
17 ore

Con la marijuana in casa: un coinquilino li denuncia

Due giovani in manette a Ponte Chiasso. I poliziotti li hanno trovati con oltre 600 grammi di ‘erba’ e soldi
Estero
17 ore

È morto l’ex presidente del Pakistan Musharraf

Aveva 79 anni ed era malato da tempo. Era salito al potere nel 1999 con un colpo di Stato per poi dimettersi nel 2008 per evitare l’impeachment
Confine
18 ore

Como, malore e infortunio allo stadio durante la stessa partita

Un 23enne è stato colto da arresto cardiaco, mentre un 46enne è caduto procurandosi un trauma facciale. Entrambi sono stati soccorsi e portati in ospedale
Estero
19 ore

‘Almeno 3 i palloni-spia cinesi sopra gli Usa sotto Trump’

Lo ha dichiarato un alto funzionario della difesa statunitense. Ieri è stato abbattuto l’apparecchio avvistato sopra una base americana
Estero
19 ore

Scholz: ‘Kiev non userà armi occidentali per colpire in Russia’

Il cancelliere tedesco rassicura sulle intenzioni della leadership ucraina dopo le dichiarazioni del rappresentante di Zelensky al Parlamento
Estero
19 ore

Sequestra e sevizia una escort costringendola a sniffare coca

Un uomo è stato arrestato a Desio, nei pressi di Monza. A salvare la ragazza, una chiamata ai carabinieri di un’amica che non era riuscita a rintracciarla
Estero
19 ore

Il Pakistan blocca Wikipedia: ‘Contenuti blasfemi’

L’enciclopedia partecipativa online segue lo stesso destino di Facebook e YouTube
Estero
1 gior

Australia, 16enne uccisa da uno squalo in un fiume

Non è nota la specie che ha azzannato la ragazza mentre nuotava nel fiume Swan uccidendola. L’ultimo attacco mortale in un fiume risale al 1960
iran
2 gior

Teheran rilascia il regista Panahi dopo 7 mesi di carcere

Libero il vincitore del Leone d’Oro 2000. Foto scioccanti di un altro attivista durante lo sciopero della fame
la guerra in ucraina
2 gior

Kiev denuncia il capo del gruppo Wagner per crimini di guerra

Prigozhin nel mirino: ‘Non sfuggirà alle sue responsabilità’
la guerra in ucraina
2 gior

Zelensky all’Ue: ‘Negoziati nel 2023’. Dubbi tra i 27

Michel insiste, indispettendo i russi: ‘Il vostro destino è con noi’
stati uniti
2 gior

Pallone-spia cinese sugli Usa, Blinken non va a Pechino

L’ira di Washington. La Cina si scusa: ‘Faceva solo rilievi meteo’
medio oriente
2 gior

La Siria restaura il museo di Palmira distrutto dall’Isis

Ma l’area è oggi una piazzaforte di milizie jihadiste filo-Iran
Cina
2 gior

‘Macché pallone spia: è una sonda per misurazioni meteo’

Pechino si rammarica per l’incidente: ‘Pronti a collaborare per un’adeguata gestione di questa situazione imprevista causata da forza maggiore’
01.02.2022 - 20:09

Israele-Amnesty: ‘Apartheid a chi?”

Tel Aviv accusa l’Ong di antisemitismo in risposta a un dettagliato dossier sui crimini sistematici commessi da Tel Aviv nei confronti dei palestinesi

israele-amnesty-apartheid-a-chi
Un bambino palestinese davanti a due soldati israeliani a Hebron (Keystone)

Apartheid sembrava una di quelle parole destinate a rimanere impigliate nel Novecento, buona per i libri di storia e come memento. Associata immediatamente alla parabola di Nelson Mandela e al Sudafrica, in cui la stragrande maggioranza nera veniva soggiogata da una minoranza bianca, si fatica ad applicare ad altri contesti, come se quel modello fosse unico e non replicabile, un incidente a sé. Proprio come la parola stessa, apartheid, termine emerso dalla lingua afrikaans, quella usata dai conquistatori bianchi dell’Africa meridionale.

Amnesty International non ha paura ad appiccicare quell’etichetta infamante riguardo alla politica israeliana nei confronti dei Palestinesi che vivono nello stato ebraico, Cisgiordania o Gaza che sia.


L’arresto di un palestinese (Keystone)

Rissa preventiva

Già lunedì erano volati i primi stracci tra la Ong e Israele, che – preavvisato del contenuto del dossier di 182 pagine presentato poi ieri a Gerusalemme est – aveva messo subito le mani avanti accusando Amnesty International di “antisemitismo”, un riflesso pavloviano che Tel Aviv proprio non riesce a tenere a freno quando qualcuno devia dalla sua granitica e inattaccabile autonarrazione dei fatti. Il rapporto non sarebbe solo antisemita, dunque, ma “falso e parziale“, un modo di dare voce “alle bugie delle organizzazioni terroristiche“ secondo il ministro degli Esteri Yair Lapid. Un politico con un passato, nemmeno troppo lontano, da giornalista. Un lavoro che presuppone la verifica dei fatti.


Yair Lapid (Keystone)

Tant’è, secondo Lapid, Amnesty non è più una struttura “rispettata” ma solo “un’altra organizzazione radicale che echeggia propaganda senza un serio esame”. “Israele - ha aggiunto - non è perfetto, ma è una democrazia imperniata sulla legge internazionale e aperta all’indagine, con una stampa libera e una forte Corte Suprema”. “Amnesty non definisce la Siria, dove il regime ha ucciso più di un milione e mezzo dei suoi stessi cittadini, uno stato dell’apartheid. E neppure l’Iran o altri regimi sanguinari del mondo. Solo Israele”. Che ci siano altri crimini orrendi in Medio Oriente e in giro per il mondo, nessuno lo nega. Ma l’apartheid è un crimine specifico, buttare tutto nello stesso calderone fingendo di non sapere di cosa si sta parlando (o ignorarlo, che è forse peggio) sembra una tattica di basso livello.

Il richiamo all’Olocausto

Il ministero degli Esteri ha aggiunto quel tocco di autocommiserazione che non deve mai mancare in ogni lamentela col timbro di Tel Aviv: “A breve distanza dal Giorno della Memoria apprendiamo di nuovo che l’antisemitismo non è solo una parte della storia, ma sfortunatamente è parte della realtà di oggi”. Amnesty userebbe “doppi standard e demonizzazione per delegittimare Israele. Queste sono le esatte componenti di cui è fatto l’antisemitismo moderno”. Centrando un po’ meglio il significato di apartheid, alcuni analisti hanno tuttavia ricordato che dell’attuale maggioranza di governo in Israele fa parte anche Raam, partito arabo di ispirazione islamica. “Il rapporto - era stata la conclusione del ministero - consolida e ricicla bugie, inconsistenze e asserzioni non provate che originano da ben conosciute organizzazioni di odio contro Israele. Ripetere queste bugie non le fa vere ma piuttosto rende Amnesty illegittima”.


La consegna di un documento d’identità provvisorio a un palestinese (Keystone)

Accuse documentate

Ma cosa c’è scritto nel dossier della Ong Premio Nobel per la Pace da far infuriare così tanto Israele? Accuse, documentate, che vanno dalle requisizioni di terre e proprietà alle uccisioni illegali, dai trasferimenti forzati alle drastiche limitazioni di movimento, oltre al diniego della nazionalità e della cittadinanza. Tutti elementi di un sistema - scrive Amnesty - “che costituisce apartheid secondo il diritto internazionale”. A tal proposito si fa riferimento allo Stato di Roma e alla Convenzione sull’apartheid e si chiede al Tribunale penale internazionale (Tpi) di includere il crimine di apartheid nella sua indagine sui Territori palestinesi occupati, così da esercitare la giurisdizione universale “per portare i responsabili di crimini di apartheid di fronte alla giustizia”.

“Il nostro rapporto rivela la reale portata del regime dell’apartheid di Israele. Che vivano a Gaza, Gerusalemme Est, a Hebron o in Israele, i palestinesi sono trattati come un gruppo razziale inferiore e sono sistematicamente privati dei loro diritti. È chiaramente apartheid” ha dichiarato Agnès Callamard, segretaria generale di Amnesty International, che ha proseguito: “Non vi è alcuna giustificazione possibile per un sistema costruito sull’oppressione razzista istituzionalizzata e prolungata di milioni di persone. L’apartheid non ha posto nel nostro mondo e gli Stati che scelgono di essere indulgenti verso Israele si troveranno a loro volta dal lato sbagliato della storia”. A proprio supporto Amnesty cita documenti di altre Ong palestinesi, internazionali e anche israeliane.


Insediamenti israeliani in Cisgiordania (Keystone)

“L’uccisione illegale di manifestanti palestinesi è forse la più chiara illustrazione di come le autorità israeliane ricorrano ad atti vietati per mantenere lo status quo. Nel 2018 i palestinesi di Gaza hanno iniziato a tenere proteste settimanali lungo il confine con Israele…a fine 2019, le forze israeliane avevano ucciso 214 civili, inclusi 46 minorenni”. Seguono altre cifre, soprusi, indagini su alcune situazioni fumose e su altre – al contrario – chiarissime, incontrovertibili, lapidarie. Non per Lapid.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved