quirinale-il-favorito-ora-e-casini
Pierferdinando Casini (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
47 min

Finlandia e adesione alla Nato, sì in Commissione parlamentare

Il parere della Commissione affari esteri segna il completamento di un’altra tappa legislativa richiesta ad Helsinki per aderire all’Alleanza Atlantica
Video e Foto
Estero
LIVE

Kiev: ‘Azovstal ha impedito la conquista di altre zone’

Ieri sera 264 militari hanno potuto lasciare l’acciaieria a bordo di una dozzina di autobus. Segui il live de laRegione
Confine
2 ore

Violenta rissa con coltellata a Ponte Chiasso

Lo scontro è avvenuto ieri sera alle 21 in una pizzeria a ridosso della dogana. I sanitari hanno medicato sul posto una mezza dozzina di persone
Confine
4 ore

Corpo trovato a Como, accanto i documenti di un 66enne svizzero

Gli inquirenti ipotizzano che si tratti di un senzatetto. Per il momento non ci sarebbero elementi che possano far pensare a una morte violenta.
Estero
4 ore

Buffalo, il killer aveva postato online il piano dettagliato

Nel documento il giovane descrive non solo il supermarket preso di mira, ma anche altri due posti dove ‘uccidere tutti gli afroamericani’
Estero
17 ore

Gli hacker russi ‘dichiarano guerra’ a dieci Paesi ‘russofobi’

Il collettivo filorusso Killnet ha iniziato con l’attacco al sito della polizia italiana. Nel mirino anche Usa, Germania, Regno Unito e gli Stati baltici
Francia
18 ore

Francia, Elisabeth Borne è la prima donna premier dopo 30 anni

La ministra del Lavoro è stata nominata oggi dal presidente Macron. Succede a Jean Castex appena dimessosi
Stati Uniti
18 ore

Il killer di Buffalo ha risparmiato un cliente bianco scusandosi

La scena è stata immortalata nel video pubblicato su Twitch (poi rimosso) da Payton Gendron, il 18enne suprematista autore della strage a sfondo razziale
Confine
19 ore

Como, investimenti per 44 milioni nel teleriscaldamento

L’investimento verrà effettuato da Varese Risorse. I consumi energetici verranno ridotti del 38,7% e le emissioni di anidride carbonica del 32,5%
Estero
19 ore

Francia, si è dimesso il premier Castex, pronta Elisabeth Borne

Pochi dubbi sull’imminente nomina a primo ministro dell’attuale ministra del Lavoro, che sarebbe la prima donna in carica dopo 30 anni
Estero
19 ore

Crisi Covid in Corea del Nord, Kim Jong-Un mobilita l’Esercito

Il leader nordcoreano ha contestato la reazione del suo gabinetto e ordinato la mobilitazione di medici ed attrezzature sanitarie dell’Esercito popolare
Estero
20 ore

Abusi in coppia su 13enne, condannata attrice di Doctor Strange

Zara Phythian e il marito Vitkor Marke sono stati condannati a 8 e 14 anni di carcere per aver abusato di una ragazza adolescente
Estero
21 ore

La Svezia farà richiesta di adesione alla Nato

Lo ha comunicato la premier Magdalena Andersson. Quasi tutti i partiti svedesi hanno dato il loro appoggio. Contrari Sinistra e Verdi
italia
26.01.2022 - 21:42
Aggiornamento : 22:08

Quirinale, il favorito ora è Casini

Stop a Casellati, nome proposto da Salvini. Malumori in Fdi e M5S. In vista della quarta votazione resta ancora sullo sfondo l’opzione Draghi

Ansa, a cura de laRegione

Una vigilia di grandi incognite, una notte di lunghe trattative. Matteo Salvini fatica a sbloccare la partita del Quirinale. Anzi, la terza votazione ingarbuglia la matassa e pone il leader della Lega di fronte al bivio: tenere unita la maggioranza, e quindi il governo, su un nome come quello di Pier Ferdinando Casini (o altro profilo, che ad ora non c’è) o puntare su un nome di centrodestra, opzione rischiosissima e che con il passare delle ore sembra scemare, perché se la spallata, su un nome come Elisabetta Casellati, fallisse, perderebbe la leadership del centrodestra.

La terza via, quella di proporre Mario Draghi per il Quirinale, con una scelta su cui Fdi non sarebbe ostile, sembra per ora ancora remota. E nell’avvitamento, tra le fila del M5s e in parte del Pd, si torna a sperare che anche la quarta votazione vada a vuoto e poi la quinta, fino ad arrivare alla richiesta del bis a Sergio Mattarella.

Un nome che tenga insieme la maggioranza, dunque. È questa l’opzione che il leader leghista sembra prendere in considerazione a sera, anche dopo una telefonata con Silvio Berlusconi e dopo che dal Cavaliere a trattare vanno Tajani, Ronzulli e Dell’Utri. In campo, di sponda con il centrosinistra, sembrano esserci per ora solo Casini - che però alimenta malumori nel M5s - o Giuliano Amato. Ma il secondo al momento non è un’opzione e su Casini il no di Meloni è netto, mentre i dubbi di Salvini come del Cavaliere sembrano tantissimi ma si diradano con il passare delle ore.

Rischio caduta del governo

Tra le truppe parlamentari, il dubbio è più grande è che l’elezione dell’ex presidente della Camera al Quirinale possa portare alla caduta del governo, con conseguenti elezioni anticipate perché - questa la tesi - Draghi non accetterebbe di restare a Palazzo Chigi. Ma è solo la tenuta della maggioranza, ricorda chi è vicino al premier, la condizione cui Draghi ha legato la vita dell’esecutivo, mentre non hanno fondamento le indiscrezioni, che si sono rincorse in queste ore, secondo le quali legherebbe la sua permanenza al governo al nome del capo dello Stato, restando solo in caso di bis di Mattarella o Amato.

Casini, dunque. In questa direzione spingono non solo l’area centrista e Matteo Renzi, ma anche diversi esponenti Pd a partire da Dario Franceschini e un pezzo di Fi. Per Enrico Letta e i Dem sarebbe una soluzione tutto sommato indolore. Soprattutto se si considera il punto di partenza. Perché la giornata si apre con l’ipotesi, più che concreta, che Salvini porti il centrodestra (e un pezzo del M5s) a votare Casellati.

I no di Letta e Renzi

Letta e Renzi si muovono in asse per dire di no, avvertendo - la Lega ma anche il M5s - che così finirebbe la maggioranza e cadrebbe il governo. Con parole analoghe a quelle di Luigi Di Maio. Anche Giuseppe Conte interviene a dire che sarebbe un errore" votare Casellati. Il presidente del Senato ha numerosi colloqui in transatlantico, parla con Meloni e i numerosi parlamentari che la fermano. Ma a sera, dopo ore di tensione a sinistra, l’ipotesi sembra tramontare.

Nella lunga giornata di trattative, ci sono colloqui continui tra i leader, Letta e Salvini si vedono. Gira voce (mai confermata) che il leader leghista sarebbe tornato a sentire Draghi. E circolano ipotesi alternative, il giurista Sabino Cassese (che potrebbe essere sostenuto proprio da Salvini, secondo voci non confermate) che però poco piace al M5s, e due candidati graditi a Conte che salderebbero l’asse gialloverde, l’avvocato Paola Severino e il capo del Dis Elisabetta Belloni.

Il caso Crosetto

La Lega è in fermento. Nella terza votazione compaiono non solo tanti voti per Guido Crosetto (nell’interpretazione più diffusa, servono a stoppare Casellati), ma anche qualche scheda per Giancarlo Giorgetti e Umberto Bossi. Non solo Giorgetti, ma anche i governatori sarebbero favorevoli a convergere su Draghi. Si racconta di una riunione di Luca Zaia con i grandi elettori veneti in contemporanea a un incontro di Salvini con i capigruppo e altri dirigenti leghisti.

Le diplomazie lavoreranno tutta la notte. Salvini, dopo una giornata ad alta tensione, si prepara a vedere Letta, Conte, Speranza, Renzi, gli alleati di governo. Una fonte renziana, pregustando il successo, ‘quota’ Casini all’80% e Draghi al 20% di possibilità. Ma i partiti si preparano a tutto, anche a un improvviso cambio di fronte e alla scelta, ipotesi per ora remota, di un nome di centrodestra per contarsi alla quarta votazione che costringerebbe anche il centrosinistra a fare i conti con le proprie divisioni. Il leghista tenta la via della maggioranza unita, per tenere Draghi a Palazzo Chigi. Fino alla quarta votazione, tutto è ancora possibile.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved