a-hong-kong-chiuso-altro-sito-di-news-pro-democrazia-6-arresti
Il direttore di Stand News viene portato in carcere (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
3 ore

Pfizer: vaccini a prezzo di costo nei paesi poveri

‘È ora di cominciare a chiudere questo divario fra chi ha accesso alle cure più avanzate e chi no’, ha detto al Wef il Ceo del colosso farmaceutico
Confine
4 ore

Stroncato da un infarto il senzatetto svizzero trovato a Como

Si tratta di un 66enne il cui corpo era stato scoperto da un giovane lo scorso 15 maggio
Estero
6 ore

Francia, fermato un 18enne: ‘Preparava un attentato per l’Isis’

Il giovane ha ammesso di star organizzando l’attacco. Un video in cui presta fedeltà allo Stato islamico è stato trovato in suo possesso.
Stati Uniti
8 ore

‘Aveva provato a chiamare i soccorsi, ma lui le ha sparato’

Massacro di Uvalde, lo straziante racconto delle piccole vittime della follia omicida del diciottenne
Estero
9 ore

Adesione alla Nato, delegazioni di Svezia e Finlandia in Turchia

Ankara appoggerà la candidatura dei Paesi scandinavi solo se questi rinunceranno al sostegno al gruppo armato Pkk
Speciale Ucraina
LIVE

Zelensky apre ai negoziati. Ma a patto che la Russia si ritiri

Orrore a Mariupol: rinvenuti duecento cadaveri tra le macerie di un rifugio. Segui il live de laRegione
Vaticano
13 ore

‘Basta col traffico indiscriminato delle armi!’

Al cordoglio per le vittime in Texas si unisce Papa Bergoglio. ‘Impegniamoci tutti perché tragedie così non possano più accadere’
Stati Uniti
15 ore

Foto di armi al compagno pochi giorni prima della strage

Dal racconto di altri studenti, il killer veniva spesso deriso per gli abiti che indossava e la situazione finanziaria della famiglia
Stati Uniti
16 ore

Texas, si aggrava il bilancio della sparatoria: 21 i morti

L’ira del presidente Biden: ‘Perché vogliamo vivere con questa carneficina? Perché continuiamo a consentire che questo accada?’
Stati Uniti
1 gior

Texas, spara in una scuola e uccide quindici persone

Tra le vittime quattordici bambini e un insegnante. Morto anche il sospetto autore della strage
svolta in vaticano
1 gior

Per la Cei Bergoglio sceglie Zuppi, ‘prete di strada’

Bassetti lascia la presidenza. Sul tavolo dei vescovi il dossier degli abusi
29.12.2021 - 21:03
Aggiornamento : 21:45

A Hong Kong chiuso altro sito di news pro-democrazia, 6 arresti

Nuova stretta da parte del governo centrale, che chiude Stand News: ‘Pubblicazione sediziosa’. Pechino minaccia anche Taiwan

Ansa, a cura de laRegione

Nuova stretta sui movimenti anti-Pechino ad Hong Kong. Uno dei pochi siti di notizie indipendenti rimasti nell’ex colonia britannica, Stand News, ha chiuso dopo un raid della polizia che ha anche arrestato sei persone tra le quali il direttore Patrick Lam. L’Ue ha subito criticato l’operazione bollandola come l’ennesima dimostrazione del deterioramento della libertà di stampa.

L’accusa, ha riferito la polizia di Hong Kong, è di essere una “pubblicazione sediziosa". Oltre 200 gli agenti mobilitati all’alba per fare irruzione nella sede del giornale, nel distretto di Kwun Tong e le case degli arrestati. Sulla pagina Facebook di Stand News è stato documentato il raid in diretta e dopo qualche ora è comparso il post che annunciava che “a causa della situazione” il sito non sarebbe stato più aggiornato e i contenuti sui social media saranno rimossi "entro un giorno”. Nel post si legge anche che sono stati sequestrati computer e documenti e che la redazione collaborerà alle indagini. Testimoni hanno visto Lam ammanettato mentre veniva portato dentro gli uffici del giornale.

Arresti di spicco

Tra le persone arrestate ci sono la pop star cantonese Denise Ho, che ha fatto parte del consiglio d’amministrazione di Stand News ma si è dimessa a giugno. Margaret Ng, avvocato ed ex membro del Consiglio legislativo locale, e Chung Pui-kuen, ex direttore di Stand News. Gli altri arrestati sono due ex membri del cda, Chow Tat-chi e Christine Fang. “Il Partito comunista cinese continua a perseguire i giornalisti e i media che osano contraddirlo e dire la verità. Gli arresti di Denise Ho e Maraget Ng sono i primi esempi, tra gli altri”, ha twittato l’oppositore Nathan Law in esilio nel Regno Unito.


La polizia porta via i documenti dalla redazione (Keystone)

Per il portavoce del Servizio di Azione Esterna dell’Ue, Peter Stano, il raid e gli arresti segnalano un ulteriore deterioramento della libertà di stampa ad Hong Kong. “Il rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali sono centrali nella Legge fondamentale di Hong Kong e nel principio ’uno Stato, due sistemi’" e "la libertà di stampa è una chiave di questi diritti e di queste libertà”, ha detto. Stand News è stato oggetto negli ultimi mesi di aspre critiche da parte delle autorità di Hong Kong. Il capo della sicurezza nel territorio, Chris Tang, lo ha accusato all’inizio di dicembre di aver pubblicato informazioni “di parte, diffamatorie e demonizzanti” sulle condizioni di vita nelle carceri.

Il precedente di Apple Daily

È la seconda testata giornalistica locale a trovarsi nel mirino delle autorità. A giugno il quotidiano pro-democrazia Apple Daily ha chiuso dopo che i suoi beni sono stati congelati e i suoi dirigenti sono stati arrestati in base a una nuova drastica legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechino nel luglio 2020. Non essendo questa legge retroattiva, capita che le autorità di Hong Kong invochino un’ordinanza sulla “sedizione", imposta dalla Gran Bretagna all’inizio del XX secolo e rimasta lettera morta per decenni, per reprimere il dissenso. E nelle stesse ora in cui la polizia di Hong Kong faceva irruzione nella sede del giornale, la Cina attaccava Taiwan minacciando “misure drastiche” se si muoverà verso l’indipendenza. Il portavoce dell’Ufficio per gli affari di Taiwan, Ma Xiaoguang, ha sottolineato nel corso di una conferenza stampa che Pechino è pronta a fare tutto il possibile per cercare la riunificazione pacifica con Taiwan, ma agirà se le linee rosse dell’indipendenza saranno superate. "Se le forze separatiste che chiedono l’indipendenza di Taiwan provocano, esercitano forza o addirittura superano una linea rossa, dovremo adottare un’azione drastica”, ha detto Ma.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cina hong kong libertà di stampa pechino pro-democrazia stand news taiwan
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved