il-giudice-lucano-si-e-arricchito-con-i-soldi-dello-stato
Mimmo Lucano (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
10 ore

‘Severodonetsk completamente occupata dall’esercito russo’

La città è stata teatro di feroci combattimenti per diverse settimane.
Estero
14 ore

Sparatoria a Oslo, si indaga per atto di terrorismo islamico

Il sospettato è nel radar dell’intelligence norvegese dal 2015 per l’appartenenza a una rete estremista. Annullata la marcia Lgbt prevista per oggi.
Estero
18 ore

Siccità in Italia: ‘Quasi tutto il Paese entrerà in zona rossa’

Il ministro delle Politiche agricole Patuanelli parla di situazione drammatica. Ieri in Lombardia è stato decretato lo stato di emergenza.
Estero
18 ore

Kiev: ‘Dalla Bielorussia lanciati missili contro Chernihiv’

L’attacco alla regione ucraina sarebbe avvenuto intorno alle 4 di questa mattina (ora svizzera)
Estero
20 ore

Borrell arrivato in Iran per rilanciare l’accordo sul nucleare

L’alto rappresentante per politica estera dell’Ue cercherà di convincere il Paese a firmare l’intesa
Estero
21 ore

Sparatoria a Oslo: due morti e 14 feriti. Arrestato un uomo

L’attacco è avvenuto in tre luoghi vicini: il club gay London Pub, il jazz club Herr Nilsen e un punto vendita di cibo da asporto.
Estero
1 gior

Via libera del Congresso Usa alla stretta sulle armi

Anche la Camera dei rappresentanti ha approvato il provvedimento, ora sulla scrivania del presidente Joe Biden
Confine
1 gior

L’Italia taglia ancora fino ad agosto le accise sui carburanti

Prorogata fino al 2 agosto la riduzione complessiva di 30,5 centesimi di euro al litro per benzina, diesel, gpl e metano
Estero
1 gior

La Corte Suprema Usa cancella il diritto federale all’aborto

Abolita dopo 50 anni la storica sentenza Roe v. Wade del 1973 che legalizzava l’aborto. Ora ogni Stato potrà legiferare liberamente in materia
italia
17.12.2021 - 20:16
Aggiornamento : 20:37

Il giudice: “Lucano si è arricchito con i soldi dello Stato”

Le motivazioni della sentenza sul caso Riace: strumentalizzata dell’accoglienza. Lui risponde: tutte cose non vere

Ansa, a cura de laRegione

L’ex sindaco di Riace Domenico “Mimmo" Lucano, da "dominus indiscusso" di un’associazione a delinquere "ha strumentalizzato il sistema dell’accoglienza a beneficio della sua immagine politica" ed ha utilizzato “gran parte” delle risorse inutilizzate per i progetti di accoglienza e integrazione dei migranti per la “realizzazione di plurimi investimenti” che "costituivano una forma sicura di suo arricchimento personale su cui egli sapeva di poter contare a fine carriera”.

‘Furbizia travestita da falsa innocenza’

Sono durissime le motivazioni della sentenza con cui il Tribunale di Locri, il 30 settembre scorso, ha condannato Lucano a 13 anni e 2 mesi di reclusione per irregolarità nella gestione del modello Riace. Quel modello di integrazione che lo stesso giudice estensore delle motivazioni, il presidente del Tribunale Domenico Accurso dimostra di avere apprezzato dando atto a Lucano, di avere “realizzato l’encomiabile progetto inclusivo che si traduceva nel cosiddetto Modello Riace, invidiato e preso ad esempio da tutto il mondo”.

Ma, rileva il giudice, l’ex sindaco, “essendosi reso conto che gli importi elargiti dallo Stato erano più che sufficienti, piuttosto che restituire ciò che veniva versato, aveva pensato di reinvestire in forma privata gran parte di quelle risorse". E, afferma ancora Accurso, "nulla importa che l’ex sindaco sia stato trovato senza un euro in tasca, come orgogliosamente egli stesso si è vantato a più riprese, perché ove ci si fermasse a valutare questa condizione di mera apparenza, si rischierebbe di premiare la sua furbizia, travestita da falsa innocenza”.

Lo sgomento dell’ex sindaco

Parole che hanno provocato l’immediata reazione di Lucano. “Non mi aspettavo complimenti ma neanche che il Tribunale mi condannasse sulla base di cose non vere“. L’ex sindaco non riesce a darsi pace, non più e non soltanto per la condanna - il doppio di quella chiesta dalla Procura - ma ora anche per le motivazioni. "È tutto molto strano - dice - dal processo non si evince per nulla l’interesse economico”. Lucano si accalora perché “si infanga ancora una volta la mia immagine ma io non voglio che la gente abbia dubbi su di me” e, comunque, si dice certo di dimostrare la sua innocenza in appello. Il giudice, spiegando la mancata concessione delle attenuanti, quelle generiche e quelle chieste dalla difesa (per aver agito per motivi di particolare valore morale o sociale, ndr), afferma anche che dal processo è emerso che "la finalità per cui egli operò per oltre un triennio non ebbe nulla a che vedere con la salvaguardia degli interessi dei migranti, della cui presenza tuttavia ebbe a servirsi astutamente, a mo’ di copertura delle sue azioni predatorie, solo allorquando furono resi noti i contenuti di questa indagine”.

Il processo, in definitiva, per il giudice “ha messo in luce meccanismi illeciti e perversi, fondati sulla cupidigia e sull’avidità, che a un certo punto hanno cominciato a manifestarsi in modo prepotente in quei luoghi e si sono tradotti in forme di vero e proprio ‘arrembaggio’ ai cospicui finanziamenti che arrivavano”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
giudice italia mimmo lucano motivazioni riace sentenza sindaco
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved