assange-la-corte-ribalta-il-verdetto-contro-estradizione
WikiMedia
Julian Assange
10.12.2021 - 11:44
Aggiornamento : 19:57

Assange, la corte ribalta il verdetto contro estradizione

La sentenza dello scorso gennaio negava agli Stati Uniti di portare il giornalista nel Paese, la motivazione della decisione era di pericolo di suicidio

Ats, a cura de laRegione

L’Alta Corte di Londra ha ribaltato la sentenza di primo grado emessa lo scorso gennaio che negava l’estradizione di Julian Assange dalla Gran Bretagna agli Usa.

È stato così accolto il ricorso del team legale americano che si opponeva al no alla consegna dell’ex primula rossa sulla base di un asserito pericolo di suicidio legato – secondo una perizia – al prevedibile trattamento giudiziario e carcerario. È quindi previsto che il caso venga rinviato al tribunale di grado inferiore per essere ascoltato nuovamente.

I giudici britannici hanno quindi accolto le rassicurazioni sul trattamento in carcere di Assange, una volta che fosse estradato negli Usa, fatte dalle autorità americane per evitare un temuto suicidio.

Lord Burnett ha infatti dichiarato: “Questo rischio è a nostro giudizio escluso dalle rassicurazioni che vengono offerte”. E ha aggiunto: “Questa conclusione è sufficiente per determinare il ricorso a favore degli Usa”.

Ci si aspetta che Assange presenterà un ricorso contro la decisione. Intanto si sono levate le grida di protesta fra i tanti sostenitori di WikiLeaks che si trovano davanti alle Royal Courts of Justice nella capitale britannica.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
assange sentenza suicidio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved