in-australia-koala-a-rischio-a-causa-della-clamidia
Wikipedia
07.11.2021 - 17:30
Aggiornamento: 17:51

In Australia koala a rischio a causa della clamidia

La malattia sessualmente trasmissibile ha già colpito quattro quinti degli animali in una zona rurale dell’Est del Paese. Pericolo di estinzione

La clamidia minaccia i koala in Australia: la malattia sessualmente trasmessa ha già colpito oltre l’80% della popolazione di questi animali in una zona rurale nell’Est del Paese e si sta diffondendo rapidamente su tutto il territorio nazionale, tanto da spingere gli esperti a parlare già di possibili “estinzioni localizzate”.

La malattia colpisce oltre 100 milioni di persone ogni anno a livello mondiale e può causare infertilità se non viene curata. Per i koala, riporta la Cnn, una epidemia incontrollata di clamidia può causare cecità e cisti nel tratto riproduttivo che possono portare alla sterilità o alla morte.

Nel 2008 c’era una “prevalenza molto, molto bassa di clamidia”, di circa il 10% della popolazione di koala a Gunnedah, una città rurale nel Nordest del Nuovo Galles del Sud, spiega Mark Krockenberger, docente di patologia veterinaria all’Università di Sydney. Nel 2015 questo tasso era già salito al 60% e ora è di circa l’85%. “Praticamente ogni femmina infetta da clamidia diventa sterile entro un anno, forse due anni al massimo... Anche se sopravvivono, non si riproducono”, prosegue l’esperto.

E situazioni come quella di Gunnedah si stanno verificando tra le popolazioni di koala in tutto il Paese, minacciando la sopravvivenza di questi animali già vulnerabili a causa dei sempre più devastanti incendi boschivi e della perdita di habitat causata dalla deforestazione. Gli scienziati stanno sperimentando i vaccini per combattere questo batterio ma Krockenberger non esclude il peggio: “Corriamo un rischio molto alto se questa strategia vaccinale non funziona... di estinzioni localizzate”, mette in guardia.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
australia clamidia koala
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved