estradato-a-miami-l-uomo-di-maduro
Un manifesto in favore di Alex Saab (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
LIVE

‘Per Mosca una telefonata tra Blinken e Lavrov ora non è utile’

Il segretario di Stato americano e il ministro degli Esteri russo non si parlano dallo scorso febbraio. Segui il live de laRegione
Estero
8 ore

In Spagna lo Stato pagherà i congedi mestruali

Primo Paese in Europa a fare una legge. Permessi speciali di durata variabile. ‘Basta andare al lavoro imbottite di pillole’
libano
9 ore

Hezbollah perde la maggioranza, ma non il potere

Entusiasmo per i 13 seggi del fronte del ‘cambiamento’, ma si teme un nuovo stallo politico, che potrebbe essere fatale con la crisi economica e sociale
Estero
10 ore

‘Il Boeing cinese è stato fatto precipitare intenzionalmente’

Qualcuno nella cabina di pilotaggio ha fatto schiantare al suolo l’aereo della China Eastern, scrive il Wall Street Journal. Erano morte 132 persone.
Confine
11 ore

‘Big’ della logistica, infiltrazioni di ’ndrangheta dal Comasco

Un affiliato ai clan residente nel Comasco si sarebbe infiltrato nei subappalti della filiale italiana della tedesca Schenker, ora commissariata
Estero
12 ore

Germania: chiesti 5 anni per una ex guardia SS di 101 anni

L’uomo è accusato di aver aiutato tra il 1942 e il 1945 a uccidere più di 3’500 prigionieri
Confine
15 ore

AlpTransit a sud di Lugano, dall’Italia passi avanti

Per potenziare il traffico merci le Ferrovie italiane stanziano 100 milioni per il centro intermodale di Milano-Segrate, 70 milioni li mette la Svizzera
Estero
16 ore

Finlandia nella Nato, arriva anche il sì finale del parlamento

Larghissima maggioranza a favore dell’adesione di Helsinki: 188 i favorevoli, 8 i contrari. La richiesta dovrà ora essere approvata da tutti i 30 membri
Estero
17 ore

Il pugno duro della Cina contro il Covid

Le misure draconiane in numerose città dipendono da considerazioni sanitarie, ma anche politiche
venezuela
17.10.2021 - 21:06
Aggiornamento : 21:52

Estradato a Miami l’uomo di Maduro

Alex Saab era a Capo Verde. Caracas blocca il dialogo con l’opposizione

Ansa, a cura de laRegione

Le relazioni fra Stati Uniti e Venezuela sono tornate al rosso vivo dopo l’estradizione da Capo Verde verso Miami, in Florida, di Alex Saab, inviato chiave del presidente Nicolás Maduro, accusato dalla giustizia Usa di avere realizzato operazioni di riciclaggio per centinaia di milioni di dollari, utilizzando anche il sistema bancario americano. Appena avuta conferma della partenza dell’aereo del Dipartimento della Giustizia Usa dall’isola di Sal, il Venezuela ha denunciato il “sequestro” di Saab da parte di Washington in complicità con Capo Verde.

La reazione dei fedelissimi

Subito dopo il presidente dell’Assemblea nazionale (An), Jorge Rodríguez, ha dichiarato che si è trattato di una “azione illegale e disumana, dannosa per il diritto internazionale” che “costituisce un nuovo atto di aggressione degli Usa contro il Venezuela”. In segno di protesta Rodríguez ha annunciato la sospensione della partecipazione del governo al quarto round di dialogo con l’opposizione venezuelana che doveva cominciare oggi in Messico. Inoltre la polizia ha prelevato dalla loro residenza di Caracas, dove erano agli arresti domiciliari, sei cittadini americani ex dirigenti di Citgo, filiale americana della compagnia petrolifera Pdvsa, per trasferirli in un a località sconosciuta.

Esulta il colombiano Duque

L’avvenuta estradizione è stata invece salutata dal leader dell’opposizione Julio Borges, coordinatore nazionale di Primero Justicia. Si tratta, ha detto, di “un passo fondamentale per portare alla luce la corruzione e i saccheggi del regime venezuelano". Da parte sua il presidente colombiano Iván Duque ha sostenuto che la vicenda costituisce "un trionfo della lotta al narcotraffico, al riciclaggio e alla corruzione propiziata dalla dittatura di Maduro”.


Il presidente del Venezuela Nicolas Maduro (Keystone)

Chi è Saab

Saab, 49 anni, ha ottenuto la cittadinanza venezuelana, gestendo per molti anni con grande discrezione per conto di Caracas una complessa rete di relazioni internazionali, volta a rendere possibili i progetti di assistenza sociale e alimentare (Clap) del governo venezuelano. Questa attività è stata però interrotta all’improvviso il 12 giugno 2020 con l’arresto a Capo Verde di Saab insieme al suo socio Alvaro Pulido durante uno scalo tecnico in un viaggio che doveva portarlo in Iran e Russia.

Per tentare di evitarne l’estradizione, oltre a contrattare legali di alto livello fra cui lo spagnolo Baltasar Garzón, Caracas ha prima rivelato che dal 2018 Saab aveva uno status diplomatico venezuelano, e poi lo ha inserirlo nella delegazione governativa che ha aperto in Messico un dialogo con l’opposizione guidata da Juan Guaidó. Dopo l’arrivo dell’aereo a Miami, Nicole Navas, portavoce del Dipartimento della Giustizia Usa, ha annunciato che Saab comparirà domani pomeriggio (la sera in Italia) davanti al giudice John J. O’Sullivan del tribunale federale Usa per il distretto meridionale della Florida dove gli saranno comunicate le imputazioni a suo carico.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alex saab capo verde caracas miami nicolás maduro stati uniti venezuela
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved