ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

I filorussi si proclamano vincitori dei referendum

Secondo l’agenzia Tass nel Lugansk il ‘sì’ ha vinto con il 98,52%, nel Donetsk con il 94,75%, nell’area di Kherson con l’87,05%
medio oriente
6 ore

Dall’Iran al Libano, la rivolta è donna

In piazza per rivendicare il diritto di non portare il velo oppure a rapinare banche che occultano i loro risparmi: un mondo messo a tacere alza la voce
italia
13 ore

Elezioni: ancora 109 posti in Parlamento da assegnare

Le donne sono la metà degli uomini. Per completare i nomi di deputati e senatori resta da capire cosa sceglieranno i leader che erano in più listini.
Estero
13 ore

‘Plebiscito per l’annessione’. Putin vuole smembrare l’Ucraina

Medvedev torna ad agitare lo spettro dell’atomica. Per i filorussi il 95% avrebbe votato a favore
mar baltico
14 ore

Perdite di gas da Nord Stream. Scambi di accuse: ‘Sabotaggio’

Danni “senza precedenti” nel tratto tra Danimarca e Svezia a 80 metri di profondità. E intanto il prezzo sale
Russia
17 ore

In sette giorni 66’000 russi sono entrati nell’Unione europea

La maggior parte, fuggita dopo la mobilitazione annunciata da Putin, è passata attraverso i valichi di frontiera finlandesi ed estoni
Stati Uniti d'America
17 ore

Elon Musk diventa il più ricco d’America

Scalzato l’ex ceo di Amazon Jeff Bezos. Al terzo posto il fondatore di Microsoft Bill Gates. Fuori dalla top ten Mark Zuckerberg.
inghilterra
18 ore

Ben 27 miliardi di monete dovranno essere sostituite con Cr3

Reso noto il nuovo sigillo dedicato a Carlo III, monogramma che sarà utilizzato su edifici pubblici, documenti, francobolli e invii postali
Confine
19 ore

Scacchi, al Trofeo Castello in Valsolda vince Luca Baluta

La quinta tappa del VII° Grand Prix under 16 della Svizzera italiana si è tenuta sabato 24 settembre
LA GUERRA IN UCRAINA
20 ore

Un agosto a Kaliningrad

Il mio amore per la Russia non può giustificare l’Operazione militare speciale in Ucraina.
29.09.2021 - 21:24
Aggiornamento: 21:49

Prima donna premier in Tunisia

Najla Bouden incaricata di formare il nuovo governo dal presidente contestato. Se ci riuscirà sarà la prima volta per un Paese arabo

Ansa, a cura de laRegione
prima-donna-premier-in-tunisia
Najla Bouden (Keystone)

Tardiva e controversa la decisione odierna del presidente tunisino Kais Saied di incaricare Najla Bouden per la formazione di un nuovo governo, una prima assoluta per una donna in Tunisia e in tutto il mondo arabo. Ad oltre due mesi da quello che l’opposizione bolla come “il golpe” del 25 luglio scorso - quando Saied destituì il premier Hichem Mechichi e sospese i lavori del Parlamento per poi rafforzare ulteriormente le sue di prerogative - il presidente con una mossa a sorpresa ha affidato oggi ad un’accademica il compito di ridare un esecutivo al Paese “nel più breve tempo possibile”.

Un governo però che lui stesso ha svuotato di poteri, tanto che alcuni oppositori già parlano di “una scelta di facciata“ sulla Bouden, mentre Angela Merkel proprio oggi ha ricordato in una telefonata con Saied come sia “essenziale” che la Tunisia torni ad essere “una democrazia parlamentare”. "È un onore per la Tunisia e un tributo alle donne tunisine”, ha detto comunque il presidente annunciando il conferimento dell’incarico e sottolineando a più riprese il carattere “storico” della nomina in un Paese da sempre pioniere dei diritti delle donne in quest’area del mondo. "Sono onorata di essere stata incaricata. Il nostro compito principale sarà combattere la corruzione”, è stato il tweet della prescelta.

La biografia

Nata nel 1958 e scienziata di formazione, Bouden è praticamente sconosciuta al grande pubblico ma anche ai professionisti della politica. Professoressa di geologia, finora aveva ricoperto solo incarichi di secondo piano nei ministeri.

La sua nomina conferma la linea del presidente di un taglio netto con il mondo della politica, ed infatti priorità del prossimo governo tunisino sarà “porre fine alla corruzione e al caos che si sono diffusi in molte istituzioni statali”, le ha suggerito Saied ricevendola oggi al Palazzo di Cartagine. L’incarico a Bouden arriva dunque in un quadro tutt’altro che democratico, poco dopo il decreto presidenziale che rafforza il potere di Saied a scapito di esecutivo e parlamento, che di fatto sostituirà legiferando per decreto.


Gli oppositori del presidente in piazza a Tunisi (Keystone)

Parlamento ancora sospeso

Il nuovo governo non riceverà nemmeno la fiducia del parlamento poiché le sue attività sono sospese “fino a nuovo ordine” e agirà in un sistema in cui “il presidente esercita il potere esecutivo con l’aiuto di un consiglio dei ministri presieduto da un capo di governo”. Un esecutivo a conduzione presidenziale, nell’ottica di un cambiamento di sistema che Saied vuole verso la democrazia diretta, o meglio plebiscitaria, che non gli ha risparmiato accuse di autoritarismo e ritorno al passato. Tra l’altro, pur potendo contare ancora su un consenso popolare molto ampio, nelle ultime settimane due manifestazioni contro di lui si sono svolte a Tunisi.

In attesa di reazioni ufficiali dal mondo politico, l’analista Slaheddine Jourchi ha osservato che “la nomina di una donna alla carica di capo del governo è una cosa positiva, un riconoscimento dell’importanza del ruolo delle donne in Tunisia e della loro capacità di avere successo in tutti i campi”. Ma ha espresso scetticismo sulla capacità di Bouden di affrontare efficacemente i dossier che l’attendono non avendo alcuna esperienza di governo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved