BENCIC B. (SUI)
2
MLADENOVIC K. (FRA)
0
fine
(6-4 : 6-3)
tunisia-brusco-stop-a-un-decennio-di-fragile-democrazia
Keystone
Proteste e manifestazioni di sostegno a Saied per le strade di Tunisi
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
4 ore

Obbligo vaccinale dal primo febbraio in Austria

Sono previste sanzioni pecuniarie tra i 600 e i 3’600 euro per chi non si attiene alla norma. La mancata vaccinazione sarà reato penale
Estero
4 ore

Grandi manovre in Israele per il patteggiamento di Netanyahu

Mentre va avanti il possibile accordo con la Procura, trema il mondo politico.
Estero
5 ore

‘Paesaggio lunare’ a Tonga dopo l’eruzione

Fino a 80 mila persone potrebbero essere state colpite dal fenomeno geologico. La cenere sta contaminando le risorse idriche
Estero
7 ore

Trump attacca, “Biden disastro, riprendiamoci l’America”

L’ex presidente Donald Trump suona la carica e lancia la corsa repubblicana alla riconquista della Casa Bianca
Estero
10 ore

Il principe Harry e la scorta fai da te

Le autorità britanniche non vogliono che il membro della famiglia reale paghi le spese per la protezione
Confine
12 ore

Varese, ha insegnato 21 anni con una finta laurea

La scoperta è stata effettuata dalla Guardia di Finanza. Alla donna sono stati cautelativamente sequestrati beni per 350mila euro
Confine
15 ore

Luinese, consigliere della Lega nei guai con la droga

Deteneva marijuana nella sua abitazione e faceva ‘lo sceriffo in paese’. Aveva pure minacciato con l’ascia un ex tossicodipendente
Estero
17 ore

Trump di nuovo all’attacco: ‘Riprendiamoci l’America’

L’ex presidente, durante un comizio in Arizona, ha affermato che ‘la vera insurrezione non fu l’assalto a Capitol Hill ma il giorno dell’Election Day’
Estero
1 gior

Usa: dopo l’eruzione Tonga, onde arrivate anche alle Hawaii

Il National Tsunami Warning Center ha lanciato un’allerta tsunami per la costa occidentale degli Stati Uniti, Alaska compresa
Francia
1 gior

Clip ‘elettorali’ davanti al Louvre, il museo contro la Le Pen

La politica francese si fa riprendere nello stesso punto dove Macron, appena eletto, iniziò il suo mandato. Il museo: ‘Serve l’autorizzazione’
Estero
1 gior

Erutta un vulcano sottomarino, allarme tsunami da Tonga a Fiji

L’eruzione è durata otto minuti ed è stata così violenta da essere stata udita nelle Fiji, a più di 800 km di distanza. Emergenza in tutto il Pacifico
Estero
1 gior

Usa: una task force prepararsi a future varianti

Si chiamerà ‘Pandemic Innovation Task Force’ e si concentrerà sullo sviluppo di vaccini, cure e test diagnostici
Estero
2 gior

Modella brasiliana muore di Covid a 18 anni

Valentina Boscardin era doppiamente vaccinata e sana
italia
2 gior

Berlusconi (quasi) candidato al Quirinale

Il centrodestra lo ha scelto per il dopo Mattarella, ma la sinistra insorge: ‘Non può fare il presidente della Repubblica’
Estero
2 gior

L’assassino di Bob Kennedy resta in carcere

Il governatore della California: ‘Sirhan resta un uomo pericoloso’. La famiglia plaude alla decisione
Estero
2 gior

‘Putin prepara il pretesto per invadere l’Ucraina’

Gli americani sempre più convinti. Intanto spunta un attacco hacker contro Kiev, la Nato e l’Ue offrono sostegno
Estero
2 gior

Basta green pass e smart working, Londra verso la svolta

In Francia ipotesi solo agli over 16. In Germania resta alto l’allarme
Estero
2 gior

La Sindrome dell’Avana a Ginevra

L’oscura malattia neurologica dei diplomatici statunitensi rilevata nel 2016 a Cuba si espande. Si teme sia un attacco elettromagnetico di russi o cinesi
Estero
2 gior

Croazia: in dieci anni persi quasi 400mila abitanti

Per la prima volta in sessant’anni la popolazione scende sotto la soglia dei quattro milioni
26.07.2021 - 19:020

Tunisia, brusco stop a un decennio di fragile democrazia

Il presidente Saied silura premier e parlamento. Gli islamici di Ennahda: ‘È un golpe’. L’esercito in strada.

a cura de laRegione

Tunisi – Era il 17 dicembre del 2010 quando un giovane venditore ambulante di frutta tunisino, Mohamed Bouazizi, si dette fuoco davanti alla sede del governatorato di Sidi Bouzid per protestare contro l'ingiusto sequestro della sua merce da parte delle autorità. Un gesto clamoroso che innescò in tutta la Tunisia quella che venne definita la Rivoluzione dei Gelsomini. In breve tempo la rivolta si diffuse come per un effetto domino anche in molti altri paesi del Nord Africa e del Medio Oriente, in particolare Algeria, Egitto, Libia, Siria, Yemen, accendendo le speranze di una vera Primavera Araba. A distanza di dieci anni, solo la Tunisia ha potuto affermare di essere riuscita a proseguire sulla strada della democrazia. Almeno fino a ieri.

Decisioni ‘nulle’

È una situazione dagli sviluppi imprevedibili quella che sta vivendo il Paese nordafricano dopo l'annuncio del presidente Kais Saied, che ha silurato il premier Hichem Mechichi e sospeso per 30 giorni il parlamento. "Un colpo di stato", l'hanno bollato senza mezzi termini i suoi oppositori, con lo stesso Parlamento che oggi ha definito "nulle" tutte le decisioni del capo dello Stato, assunte "contro la Costituzione".

Il proclama di Saied è giunto domenica notte al termine di una riunione di emergenza con i responsabili della sicurezza dopo l'ennesima giornata di proteste e scontri in varie città, con i manifestanti che chiedevano la fine dell'attuale sistema politico e lo scioglimento del parlamento. Il presidente tunisino ha annunciato di aver assunto temporaneamente la guida del governo "fino alla nomina del nuovo premier" e tolto l'immunità a tutti i membri dell'Assemblea.

Subito dopo il proclama di Saied, migliaia di cittadini festanti si sono riversati nelle strade suonando i clacson delle automobili in segno di giubilo, a dimostrazione del sostegno popolare di cui gode il capo dello Stato, che a notte fonda si è poi concesso un bagno di folla sulla centrale Avenue Bourguiba della capitale per raggiungere la sede del ministero dell'Interno, alla cui testa ha nominato un fedelissimo. Ma se i sostenitori di Saied hanno festeggiato, il presidente del parlamento Rached Ghannouchi, leader del partito islamico Ennhadha, prima forza in aula, ha chiamato i suoi a scendere in piazza per "ripristinare la democrazia" e preservare la rivoluzione, bollando quello di Saied come "un colpo di Stato".

Scenari imprevedibili

"Chi parla di golpe dovrebbe leggere la Costituzione o tornare al primo anno di scuola, io sono stato paziente e ho sofferto con il popolo tunisino", gli ha replicato il presidente, precisando di aver consultato di persona il capo del governo Mechichi e lo stesso Ghannouchi per telefono prima di annunciare le misure, assunte a suo dire in base all'articolo 80 della Carta.

Stamattina i sostenitori di entrambe le posizioni, Ghannouchi in testa, erano davanti ai cancelli del parlamento, sigillato dai militari, a manifestare. Ma, forse anche a causa delle temperature oltre i 40 gradi, le folle oceaniche previste da Ennhadha non si sono viste.

Gli scenari che ora si aprono sono imprevedibili. Oltre alla scontata posizione contraria di Ennhadha e degli islamisti di Al Karama, che rifiutano le decisioni di Saied, anche l'alleato di governo Qalb Tounes ha definito la mossa del presidente "una grave violazione della Costituzione e delle disposizioni dell'articolo 80". Favorevole invece il potente sindacato Ugtt, che sottolinea tuttavia come le misure eccezionali dovranno essere accompagnate da garanzie costituzionali.

Per capire meglio la situazione sarà importante anche decifrare le reazioni della comunità internazionale. La Turchia, notoriamente alleata dei Fratelli Musulmani, si è detta "profondamente preoccupata" e ha chiesto il ripristino della "legittimità democratica", mentre Germania e Russia si sono mostrate caute. L’Ue ha invitato i tunisini al rispetto della Costituzione e "a evitare qualsiasi ricorso alla violenza".

L'affondo di Saied, forte del consenso popolare e della lealtà dell'esercito (al quale si è peraltro appellato anche il parlamento, invitandolo a stare "al fianco del popolo"), è stato comunque durissimo, rafforzato dalle decisioni di chiudere la sede tunisina della tv araba Al Jazeera, vicina alle posizioni di Ennhadha, e di cacciare anche i ministri della Difesa e della Giustizia. Tutto questo si sta consumando dopo mesi di stallo istituzionale che ha visto il presidente tunisino contrapposto al primo ministro Mechichi per via di un rimpasto governativo già approvato dal parlamento a fine gennaio e mai accettato dal capo dello Stato. 

Nuovi partiti, nuova Costituzione

Gli eventi delle ultime ore segnano una grave battuta d'arresto in una marcia che all'inizio aveva in poche settimane portato, il 14 gennaio 2011, al rovesciamento del dittatore Zine el Abidine Ben Ali, rimasto al potere dal 1987, dopo aver spodestato Habib Bourghiba con un colpo di Stato. Da allora, Ben Ali, rifugiatosi in Arabia Saudita, ha subito numerose condanne in contumacia fra cui l'ergastolo per la morte di alcuni manifestanti, ed è poi morto nel 2019 in una clinica di Gedda.

L'elezione nell'ottobre del 2011 di un'assemblea costituente porta al potere i partiti che si erano opposti a Ben Ali, in particolare Ennahda, partito islamico moderato, che ottiene il 37% dei voti e 89 seggi, e del Congresso per la Repubblica, partito laico riformista, che ottiene l'8,7% dei voti e 29 seggi.

Ma soprattutto conduce all'entrata in vigore il 26 gennaio 2014 di una nuova Costituzione, che introduce nel Paese per la prima volta garanzie di uguaglianza e libertà, compresa quella di parola, e stabilisce la divisione del potere esecutivo tra il presidente, il primo ministro e il presidente del Parlamento.

Un governo all’anno

La nuova Carta produce però anche una grave instabilità, che porterà a formare e affondare una lunga serie di nuovi governi, al ritmo di uno all'anno. E che ora ha portato allo scontro tra il primo ministro Hichem Mechichi e il presidente del Parlamento Riad Gannouchi con il presidente Kais Saied, un professore di diritto costituzionale eletto nell'ottobre 2019 come indipendente con il 72% dei voti, sulla base di un programma anti-corruzione.

Uno scontro nato sull'onda di un malcontento diffuso, dovuto a una disoccupazione che vede un terzo dei giovani senza lavoro e un'economia ora più in crisi che mai anche a causa della pandemia.

Frattanto, è cresciuto il disincanto nei confronti della politica, testimoniata dal costante calo dell'affluenza alle urne. Nel corso delle ultime sette consultazioni, la partecipazione è scesa da un massimo del 68% nel 2014 al 42% nel 2019. Ed è forse testimoniata anche dalle scene di giubilo di ieri nelle strade di Tunisi in seguito all'annuncio da parte di Saied di quella che appare come una svolta autoritaria.

L'unica storia di successo della Primavera Araba rischia di finire qui.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved