la-restaurazione-dei-gelsomini
Il presidente tunisino Kais Saied (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Il commento
14 ore

La normalità di un Festival che doveva fare festa

Se già il Concorso ufficiale non ha luce, altri film sono destinati al buio. E non basta la Piazza, forse servirebbe una spiaggia, come fa Cannes
Commento
19 ore

Presidente, che ne dice di ‘Solarissimo’?

Marco Solari ha regnato più di Raimondo Rezzonico, ma ‘il presidentissimo è solo lui’ (e ‘Solarissimo’ fa troppo Megadirettore: si accettano proposte)
Commento
3 gior

L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate

Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
4 gior

Bruce Springsteen ha perso la voce

Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
5 gior

Lugano senza Borradori, un anno dopo

La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
6 gior

Carlo Calenda, il guastatore

L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
6 gior

Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali

Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
1 sett

Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni

I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
1 sett

L’Ucraina e le ambiguità del Papa

Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
1 sett

È il carovita, bellezza!

La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
1 sett

Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’

‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
1 sett

Taiwan, sdraiata su una mina

La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
laR
 
27.07.2022 - 05:30

La Restaurazione dei Gelsomini

Il presidente Saïed ha messo fuori gioco tutti gli avversari politici e ha imposto una Costituzione che cancella la Rivoluzione del 2011

La frittata di gelsomini è fatta. Ci sono voluti dodici anni e uno chef con abbastanza pelo sullo stomaco per rigirarla, ma la rivoluzione tunisina che aveva dato il "la" alla Primavera Araba è diventata - a tutti gli effetti - una restaurazione.

Non più Ben Ali (prima destituito e poi morto, nel 2019), padre padrone di una Tunisia che non c’è più, cucinata a fuoco lento nei suoi 24 anni al potere, ma Kaïs Saïed, il presidente che un anno fa ha preso tutto quel che restava della Rivoluzione dei gelsomini per farne un sol boccone. Abusando della propria posizione di forza dinnanzi al caos istituzionale, Saïed ha cancellato uno a uno i propri avversari, approfittando della rivolta popolare del 25 luglio 2021, anniversario della proclamazione della Repubblica. La gente, che era stufa della corruzione e dell’apatia del governo e del Parlamento, aspettava una mossa e un uomo a cui aggrapparsi. Saïed non ci pensò due volte: prima mise fuori gioco il governo, poi sospese i lavori del Parlamento, infine ostacolò la formazione della Corte Costituzionale, arrivando a mettere fuori gioco 57 giudici, tutti accusati di corruzione.


Supporter del presidente festeggiano la nuova Costituzione (Keystone)

In pratica si è messo a guidare il Paese come se fosse affar suo e solo suo, proprio come l’uomo che la Tunisia non voleva più, Ben Ali. Nel frattempo erano passati più di dieci anni dalla Rivoluzione dei gelsomini e otto dall’entrata in vigore della Costituzione figlia di quella rivolta: una Costituzione avanzata, che metteva per la prima volta e uomo e donna sullo stesso piano, e che veniva presa a modello dai riformatori di altri Paesi musulmani. Doveva essere la prima di tante, non è sopravvissuta nemmeno a se stessa.

La Costituzione studiata da Saïed mette tutti i poteri in mano al presidente, che può predisporre come vuole di governo e Parlamento, senza che dall’altra parte nulla possa controbilanciare il suo potere. Un sorta di sistema super-presidenziale, una dittatura mascherata per alcuni. Certo, c’è il limite dei due mandati, ma intanto Saïed ha spostato la palla più in là, e per di più ci sta giocando da solo. E si ha tutta l’impressione che chi vuol scendere in campo d’ora in poi debba stare alle sue regole.

Lo si è capito già dal referendum costituzionale, che non aveva un quorum e che nemmeno prevedeva come risultato finale un "no". Tutto era predisposto per arrivare a un voto, magari di pochi, ma favorevole: così è stato, con la maggioranza dei partiti che ha caldeggiato l’astensione (mossa autolesionista visto che non c’era un quorum), e Saïed che si è portato a casa la Tunisia come la voleva lui con solamente il 28% degli aventi diritto al voto alle urne.


Le parlamentari in festa dopo il via libera alla Costituzione del 2014 (Keystone)

A chi fa notare che però l’Islam è stato tolto dalla Costituzione come religione di Stato, va ricordato che questa mossa populista non è che una foglia di fico. La Tunisia infatti, esce dalla porta dell’Islam per rientrare dalla finestra. Sullo stesso documento c’è infatti scritto che la Tunisia rientra nell’Umma, la grande nazione islamica: un termine ambiguo, che inscrive il Paese dentro a una struttura ben più rigida, in cui tutto quel che si fa, lo si fa in nome dall’Islam. Non più l’Islam politico di Ennahda, ma quello più conservatore e meno illuminato.

Beffa delle beffe, non casuale (Saïed bada alle date), si andrà a votare per una nuova, vecchissima Tunisia, il prossimo 17 dicembre, lo stesso giorno in cui, nel 2010, l’ambulante Mohamed Bouazizi si diede fuoco per protesta, dando inizio alla Rivoluzione dei gelsomini.

Le proteste del 2011 contro Ben Ali (Keystone)

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ben ali costituzione kais saïed referendum tunisia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved