ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
2 ore

Il Nobel per la Pace va ad Ales Bialiatski (e non solo)

L’attivista bielorusso condivide il riconoscimento con due organizzazioni umanitarie: il Russia’s Memorial e l’Ukraine’s Center for civil Liberties
Confine
3 ore

Domodossola-Briga, treni migliori (e più controlli)

Dopo la protesta dei frontalieri ossolani, incontro in Regione Piemonte per delineare il futuro sulla linea ferroviaria Bls
Estero
4 ore

Milano violenta, arrestati i trapper Baby Gang e Simba La rue

Alla base del provvedimento una lite nella zona della movida finita a colpi di pistola contro due persone. Il giudice: ‘Violenza legata a logica di banda’
Confine
8 ore

Minori non accompagnati, aumenta la pressione in frontiera

Nel suo oratorio di Rebbio, don Giusto della Valle sta attualmente ospitando 15 ragazzi egiziani. A Como mancano strutture sufficienti per tutti.
america latina
14 ore

Nicaragua: Ortega all’attacco delle Ong

Nuova raffica di chiusure per le associazioni, il numero è salito a 2’193
bruxelles
14 ore

Sanzioni europee a Mosca, c’è anche l’ideologo Dugin

Divieto per i cittadini dell’Ue di ricoprire cariche negli organi direttivi di alcune persone giuridiche, entità o organismi controllati dallo Stato russo
stati uniti
14 ore

Biden grazia i condannati per possesso di marijuana

Il presidente americano: ‘Nessuno dovrebbe essere in carcere per questo motivo’
asia
14 ore

Missili e caccia in volo, Kim sfida ancora Usa e Seul

Alta tensione nell’area. Pyongyang: ‘La portaerei Reagan è una grave minaccia’
Estero
15 ore

Nasce la Comunità politica europea, c’è anche la Svizzera

L’incontro a Praga con 44 Paesi presenti. C’è anche la Turchia. Restano fuori solo Russia e Bielorussia
thailandia
22 ore

Entra nell’asilo e fa una strage: 37 vittime, 24 sono bambini

Il killer, un ex poliziotto licenziato dopo un test antidroga, ha poi sterminato la famiglia e infine si è ucciso
Brasile
1 gior

Presidenziali brasiliane, Lula in vantaggio

Nel primo sondaggio in vista del ballottaggio del 30 ottobre in Brasile, l’ex presidente di sinistra incasserebbe il 51% dei favori
Corea del Nord
1 gior

Altri due missili verso il Mar del Giappone

Altre provocazioni dalla Corea del Nord. E dall’ambasciatrice americana all’Onu arriva il richiamo: ‘Basta con questo atteggiamento sconsiderato’
Burkina Faso
1 gior

Burkina Faso, Ibrahim Traoré nominato presidente

Dopo il secondo colpo di Stato nel Paese in meno di nove mesi, al capitano sono stati conferiti pieni poteri
caro-energia
1 gior

L’Opec taglia la produzione di petrolio: schiaffo agli Usa

Diminuzione di due milioni di barili al giorno proprio mentre Washington cercava di contenere i prezzi
tensioni in asia
1 gior

Gli Usa rispondono a Kim, ma il missile si schianta al suolo

Il vettore di Seul fuori controllo ha creato terrore e panico tra gli abitanti di una tranquilla cittadina sulla costa orientale della Corea del Sud
diritti civili
1 gior

Slovenia: il Parlamento approva il matrimonio gay e l’adozione

Si tratta del primo Paese dell’ex area comunista a farlo. Attuata un’indicazione dell’Alta Corte
la guerra in ucraina
1 gior

Putin: ‘Ci riprenderemo tutti i territori persi’

Lo zar promuove Kadyrov e annette anche la centrale nucleare, ma Kiev avanza ancora
laR
 
29.09.2021 - 20:27
Aggiornamento: 22:57

La guerra delle tv tra Germania e Russia

Google e YouTube silenziano Rt, la tv finanziata dal Cremlino per fare propaganda a Occidente. Mosca risponde: ‘Reagiremo allo stesso modo’

la-guerra-delle-tv-tra-germania-e-russia
Vladimir Putin in uno studio di Russia Today (Keystone)

Nell’eterno dilemma se sia meglio Russia Today o una rappresaglia domani, Google ha scelto la seconda strada mettendo di mezzo anche la Germania, riproponendo il braccio di ferro di qualche mese fa tra Facebook e l’Australia e certificando che oggi la diplomazia non si fa solo tra Stati, ma anche con le grandi aziende.

Google ha bloccato i due account di YouTube (società di sua proprietà) dell’emittente russa in lingua tedesca foraggiata direttamente dal Cremlino. La ragione starebbe nelle ripetute violazioni dei termini di servizio sulla diffusione di notizie legate al Covid.

Quando la Russia era ancora Unione Sovietica e a litigare - dall’altra parte - non c’era un gigante del web, ma la Casa Bianca, il modo di trattare le notizie in stile Russia Today aveva un nome sinistro che metteva subito in bocca un sapore di vodka e Pravda: disinformatia, o disinformazia, insomma, propaganda.

I precedenti

Google non se n’è accorta ieri all’improvviso, ma già da tempo limita in qualche modo l’affondo del canale di news russo a Occidente. Nel 2017, l’amministratore delegato Eric Schmidt aveva dichiarato che sia Rt (l’abbreviazione usata anche per mascherare il legame diretto con Mosca) che l’agenzia di stampa Sputnik (anch’essa finanziata dal Cremlino) venivano deindicizzate nelle pagine: insomma, tolte dai risultati o perlomeno piazzate talmente in fondo alle pagine da risultare meno facili da incontrare e consultare.

Mosse di questo genere sono esattamente quelle che rendono labile il confine tra censura di bugie e di punti di vista, perché se è indubbio che Rt e Sputnik abbiano spacciato negli anni vere e proprie bufale per notizie solo per andare incontro agli interessi di Vladimir Putin, come ha osservato la presentatrice di Rt America Abby Martin, “Russia Today mostra un punto di vista dei fatti, proprio come fanno le tv mainstream americane”, evidentemente e inevitabilmente più vicine ai palazzi di Washington e a chi li frequenta.


Uno studio di Russia Today (Keystone)

Durante le ultime elezioni presidenziali francesi non bisognava essere fini conoscitori di quel che ruotava intorno all’Eliseo per capire che a Russia Today - come al Cremlino - Macron non stesse molto simpatico, e tutto o quasi (comprese allusioni alla sua sfera sessuale) era lecito pur di screditarlo e portare voti all’avversaria Marine Le Pen. Tante le segnalazioni arrivate negli anni sui più disparati argomenti, dalla crisi in Ucraina e Crimea al riscaldamento globale (trattato alla stregua di un capriccio da figli dei fiori fuori tempo massimo), a tal punto che nel Regno Unito l’authority sulla comunicazione ha più volte posto il problema dell’imparzialità smaccata di Rt.

Russia Today ha anche dato spazio a tesi complottistiche sulle scie chimiche, sugli attentati dell’11 Settembre e più o meno su tutto quello che offre la sponda a una lettura a rovescio dei fatti. Arrivati al Covid, Google ha deciso che la misura era colma e li ha fermati.

La reazione

La direttrice di Rt, Margarita Simonyan ha reagito, come prevedibile, senza dosare le parole: “Questa è una vera guerra mediatica dichiarata dalla Germania contro la Russia”. Il Cremlino le è andato dietro, scavalcandola nei toni e nei modi, definendo la vicenda “un atto di censura” che come risposta non potrà che avere un solo tipo di politica, la “tolleranza zero”. “I canali in lingua tedesca di Rt sono stati sottoposti a un atto di aggressione informativa senza precedenti da parte di YouTube, commesso con l’evidente connivenza, se non su insistenza, della parte tedesca“, ha dichiarato il ministro degli Esteri Sergej Lavrov: “L’obiettivo dell’aggressione è ovvio: strozzare due fonti d’informazione, seguite da oltre 700mila utenti, che non si adattano a uno sfondo mediatico comodo per le autorità tedesche”. Rt è in effetti molto seguita in Germania. Inoltre, Ruptly, l’agenzia video della holding russa, ha la propria sede a Berlino. Insomma, una presenza decisamente solida nel panorama informativo tedesco.

La Germania ha però ribadito di non aver alcun ruolo nella disputa. “Si tratta di una decisione di YouTube che non ha nulla a che vedere con il governo tedesco. E chi lo mette in dubbio si avvia sul terreno delle teorie complottiste”, ha detto il portavoce dell’esecutivo Steffen Seibert.

Anche se è difficile credere che non ci siano stati contatti con Berlino, YouTube avalla la versione di Seibert, spiegando come la piattaforma video più nota del web abbia sempre avuto norme per la community chiare, che delineano senza margini di dubbio ciò che è consentito pubblicare: “Rt Germania ha ricevuto un avvertimento per il caricamento di contenuti che violavano la nostra politica di disinformazione relativa al Covid e ciò ha comportato la sospensione del loro diritto di pubblicazione; durante questa sospensione hanno cercato di eludere l’esecuzione utilizzando un altro canale e, di conseguenza, entrambi i canali sono stati chiusi per violazione dei termini di servizio", recita la nota di YouTube.

Il Roskomnadzor, l’autorità russa per le telecomunicazioni, ha chiesto a Google di sbloccare l’accesso ai canali YouTube di Rt, pena il blocco dell’intero servizio in Russia (già sotto tiro per aver diffuso i contenuti del dissidente Alexei Navalny). Un muro contro muro, che apre un altro fronte: quali possono essere i limiti di manovra di un media russo in un Paese terzo. Mosca ha già promesso rappresaglie. “L’adozione di misure di ritorsione simmetriche contro i media tedeschi in Russia, ripetutamente condannati per aver partecipato all’interferenza negli affari interni del nostro Paese, sembra non solo appropriata, ma necessaria”. Per spaventare un Paese una volta serviva una minaccia nucleare, ora basta lo stesso avviso di una mamma esasperata da una serie di brutti voti: “Ti tolgo internet”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved