islanda-sfuma-all-ultimo-la-maggioranza-femminile-in-parlamento
Il primo ministro islandese Katrin Jakobsdottir parla ai media dopo aver votato in un seggio elettorale a Reykjavik (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
ucraina
10 ore

Colpita la centrale nel Donbass dei mercenari russi Wagner

Il gruppo paramilitare opera anche in Siria, in Libia e in Africa: è accusato di crimini di guerra e di violazioni dei diritti umani.
Estero
11 ore

Rushdie, l’Iran smentisce i legami con l’aggressione

I giornali conservatori del Paese islamico dipingono però l‘accoltellatore, che si è dichiarato non colpevole, come un uomo ’coraggioso e ligio al dovere’
Kenya
14 ore

Kenya, Ruto proclamato vincitore delle presidenziali

Ma sulle elezioni non si placa la bufera: quattro dei sette membri della commissione elettorale hanno rifiutato di accettare il risultato
Italia
15 ore

Sessantamila infrazioni stradali in quindici giorni

Inizio di agosto ‘caldo’ per la Polizia stradale italiana. Già ritirate 1’055 patenti e decurtati 93’605 punti
Russia
16 ore

Brittney Griner non si arrende: presentato l’appello

I legali della star del basket condannata a nove anni di carcere in Russia per droga fanno ricorso. Slitta il possibile scambio di prigionieri
Confine
17 ore

Delitto di via Giussani, sarebbe bastato un Tso per evitarlo?

Emergono alcuni dettagli nella scia della follia che ha portato all’uccisione di un senzatetto e al ferimento di un bambino e di un ragazzo
Italia
17 ore

Tir tampona due pullman di profughi: un morto

Il conducente dell’articolato, 53enne rumeno, è morto. Una cinquantina gli immigrati coinvolti nel sinistro all’altezza di Firenze, 15 i contusi
Birmania
18 ore

Suu Kyi condannata a sei anni per corruzione

L’ex leader democratica è stata riconosciuta colpevole di quattro capi d’accusa. Probabile il ricorso dei suoi avvocati
Gran Bretagna
18 ore

Luce verde al nuovo booster aggiornato contro Omicron

Coronavirus, il nuovo preparato di Moderna, già approvato in Gran Bretagna, potrebbe richiedere una sola vaccinazione all’anno
27.09.2021 - 07:55
Ats, a cura de laRegione

Islanda, sfuma all’ultimo la maggioranza femminile in parlamento

Dopo il riconteggio in una delle circoscrizioni, il numero dei seggi conquistati da donne scende a 30 su 53.

Aveva appena guadagnato, con giustificato orgoglio, il traguardo del primo Paese d’Europa ad avere un parlamento a maggioranza femminile, ma appena poche ore dopo l’Islanda ha perso il suo primato. Dei 63 seggi dell’Althingi, l’Assemblea unicamerale islandese, 30 saranno occupati da deputate, ovvero il 47,6%, quando in precedenza sembrava che le donne fossero 33, cioè oltre la soglia del 50%. I

l presidente della commissione elettorale, Ingi Tryggvason, ha infatti reso noto che dopo il riconteggio in una delle sei circoscrizioni dell’isola, che ha peraltro un sistema elettorale assai complesso, 3 seggi sono stati riassegnati a degli uomini.

Nessun Paese del Vecchio Continente ha mai oltrepassato la soglia simbolica del 50 per cento, ma ora l’Islanda contende alla Svezia il primato in Europa con il 47% di deputate, secondo i dati dell’Unione Interparlamentare.

A lasciare indietro l’Europa sono i tre Paesi che nel resto del mondo hanno oltre il 50% di rappresentanza femminile. In testa il Ruanda con il 61,3% di donne nella Camera bassa, seguito da Cuba (53,4%) e Nicaragua (50,6%). In Italia, invece, la percentuale di elette alla Camera è del 36,06%, in Senato del 35,11%.

Il risultato del voto degli islandesi resta comunque importante, ma dietro c’è una cultura della parità di genere che pone il Paese da 12 anni consecutivi in testa alla classifica del Forum economico mondiale. In Islanda il congedo parentale è uguale per uomini e donne, la sua prima legge sulla parità di retribuzione risale al 1961 e per annullare le residue ineguaglianze salariali tra sessi nel 2018 è stata approvata una legge che impone alle aziende con oltre 25 dipendenti una certificazione che attesti la parità retributiva, non solo di genere ma anche etnica.

L’Islanda è stato inoltre il primo Paese al mondo ad eleggere un presidente donna nel 1980, l’allora cinquantenne Vigds Finnbogadottir, rieletta per altri tre mandati e in carica per 16 anni.

Anche l’attuale premier è una donna: Katrin Jakobsdottir, ma a lei il voto ha lasciato un po’ di amaro in bocca. Il suo partito Sinistra-Verdi ha perso tre seggi e con il 12,6% è passata al terzo posto dietro ai suoi due alleati dell’eterogenea coalizione di governo composta dal Partito del Progresso (centrodestra) di Sigurour Ingi Johannsson e dal Partito dell’Indipendenza (conservatore) del veterano della politica dell’isola Bjarni Benediktsson.

Proprio il Partito del Progresso è il grande vincitore con il 17,3% dei voti, che porta a 13 i suoi seggi, cinque in più rispetto al voto del 2017. In testa come primo partito restano comunque i conservatori dell’ex primo ministro Benediktsson con il 24,4% dei suffragi e 16 seggi.

Una nuova geografia parlamentare che ridisegna i rapporti di forza nel governo e potrebbe costare il posto alla premier. I due partiti di destra potrebbero cedere alla tentazione di una coalizione più omogenea con i centristi della Riforma e/o del Centro. Nonostante la popolarità della premier, che ha reso le tasse sul reddito più progressive, ha aumentato il budget per l’edilizia popolare e ha esteso il congedo parentale, il suo secondo mandato non è scontato.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
islanda maggioranza femminile
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved