raisi-pronti-a-negoziare-per-porre-fine-alle-sanzioni
Ebrahim Raisi (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
9 ore

Gli hacker russi ‘dichiarano guerra’ a dieci Paesi ‘russofobi’

Il collettivo filorusso Killnet ha iniziato con l’attacco al sito della polizia italiana. Nel mirino anche Usa, Germania, Regno Unito e gli Stati baltici
Francia
11 ore

Francia, Elisabeth Borne è la prima donna premier dopo 30 anni

La ministra del Lavoro è stata nominata oggi dal presidente Macron. Succede a Jean Castex appena dimessosi
Stati Uniti
11 ore

Il killer di Buffalo ha risparmiato un cliente bianco scusandosi

La scena è stata immortalata nel video pubblicato su Twitch (poi rimosso) da Payton Gendron, il 18enne suprematista autore della strage a sfondo razziale
Confine
11 ore

Como, investimenti per 44 milioni nel teleriscaldamento

L’investimento verrà effettuato da Varese Risorse. I consumi energetici verranno ridotti del 38,7% e le emissioni di anidride carbonica del 32,5%
Estero
11 ore

Francia, si è dimesso il premier Castex, pronta Elisabeth Borne

Pochi dubbi sull’imminente nomina a primo ministro dell’attuale ministra del Lavoro, che sarebbe la prima donna in carica dopo 30 anni
Estero
12 ore

Crisi Covid in Corea del Nord, Kim Jong-Un mobilita l’Esercito

Il leader nordcoreano ha contestato la reazione del suo gabinetto e ordinato la mobilitazione di medici ed attrezzature sanitarie dell’Esercito popolare
Estero
12 ore

Abusi in coppia su 13enne, condannata attrice di Doctor Strange

Zara Phythian e il marito Vitkor Marke sono stati condannati a 8 e 14 anni di carcere per aver abusato di una ragazza adolescente
iran
21.09.2021 - 22:38

Raisi: ‘Pronti a negoziare per porre fine alle sanzioni’

Apertura del nuovo presidente sul nucleare e un attacco diretto a Washington: ‘Cacciati dai talebani, l’egemonia Usa ha miseramente fallito’

Ansa, a cura de laRegione

I falchi di Teheran tornano a dettare la linea degli ayatollah al Palazzo di Vetro dell’Onu: “L’Iran è favorevole a negoziati sul nucleare che portino alla fine di tutte le sanzioni contro Teheran“, ha scandito nella giornata di apertura dell’Assemblea Generale il neo presidente ultraconservatore Ibrahim Raisi, che ha lanciato un duro attacco all’America. "Quest’anno due scene hanno fatto la storia, l’attacco a Capitol Hill e la presa di potere dei talebani in Afghanistan. Il sistema egemonico degli Usa è fallito miseramente e ha dimostrato di non avere credibilità dentro e fuori il Paese", ha affermato Raisi nel suo videomessaggio, sottolineando come "gli Stati Uniti non sono usciti dall’Afghanistan, sono stati cacciati". In Iran invece, ha proseguito, "è iniziata una nuova era”, con Teheran pronta a "collaborare per un mondo migliore”.

Nel frattempo il portavoce del ministero degli Esteri di Teheran, Saeed Khatibzadeh, ha spiegato che i colloqui a Vienna tra l’Iran e le potenze internazionali, sospesi prima dall’elezione di Raisi, riprenderanno “nelle prossime settimane”: “Ogni incontro richiede un coordinamento preventivo e la preparazione di un’agenda”. Finora si sono tenuti sei round di negoziati nella capitale austriaca. Durante la settimana dell’Assemblea Generale dell’Onu, invece, il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amirabdollahanian avrà incontri bilaterali con gli omologhi dei Paesi parte dell’intesa sul nucleare, ma non ci sarà un incontro dell’intera Commissione congiunta del Jcpoa.

Anche l’Alto rappresentante degli Affari Esteri dell’Ue, Josep Borrell, ha confermato che i titolari delle diplomazie di Gran Bretagna, Cina, Francia, Germania e Russia non incontreranno la controparte iraniana. “Alcuni anni succede, altri no. Non è in agenda", ha ribadito, precisando tuttavia che "la cosa importante non è questa riunione ministeriale, ma la volontà di tutte le parti di riprendere i negoziati a Vienna”.

Il presidente americano Joe Biden, parlando dal podio dell’Onu, ha da parte sua assicurato che gli Stati Uniti sono pronti a tornare all’accordo sul nucleare iraniano se Teheran farà lo stesso, precisando però come gli Usa restino impegnati ad impedire alla Repubblica Islamica di avere un’arma nucleare. Washington, ha spiegato ancora, sta “lavorando” con Cina, Francia, Russia, Gran Bretagna e Germania per "coinvolgere diplomaticamente l’Iran e cercare di tornare all’accordo sul nucleare che l’America ha abbandonato nel 2018 durante l’amministrazione di Donald Trump.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ebrahim raisi iran nucleare onu sanzioni stati uniti talebani
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved