COB Jackets
2
PIT Penguins
5
fine
(2-2 : 0-0 : 0-3)
CAR Hurricanes
6
NY Rangers
3
fine
(2-0 : 3-1 : 1-2)
NY Islanders
4
ARI Coyotes
0
3. tempo
(2-0 : 0-0 : 2-0)
Detroit Red Wings
3
DAL Stars
3
2. tempo
(1-1 : 2-2)
CHI Blackhawks
0
MIN Wild
3
1. tempo
(0-3)
ANA Ducks
TB Lightning
04:00
 
Seattle Kraken
STL Blues
04:00
 
VAN Canucks
FLO Panthers
04:00
 
pronti-alla-guerra-dei-fondali-marini
Un sottomarino nucleare russo (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
cile
5 ore

La nipote di Allende ministra a 50 anni dal golpe

La rivincita di Maya. Tante donne nei posti chiave del governo
usa-russia a ginevra
6 ore

Mosca provoca: “Via la Nato da Romania e Bulgaria”

L’incontro in Svizzera è l’ennesimo nulla di fatto. Il Cremlino insiste sulle sue posizioni intransigenti legate alla situazione in Ucraina
Estero
7 ore

‘Fermate lo sterminio di criceti’, bufera ad Hong Kong

La infezioni legate ai roditori potrebbero contenere una nuova mutazione del virus, giustificando l’abbattimento di migliaia di animali domestici
Estero
8 ore

Bagno di sangue nello Yemen

Un bombardamento saudita ha provocato la morte o il ferimento di oltre 200 persone
Confine
9 ore

Como, tre arresti per frode nel settore del compro oro

I beni sequestrati dalla Guardia di finanza ammontano a 383mila euro. La frode si basava su un collaudato sistema di cooperative fantasma
Estero
11 ore

Gli americani non rivogliono Biden presidente

Secondo un sondaggio, soltanto il 28% degli interpellati è per la ricandidatura
Estero
13 ore

Preti pedofili a Monaco, verifiche della Procura su 42 persone

Berlino chiede che la Chiesa ‘faccia chiarezza in modo completo e trasparente’. ‘Non è una questione interna, se c’è indizio di reato la giustizia indaga’
italia
1 gior

Quirinale, si fa sotto l’ipotesi Mattarella bis

Melina di Berlusconi nel centrodestra. Tenere il presidente attuale sembra il modo migliore di salvare la legislatura in piena pandemia.
Estero
1 gior

La Francia denuncia il genocidio degli uiguri

Pechino s’infuria per l’attacco alla viglia delle Olimpiadi invernali di Pechino
Estero
1 gior

La Cia: ‘Nessun nemico dietro la Sindrome dell’Avana’

L’annuncio americano: ‘Esclusa un’azione straniera, ma cause ambientali e mediche’
Estero
1 gior

L’Austria introduce l’obbligo di vaccinazione

Dopo l’annuncio del cancelliere Karl Nehammer di settimana scorsa, oggi il Parlamento ha dato via libera alla misura a larghissima maggioranza.
coronavirus
1 gior

I morti di Covid nel mondo fino a 4 volte i dati ufficiali

Secondo alcuni modelli del sito Nature le vittime potrebbero essere 20 milioni
eruzione a tonga
1 gior

‘Io, portato da un’isola all’altra dallo tsunami’

Un falegname disabile è sopravvissuto al disastro aggrappandosi a un tronco
verso il vertice
1 gior

‘Blinken non venga a Ginevra a mani vuote’

Il rappresentante russo presso l’Ue Vladimir Chizhov teme una fase di stallo sulla risoluzione dei problemi della questione ucraina
Estero
1 gior

La Procura si oppone alla libertà condizionale di Breivik

Per il pubblico ministero norvegese il 42enne autore della strage di Utoya non è cambiato e rimane un soggetto pericoloso
Confine
1 gior

Lo sconto carburante fa flop. Risparmio esiguo

Forniti i dati dell’App introdotta per ridurre il prezzo del pieno nella fascia di frontiera con Ticino e Grigioni
Confine
1 gior

Da oggi capelli, barba e ceretta in Italia solo con il 3G

Entra in vigore il ‘green pass’ per i clienti di parrucchieri, barbieri ed estetisti. Dall’1. febbraio estensione a uffici postali e bancari e ai negozi
Estero
1 gior

Caduto e ferito per una buca stradale nell’87: eredi risarciti

Un uomo della provincia di Bologna rimase ferito e paralizzato 32 anni fa. Morto lui nel 2015 per altre cause, gli eredi vincono la causa contro il Comune
Estero
1 gior

Abusi dei preti a Monaco: da Ratzinger nessuna azione in 4 casi

Almeno 497 vittime di pedofilia nell’arcidiocesi dal 1945 al 2019. Con Ratzinger a capo, due preti di cui erano documentati gli abusi rimasero in carica
l'approfondimento
 
20.09.2021 - 05:300
Aggiornamento : 12:27

‘Pronti alla guerra dei fondali marini’

L’esperto militare Martinelli di Analisi difesa: ‘I sottomarini nucleari perfetti per sabotaggi e spionaggio, la guerra ora si fa anche in fondo agli oceani’

Spaventare la Cina, spiare la Cina (e, perché no, anche tutti gli altri), accerchiare la Cina e - soprattutto - farsi trovare pronti per quella che é la nuova frontiera dello spionaggio, il fondo del mare: è questo il vero significato dell’annuncio congiunto di Stati Uniti, Regno Unito e Australia arrivato nella notte tra mercoledì e giovedì del patto di difesa per il Pacifico chiamato Aukus. Una conferenza stampa virtuale in pompa magna, con il presidente degli Stati Uniti a fare da grande cerimoniere per lo sviluppo di sottomarini a propulsione nucleare da parte dell’Australia, un Paese marginale sullo scacchiere occidentale, che - se avesse annunciato da solo quel che aveva intenzione di fare - difficilmente avrebbe interessato qualcuno a queste latitudini.

A decifrare cosa c’è davvero dietro a quell’annuncio è Giovanni Martinelli, esperto di temi navali e giornalista del magazine Analisi Difesa: “È chiaro che quello sia stato innanzitutto un forte messaggio politico diretto ai cinesi, anche se i cinesi non li ha citati espressamente nessuno. La chiave geopolitica è predominante: l’Australia, con questo accordo stipulato con Usa e Regno Unito, rafforza i legami con la più grande potenza del pianeta e con il padre nobile con cui i rapporti sono lontani, ma sempre solidi trattandosi di Commonwealth. E gli Usa fanno capire di tenere gli occhi bene aperti nel Pacifico”.

Le motivazioni

Nessun’arma nucleare a bordo, ripetono gli interessati, tuttavia la scelta di un sottomarino nucleare ha motivi pratici oltre che diplomatici: “Ha capacità più elevate rispetto a quelli a propulsione convenzionale. L’autonomia nel primo caso è praticamente infinita, perché un sottomarino nucleare può restare settimane in immersione e operare con grande autonomia e indipendenza, senza aver bisogno di basi logistiche o unità di rifornimento. Un vantaggio enorme rispetto a un sottomarino convenzionale, che funziona un po’ come un grande telefonino, che ha batterie che si scaricano. L’Australia ne ha bisogno perché vuole e deve operare in un Oceano vasto come il Pacifico, a differenza di Paesi europei come Francia e Italia che operano principalmente in un bacino d’acqua ristretto come il Mediterraneo con altre esigenze”.


Sottomarino nucleare britannico (Keystone)

C’è anche un problema sicurezza, ovviamente, sottolinea Martinelli: “Per carità, i reattori sono talmente ben protetti che dovrebbero essere sicuri, ma sono i tempi di decadenza, enormi e lunghissimi il problema. Ora si fa finta che sia tutto a posto, ma i problemi che possono dare dopo decine e centinaia di anni i sottomarini affondati non lo sappiamo. E di sottomarini affondati ce ne sono, come di storie drammatiche rimaste impresse a tutti: “Inutile negare che un rischio incidenti esiste, un eventuale disastro è uno dei temi sul piatto, la storia abbastanza recente ci ha insegnato che il problema non va sottovalutato, ripensiamo alla vicenda del sottomarino russo Kursk”, in cui morirono tutti i 107 militari a bordo.

“L’Australia ha da sempre una politica molto rigida e restrittiva sul nucleare sia civile che militare – prosegue Martinelli –. Anche da questo punto di vista la scelta è significativa perché così facendo il Paese cambia le sue politiche fino a oggi. Il nucleare era visto come il demonio, oggi evidentemente non più”. E non solo in Australia: i sottomarini a propulsione nucleare non sono infatti una novità legata all’accordo Aukus, ma “stanno diventano molto diffusi in Stati Uniti e Russia, ma anche in Cina, India, Regno Unito e Francia. Un altro Paese che, sembra incredibile, ha in programma la costruzione del primo sottomarino a propulsione nucleare, è il Brasile.

ll rebus Pacifico

Nel Pacifico c’è anche la Corea del Sud che sta lavorando su questo. “E non è un caso che gli americani stiano tentando una grande alleanza che coinvolge Corea, Giappone e India in quella parte di mondo, tessendo una grande tela in grado di imbrigliare e contenere l’esuberanza di Pechino nell’area. Gli Usa hanno stabilito che la competizione tra Stati è la principale minaccia alla sicurezza nazionale, è chiaro che dovendo fare una scala di priorità è evidente che oggi la Cina per gli americani rappresentano la minaccia più importante. Pechino vuol diventare la prima potenza militare al mondo e ha progetti molto chiari in questo senso, inevitabile che gli Usa facciano questo passo”.

Biden durante l’annuncio e il premier australiano Scott Morrison sullo schermo (Keystone)

I numeri dei sottomarini nucleari già attivi o in fase di costruzione dimostra una tendenza chiara. “Gli Usa hanno circa 80 sottomarini a propulsione nucleare, la Russia ne ha alcune decine, lo stesso vale per Francia e Regno Unito. Queste flotte stanno aumentando e nel giro di pochi anni avremo in giro centinaia di sottomarini di questo tipo, che è un aspetto sul quale è il caso di riflettere – insiste Martinelli –. Dal punto di vista strettamente bellico i vantaggi sono talmente enormi, come abbiamo detto, che il sottomarino nucleare è molto allettante. Poi c’è la parte, perfino più importante legata allo spionaggio - continua l’esperto – in particolare i mezzi più moderni avendo a bordo molti sensori di diversi tipi e avendo la loro capacità di essere molto discreti, sono molto utilizzati in questa chiave, Il fatto di essere quasi invisibili li rende molto adatti in certi contesti.

Nuovi contesti

Quando Biden si riferisce a sicurezza tecnologica parla proprio di questo? “Certo, tra l’altro proprio in questi ultimi anni sta maturando la consapevolezza che esiste un teatro operativo molto particolare, lo chiamano Seabed Warfare, la guerra dei fondali marittimi. Lì oltre a passare oleodotti, gasdotti e cose di questo genere, passano moltissimi cavi di comunicazione come reti internet e telefoniche. Ci sono esperienze in questo senso, la Russia ad esempio ha già varato sottomarine e unità molto particolari adatte a questo scopo. Uno dei teatri operativi del futuro sar quello dei fondali marittimi, con un potenziale nemico che punta a interrompere le comunicazioni, sabotando o collegandosi a quel cavo sottomarino raccogliendo il traffico dati, o magari decidere di reciderlo tagliando le comunicazioni". Si è passati quindi dallo scudo spaziale ai fondali marini? “Più che altro si è aggiunto uno scenario in più, perché anche lo spazio resta un dominio operativo importante e uno non sostituisce l’altro. Questo più che altro aggiunge grande complessità ai futuri scenari bellici”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved