pronti-alla-guerra-dei-fondali-marini
Un sottomarino nucleare russo (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
2 ore

Oltre 256’000 euro non dichiarati intercettati in dogana

È il totale delle tredici operazioni di controllo contro il traffico transfrontaliero di valuta svolte al valico di Ponte Chiasso nelle ultime settimane
germania
12 ore

Axel Springer licenzia il direttore della Bild

La decisione a seguito di “ricerche sul comportamento” di Reichelt, che non avrebbe “separato in modo chiaro la sfera professionale e quella privata”
Estero
13 ore

Ungheria, un outsider per sfidare Orban

Peter Marki-Zay guiderà il fronte unito delle opposizioni al voto 2022: ‘Ringrazio gli elettori, ora sfidiamo il regime’
Estero
15 ore

Ballottaggi in Italia, il Pd conquista anche Roma e Torino

In mano al centrosinistra tutti i capoluoghi di regione. Trieste unica eccezione. Letta: vittoria trionfale
Estero
16 ore

Russia e Nato ai ferri corti, Mosca rompe le relazioni

Mosca ‘sospende’ il lavoro della sua missione permanente alla Nato come rappresaglia per l’espulsione di otto funzionari accusati di spionaggio
Confine
17 ore

A Varese riconfermato il sindaco di centrosinistra

Al ballottaggio passa Davide Galimberti. Sconfitti il candidato del centrodestra e la Lega di Salvini
Estero
18 ore

Morto di Covid Colin Powell, ex segretario di Stato di Bush

L’84enne fu il primo afroamericano a ricoprire il ruolo di capo di Stato maggiore prima di divenire segretario di Stato sotto George W. Bush
Confine
18 ore

Una pista ciclabile di 5 km lungo il Ceresio più selvaggio

Risorge il progetto di cui si parla da 25 anni da Osteno a Santa Margherita di Valsolda dopo il via libera al finanziamento degli enti preposti
Estero
19 ore

Comunali in Italia, il centrosinistra avanti a Roma e Torino

Gli exit poll danno in vantaggio Gualtieri nella capitale e Lo Russo sotto la Mole. Trieste in bilico
Estero
19 ore

È morto Angelo Licheri, cercò di salvare Alfredino nel pozzo

Licheri si offrì volontario e si fece calare a testa in giù per 45 minuti nel pozzo in cui era caduto il bambino di Vermicino, ma senza successo
Estero
20 ore

Escort a Berlusconi, per Tarantini 2 anni e 10 mesi definitivi

La Corte di Cassazione ha confermato la condanna all’imprenditore pugliese per aver portato escort nelle residenze dell’ex premier fra il 2008 e il 2009
Confine
22 ore

Fino Mornasco, scritta ‘Sindacati nazisti’ fuori dalla sede Cgil

Lo rende noto il sindacato precisando che non si tratta del primo caso in zona: presa di mira anche la Camera del Lavoro di Lomazzo
Estero
22 ore

Trieste, dopo lo sgombero manifestanti in centro, agente ferito

Il corteo che è stato allontanato dal porto sta attraversando il centro della città. Un agente è rimasto ferito, al vaglio la posizione di 5/6 persone
Estero
22 ore

Contromano e in velocità, posta video su Instagram: rintracciato

Per un 28enne bergamasco 450 euro di multa e il ritiro della patente: il video in diretta delle follie al volante è arrivato anche ai carabinieri
Estero
23 ore

Nel Pacifico ‘un’isola felice’ vicina al 100% di vaccinati

La repubblica di Palau, 500 isole nel Pacifico Occidentale, ha il 99% di popolazione sopra i 12 anni vaccinata. Finora registrati solo 8 casi e 0 decessi
Video
Estero
1 gior

Trieste, in corso sgombero del presidio ‘no Green Pass’ al porto

I manifestanti stazionavano davanti al varco 4. Azionati gli idranti per disperderli
Confine
1 gior

Streaming pirata: denunciato fornitore a Varese e 1’800 clienti

Gli accessi venivano concessi tramite proprie strutture informatiche dietro pagamento di un canone mensile. Denunciati per ricettazione i sottoscrittori
Estero
1 gior

Facebook creerà 10mila posti di lavoro in Europa in 5 anni

L’investimento sarà orientato allo sviluppo del metaverso, un insieme interconnesso di esperienze che coinvolge sia il mondo digitale sia quello fisico
italia
1 gior

A 13 anni spara col fucile per errore e uccide la sorella

La tragedia nel Bresciano: il giovane non è imputabile, mentre il padre è indagato per gestione di armi
l'approfondimento
 
20.09.2021 - 05:300
Aggiornamento : 12:27

‘Pronti alla guerra dei fondali marini’

L’esperto militare Martinelli di Analisi difesa: ‘I sottomarini nucleari perfetti per sabotaggi e spionaggio, la guerra ora si fa anche in fondo agli oceani’

Spaventare la Cina, spiare la Cina (e, perché no, anche tutti gli altri), accerchiare la Cina e - soprattutto - farsi trovare pronti per quella che é la nuova frontiera dello spionaggio, il fondo del mare: è questo il vero significato dell’annuncio congiunto di Stati Uniti, Regno Unito e Australia arrivato nella notte tra mercoledì e giovedì del patto di difesa per il Pacifico chiamato Aukus. Una conferenza stampa virtuale in pompa magna, con il presidente degli Stati Uniti a fare da grande cerimoniere per lo sviluppo di sottomarini a propulsione nucleare da parte dell’Australia, un Paese marginale sullo scacchiere occidentale, che - se avesse annunciato da solo quel che aveva intenzione di fare - difficilmente avrebbe interessato qualcuno a queste latitudini.

A decifrare cosa c’è davvero dietro a quell’annuncio è Giovanni Martinelli, esperto di temi navali e giornalista del magazine Analisi Difesa: “È chiaro che quello sia stato innanzitutto un forte messaggio politico diretto ai cinesi, anche se i cinesi non li ha citati espressamente nessuno. La chiave geopolitica è predominante: l’Australia, con questo accordo stipulato con Usa e Regno Unito, rafforza i legami con la più grande potenza del pianeta e con il padre nobile con cui i rapporti sono lontani, ma sempre solidi trattandosi di Commonwealth. E gli Usa fanno capire di tenere gli occhi bene aperti nel Pacifico”.

Le motivazioni

Nessun’arma nucleare a bordo, ripetono gli interessati, tuttavia la scelta di un sottomarino nucleare ha motivi pratici oltre che diplomatici: “Ha capacità più elevate rispetto a quelli a propulsione convenzionale. L’autonomia nel primo caso è praticamente infinita, perché un sottomarino nucleare può restare settimane in immersione e operare con grande autonomia e indipendenza, senza aver bisogno di basi logistiche o unità di rifornimento. Un vantaggio enorme rispetto a un sottomarino convenzionale, che funziona un po’ come un grande telefonino, che ha batterie che si scaricano. L’Australia ne ha bisogno perché vuole e deve operare in un Oceano vasto come il Pacifico, a differenza di Paesi europei come Francia e Italia che operano principalmente in un bacino d’acqua ristretto come il Mediterraneo con altre esigenze”.


Sottomarino nucleare britannico (Keystone)

C’è anche un problema sicurezza, ovviamente, sottolinea Martinelli: “Per carità, i reattori sono talmente ben protetti che dovrebbero essere sicuri, ma sono i tempi di decadenza, enormi e lunghissimi il problema. Ora si fa finta che sia tutto a posto, ma i problemi che possono dare dopo decine e centinaia di anni i sottomarini affondati non lo sappiamo. E di sottomarini affondati ce ne sono, come di storie drammatiche rimaste impresse a tutti: “Inutile negare che un rischio incidenti esiste, un eventuale disastro è uno dei temi sul piatto, la storia abbastanza recente ci ha insegnato che il problema non va sottovalutato, ripensiamo alla vicenda del sottomarino russo Kursk”, in cui morirono tutti i 107 militari a bordo.

“L’Australia ha da sempre una politica molto rigida e restrittiva sul nucleare sia civile che militare – prosegue Martinelli –. Anche da questo punto di vista la scelta è significativa perché così facendo il Paese cambia le sue politiche fino a oggi. Il nucleare era visto come il demonio, oggi evidentemente non più”. E non solo in Australia: i sottomarini a propulsione nucleare non sono infatti una novità legata all’accordo Aukus, ma “stanno diventano molto diffusi in Stati Uniti e Russia, ma anche in Cina, India, Regno Unito e Francia. Un altro Paese che, sembra incredibile, ha in programma la costruzione del primo sottomarino a propulsione nucleare, è il Brasile.

ll rebus Pacifico

Nel Pacifico c’è anche la Corea del Sud che sta lavorando su questo. “E non è un caso che gli americani stiano tentando una grande alleanza che coinvolge Corea, Giappone e India in quella parte di mondo, tessendo una grande tela in grado di imbrigliare e contenere l’esuberanza di Pechino nell’area. Gli Usa hanno stabilito che la competizione tra Stati è la principale minaccia alla sicurezza nazionale, è chiaro che dovendo fare una scala di priorità è evidente che oggi la Cina per gli americani rappresentano la minaccia più importante. Pechino vuol diventare la prima potenza militare al mondo e ha progetti molto chiari in questo senso, inevitabile che gli Usa facciano questo passo”.

Biden durante l’annuncio e il premier australiano Scott Morrison sullo schermo (Keystone)

I numeri dei sottomarini nucleari già attivi o in fase di costruzione dimostra una tendenza chiara. “Gli Usa hanno circa 80 sottomarini a propulsione nucleare, la Russia ne ha alcune decine, lo stesso vale per Francia e Regno Unito. Queste flotte stanno aumentando e nel giro di pochi anni avremo in giro centinaia di sottomarini di questo tipo, che è un aspetto sul quale è il caso di riflettere – insiste Martinelli –. Dal punto di vista strettamente bellico i vantaggi sono talmente enormi, come abbiamo detto, che il sottomarino nucleare è molto allettante. Poi c’è la parte, perfino più importante legata allo spionaggio - continua l’esperto – in particolare i mezzi più moderni avendo a bordo molti sensori di diversi tipi e avendo la loro capacità di essere molto discreti, sono molto utilizzati in questa chiave, Il fatto di essere quasi invisibili li rende molto adatti in certi contesti.

Nuovi contesti

Quando Biden si riferisce a sicurezza tecnologica parla proprio di questo? “Certo, tra l’altro proprio in questi ultimi anni sta maturando la consapevolezza che esiste un teatro operativo molto particolare, lo chiamano Seabed Warfare, la guerra dei fondali marittimi. Lì oltre a passare oleodotti, gasdotti e cose di questo genere, passano moltissimi cavi di comunicazione come reti internet e telefoniche. Ci sono esperienze in questo senso, la Russia ad esempio ha già varato sottomarine e unità molto particolari adatte a questo scopo. Uno dei teatri operativi del futuro sar quello dei fondali marittimi, con un potenziale nemico che punta a interrompere le comunicazioni, sabotando o collegandosi a quel cavo sottomarino raccogliendo il traffico dati, o magari decidere di reciderlo tagliando le comunicazioni". Si è passati quindi dallo scudo spaziale ai fondali marini? “Più che altro si è aggiunto uno scenario in più, perché anche lo spazio resta un dominio operativo importante e uno non sostituisce l’altro. Questo più che altro aggiunge grande complessità ai futuri scenari bellici”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved