torna-nel-caos-la-guinea-conakry
Keystone
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

Erdogan insiste sul No a Svezia e Finlandia nella Nato

Il presidente turco presiste nelle accuse ai due Paesi scandinavi candidati di ospitare membri del Ppk considerati terroristi da Ankara
Confine
4 ore

Menaggio, chiude il reparto di psichiatria dell’ospedale

Le dimissioni di tre medici e il depotenziamento del servizio a Porlezza portano alla luce la carenza di personale sanitario nelle zone di frontiera
Speciale Ucraina
LIVE

Oggi il primo processo per crimini di guerra a un soldato russo

Il 21enne è accusato di omicidio premeditato di un 62enne avvenuto nel nord-est dell’Ucraina. Segui il live de laRegione
Estero
15 ore

In Spagna lo Stato pagherà i congedi mestruali

Primo Paese in Europa a fare una legge. Permessi speciali di durata variabile. ‘Basta andare al lavoro imbottite di pillole’
libano
16 ore

Hezbollah perde la maggioranza, ma non il potere

Entusiasmo per i 13 seggi del fronte del ‘cambiamento’, ma si teme un nuovo stallo politico, che potrebbe essere fatale con la crisi economica e sociale
Estero
17 ore

‘Il Boeing cinese è stato fatto precipitare intenzionalmente’

Qualcuno nella cabina di pilotaggio ha fatto schiantare al suolo l’aereo della China Eastern, scrive il Wall Street Journal. Erano morte 132 persone.
Confine
18 ore

‘Big’ della logistica, infiltrazioni di ’ndrangheta dal Comasco

Un affiliato ai clan residente nel Comasco si sarebbe infiltrato nei subappalti della filiale italiana della tedesca Schenker, ora commissariata
Estero
19 ore

Germania: chiesti 5 anni per una ex guardia SS di 101 anni

L’uomo è accusato di aver aiutato tra il 1942 e il 1945 a uccidere più di 3’500 prigionieri
Confine
22 ore

AlpTransit a sud di Lugano, dall’Italia passi avanti

Per potenziare il traffico merci le Ferrovie italiane stanziano 100 milioni per il centro intermodale di Milano-Segrate, 70 milioni li mette la Svizzera
Estero
23 ore

Finlandia nella Nato, arriva anche il sì finale del parlamento

Larghissima maggioranza a favore dell’adesione di Helsinki: 188 i favorevoli, 8 i contrari. La richiesta dovrà ora essere approvata da tutti i 30 membri
05.09.2021 - 21:17

Torna nel caos la Guinea Conakry

La situazione è incerta. Il leader della rivolta ha annunciato di aver deposto il presidente, ma ci sono smentite riguardo al Colpo di Stato

Torna nel caos la Guinea Conakry, poverissimo Paese dell'Africa occidentale guidato finora da un contestato presidente di 83 anni, Alpha Condé, al terzo mandato nonostante la Costituzione ne prevedesse un massimo di due. Al termine di una giornata di spari e paura per gli abitanti della capitale e di notizie contrastanti, il leader della rivolta, il capo delle forze speciali Doumbouya, circondato dai suoi, ha annunciato alla tv di Stato di aver catturato il presidente e preso il controllo, invitando i soldati a rimanere nelle caserme e gli abitanti in casa. L'Onu ha condannato l'azione, chiedendo la liberazione di Condé. L'Unione Africana sta valutando un consiglio straordinario da tenersi al più presto.

Situazione incerta

La situazione nel Paese resta incerta, sia per i dubbi sull'autenticità di un video diffuso dai golpisti in cui Condé appare circondato dai militari armati, sia per i proclami del ministero della Difesa che sostiene di aver respinto il golpe. Di certo c'è l'annuncio dei militari e la capitale sotto assedio, mentre ci si interroga sul seguito che potrà avere la rivolta delle forze speciali, che giunge una settimana dopo l'approvazione in parlamento di un aumento del budget per la presidenza e i parlamentari a fronte di una diminuzione sostanziale per coloro che lavorano nei servizi di sicurezza come la polizia e i militari.

Testimoni hanno riferito di spari fin dalla prima mattinata e militari nelle strade del centrale quartiere di Kaloum, dove si trovava il presidente. Poi i golpisti hanno proclamato la sua cattura mentre, nelle stesse ore, dal governo giungevano annunci di un tentativo respinto con l'arresto di 25 ribelli.

Calciatori del Marocco chiusi in albergo

Nelle immagini diffuse nel primo pomeriggio in rete e sui media internazionali il presidente Conde appare seduto a piedi nudi su un divano con aria dimessa ma illeso, circondato da uomini armati in divisa. Nelle più recenti nelle strade deserte si aggirano solo uomini in divisa. I civili si tengono al sicuro, compresa la nazionale di calcio del Marocco che domani avrebbe dovuto disputare con la Guinea una partita di qualificazione per i Mondiali, rimasta chiusa in albergo in attesa di un volo che la riporti a casa.

Il golpe guidato da ex ufficiale Legione straniera

Poi l'annuncio del successo del golpe da parte del colonnello Mamadi Doumbuya, rimbalzato sui social. L'ex ufficiale della Legione straniera francese ha annunciato la chiusura dei confini terrestri e aerei della Guinea e lo scioglimento del governo. Indossando una divisa costellata di medaglie, occhiali da sole e berretto rosso da ufficiale, Doumbuya ha detto di aver agito a causa della "cattiva gestione" del governo, della corruzione e del mancato rispetto dei diritti.

Primo presidente eletto nel 2010

Condé, 83 anni, un tempo leader dell'opposizione, era stato imprigionato e condannato a morte prima di diventare il primo leader democraticamente eletto della Guinea nel 2010, confermato poi nel 2015 dopo essere sopravvissuto ad un attentato nel 2011. Le speranze di una nuova era nell'ex colonia francese si sono tuttavia presto dissolte quando è iniziata nel Paese una dura repressione degli oppositori e la decisione di intraprendere a tutti i costi un terzo mandato presidenziale.

La Guinea, uno dei Paesi più poveri del mondo nonostante vanti significative risorse minerarie, è stata a lungo afflitta dall'instabilità politica. Il colpo di Stato arriva nel mezzo di un lungo periodo di tensione politica, seguita alle elezioni che hanno portato al terzo mandato di Condé tra accuse di brogli.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
caos conakry guinea
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved