biden-conferma-il-ritiro-i-talebani-bloccano-gli-afghani
Un leader talebano parla a un gruppo di prigionieri appena liberati (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
7 ore

La Bielorussia mette al bando ‘1984’ di Orwell

Vietato possedere copie del romanzo. Arrestato alcuni giorni fa l’editore Andrey Yanushkevich che nel 2020 ha pubblicato la versione in lingua bielorussa
Confine
9 ore

San Bartolomeo Val Cavargna, Lady Demonique candidata

Il 12 giugno la performer erotica Doha Zaghi contenderà la poltrona di sindaco a Eleonora Bari
Confine
10 ore

Alla stazione di Chiasso con 206mila euro in valigia

Le banconote da 200 e 500 euro sono state trovate nelle valigie di una coppia bulgara proveniente dalla Germania e diretta in Italia
Confine
13 ore

Caro-benzina anche in Italia. Ma sotto i livelli ticinesi

Malgrado il rincaro, fare il pieno nella Penisola resta un’opzione sempre attrattiva: oltre 20 centesimi in meno al litro
Speciale Ucraina
14 ore

I russi prendono l’Azovstal, Mariupol è caduta

Dopo 86 giorni di assedio e resistenza l’acciaieria è stata espugnata. Segui il live de laRegione
Confine
14 ore

Como, sopralluogo del prefetto nei boschi della droga

La stessa problematica è stata segnalata anche alla Prefettura di Varese. L’impegno sul confine è di intensificare i controlli
Estero
15 ore

Quattro persone accoltellate in Norvegia: fermato l’autore

Secondo le autorità, l’uomo avrebbe preso di mira le sue vittime (ferite in modo grave) in modo ‘casuale’
Confine
15 ore

Vigezzina e statale 337 chiuse per almeno una settimana

All’esame dei tecnici Anas il calendario degli interventi per la messa in sicurezza del tratto tra Re e il confine di Ponte Ribellasca
Confine
15 ore

Ubriaco, forza un posto di blocco. Ripreso dopo 6 km

Movimentato fermo nella notte su ieri nel Comasco. Per eludere il controllo, l’uomo ha anche urtato un carabiniere
Estero
17 ore

Kirill, più oligarca che patriarca

Il reazionario omofobo, al quale si attribuiscono enormi ricchezze, benedice l’invasione dell’Ucraina. Ma è sempre più isolato, e rischia sanzioni
regno unito
1 gior

Niente più multe per BoJo, ma il Partygate non finisce qui

Chiusa l’indagine della polizia. Il Labour chiede le dimissioni di Johnson, che non molla
Estero
1 gior

Preoccupa il vaiolo delle scimmie, primo caso in Italia

L’Oms vigila. Altri contagiati erano stati segnalati in Svezia, Spagna, Portogallo e Regno Unito. ‘Sintomi lievi e basso pericolo di trasmissione’
medio oriente
1 gior

Lascia deputata di sinistra, governo di Israele in minoranza

Bennet in crisi, si prospettano ancora nuove elezioni. Netanyahu ora spera di tornare al potere
Confine
1 gior

Centovallina, i treni circolano unicamente fino a Camedo

Il cedimento di un muro della strada statale oggetto d’interventi di messa in sicurezza all’origine dell’interruzione del collegamento
Estero
1 gior

Crimea, i tatari ricordano i deportati da Stalin sfidando Mosca

Nonostante i divieti e il rischio di punizioni, circa 70 persone hanno manifestato per commemorare le vittime della deportazione del popolo tataro nel ’44
Confine
1 gior

Sospesi per quasi quattro mesi i lavori sulla A9

In vista del traffico estivo si sono fermati i lavori nella galleria San Fermo Sud, che riprenderanno in settembre
Estero
1 gior

L’Europarlamento chiede lo status di candidato per la Moldavia

Con 512 a favore, 43 contrari e 39 astenuti il Parlamento di Strasburgo sollecita le istituzioni europee a riconoscere la Moldavia come Paese candidato
Estero
1 gior

Germania: spari a scuola, un ferito a Bremerhaven

La polizia ha fermato una persona, una seconda sarebbe in fuga
Speciale ucraina
1 gior

Nato, sosterremo Kiev per tutto il tempo necessario

"L’Ucraina non accetterà mai l’occupazione della Russia" ha dichiarato Rob Bauer, presidente del Comitato militare Nato Segui il live de laRegione
dopo il g7
24.08.2021 - 20:32
Aggiornamento : 21:04

Biden conferma il ritiro, i talebani bloccano gli afghani

Americani via entro il 31 agosto. Accuse dall'Onu: "Caccia all'uomo nelle case e donne discriminate". Ma il governo respinge le accuse

Ansa, a cura de laRegione

Joe Biden non cede al pressing del G7: le truppe Usa si ritireranno definitivamente da Kabul il 31 agosto come previsto, né un giorno di più né un giorno di meno. Sono bastati sette minuti al presidente americano per spegnere ogni velleità di rinvio da parte degli altri leader, collegati tra loro in video per l'atteso vertice presieduto dal premier britannico Boris Johnson.

Del resto, l'enorme rischio di un ulteriore deterioramento della situazione nella capitale afghana è sotto gli occhi di tutti, con il governo talebano che dopo l'ultimatum delle ultime ore ha affermato a chiare lettere che non permetterà più l'ingresso nell'aeroporto Hamid Karzai agli afghani che intendono fuggire. "Ora basta andare via. Abbiamo chiesto agli americani di non incoraggiarli, ci servono le loro competenze", le parole del portavoce della milizia islamica Zabihullah Mujahid nel corso di una conferenza stampa che con una tempistica non certo casuale ha preceduto di poco l'inizio del summit dei sette.


Un gruppo di profughi alla frontiera con il Pakistan (Keystone)

La trattativa

La decisione di sbarrare l'accesso all'aeroporto agli afghani molto probabilmente è stata anticipata dal leader dei talebani Abdul Ghani Baradar al capo della Cia Williams Burns, nella notte inviato in gran segreto a Kabul dal presidente americano per negoziare i termini della ritirata. Una mossa non senza l'ironia della storia, dato che Baradar si è trovato a giocare il ruolo di controparte del direttore della Cia 11 anni dopo che proprio la Cia americana lo aveva arrestato incarcerandolo per otto anni. L'incontro segreto, svelato dal Washington Post, è stato il faccia a faccia di più alto livello da quando i talebani hanno conquistato Kabul. Ex ambasciatore in Russia e Giordania, Burns è il diplomatico più decorato del governo Biden ed è considerato il più esperto, tuttavia i negoziati - visto il risultato - non devono aver avuto un esito positivo per Washington che ora sta accelerando i rimpatri.

Scelta sui tempi

A prevalere, infine, alla Casa Bianca come al tavolo del G7, è stata la linea imposta dai vertici civili e militari del Pentagono, contrari a un proseguimento della missione, visto anche il rischio terrorismo rappresentato dalla minaccia dell'Isis. E con oltre 5'000 marines ancora sul posto. Ma, per venire incontro alle istanze degli alleati, Biden li ha assicurati di aver chiesto sempre al Pentagono la messa a punto di piani di emergenza, pronti a scattare se per un motivo o per un altro sarà necessario restare in terra afghana anche dopo fine agosto. Cosa in realtà non del tutto peregrina (come sottolineano diversi osservatori) visto che a Kabul ci sono ancora migliaia di americani da evacuare: molti tra le 4'500 persone accalcate in aeroporto e in attesa di imbarcarsi, altri in città.

Anche se le autorità Usa non sono in grado di fare un conto preciso, escludendo d'ora in poi altre operazioni di 'salvataggio' fuori del perimetro dello scalo. Nel comunicato del G7 si prende quindi atto della situazione. Ai talebani viene chiesto di garantire "un corridoio sicuro" a tutti quelli che vorranno partire anche dopo il 31 agosto, afghani compresi. Conditio sine qua non, questa, per avviare qualunque tipo di dialogo tra l'Occidente e i nuovi governanti di Kabul, con la presidente della commissione Ue Ursula von der Leyen che ha chiarito come al momento il riconoscimento del nuovo governo afghano non sia assolutamente in discussione.


Un talebano pattuglia le strade della capitale (Keystone)

Diritti umani e aiuti

Johnson ha quindi sottolineato come il G7 abbia "enormi leve" per condizionare i talebani dopo il ritiro. Talebani ai quali i sette leader inviano un chiaro monito: sarete ritenuti responsabili per tutto quello che accadrà in Afghanistan sul fronte del terrorismo e dei diritti umani, a partire da quelli delle donne e di coloro che sono nel mirino per aver collaborati negli ultimi 20 anni con le forze Usa e quelle alleate.

La necessità di dirottare sugli aiuti umanitari le risorse che erano destinate alle forze militari in Afghanistan è stata quindi sottolineata dal primo ministro italiano Mario Draghi: "L'Italia lo farà", ha detto, sottolineando come il G20 può aiutare il G7 a coinvolgere altri Paesi come Russia, Cina, Arabia Saudita, Turchia e India.

Con gli occhi del mondo puntati addosso, i talebani respingono le accuse di violenze e abusi che si moltiplicano da giorni. Ma per il momento, avvertono, "le donne devono restare a casa", senza andare al lavoro. "È per il loro bene, per impedire maltrattamenti", ha detto il portavoce Zabihullah Mujahid, assicurando che quella di impedire alle donne di lavorare è una decisione "temporanea". Ma sono rassicurazioni che convincono pochi.


Una donna col burka si dirige verso l'ambasciata pakistana a Kabul (Keystone)

Le accuse dell’Onu

L'alto commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani Michelle Bachelet ha rivolto un appello ai nuovi padroni di Kabul affinché rispettino diritti e libertà delle donne e delle bambine afghane, definendole una "linea rossa". E non solo. Bachelet ha infatti ricevuto notizie da "fonti attendibili" che gli islamisti stanno commettendo "esecuzioni sommarie di civili e soldati afghani" e ha chiesto al Consiglio Onu sui Diritti Umani di creare al più presto un meccanismo per monitorare da vicino le azioni dei talebani. L'Emirato islamico ovviamente nega. "Non inseguiamo nessuno, non diamo la caccia a nessuno, non ci sono stati incidenti in nessuna parte del Paese, non abbiamo nessuna lista. Noi vogliamo portare pace e sicurezza", ha detto Mujahid, che ha chiesto ancora una volta ad ambasciate e organizzazioni internazionali di restare in Afghanistan perché per loro non c'è alcun pericolo.

Intanto, mentre prosegue il dialogo per un governo inclusivo, continua lo stallo nella provincia del Panshir, dove si concentra la resistenza anti-islamisti guidata da Ahmad Massoud. "Un piccolo problema", lo ha liquidato Mujahid, che ha ribadito che i talebani non vogliono "nessun tipo di guerra o battaglia in Afghanistan. Noi cerchiamo di parlare alla popolazione del Panshir, cerchiamo di incontrarli e risolvere il problema". E l'appello è a "tornare a Kabul e convivere con noi. Non abbiate paura, abbiamo obiettivi comuni".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
afghanistan diritti umani donne g7 joe biden kabul talebani
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved