noi-gli-sconfitti-della-guerra-civile-bielorussa
Protesta anti-Lukashenko dei bielorussi a Kiev (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
l’approfondimento
3 ore

Cos’è e da dove viene Forza Nuova

Unico gruppo neofascista italiano con ambizioni elettorali, ha un passato da banda armata e un futuro molto incerto. Intanto infiammano le piazze no vax
Estero
10 ore

Caso Eitan, in Israele denunciata di furto la zia Aya

A sporgerla Etty Peleg, la nonna materna del bimbo di sei anni conteso nel processo per la sua custodia. Il verdetto potrebbe essere imminente.
Estero
11 ore

Le proteste contro il green pass non fermano l’Italia

Tensione e blocchi nei porti, ma la situazione resta sotto controllo. Boom di vaccini e tamponi dopo l’entrata in vigore dell’obbligo di pass per lavorare
afghanistan
11 ore

Nuova strage in moschea: 41 morti e 70 feriti

L’attacco è avvenuto a Kandahar, roccaforte dei talebani nel sud del Paese. Forti sospetti sull’Isis
Confine
15 ore

Varese, è l’ora del ballottaggio tra Galimberti e Bianchi

Il pronostico sembra favorire il candidato del centrosinistra, ma la Lega vuole riprendersi la ‘Città giardino’
Estero
17 ore

Regno Unito, deputato Tory accoltellato e ucciso nell’Essex

David Amess, 69 anni, è stato aggredito all’interno di una chiesa metodista durante una riunione con gli elettori
Estero
17 ore

Gli Usa riaprono i confini l’8 novembre ai viaggiatori vaccinati

Lo affermano i media americani citando un funzionario della Casa Bianca. Nella decisione sono inclusi i cittadini europei
Estero
17 ore

Dagli scavi di Ercolano emerge lo scheletro di un fuggiasco

A 25 anni dagli ultimi scavi, ritrovati i resti di un abitante dell’antica cittadina colto dalla valanga di fuoco e gas mentre tentava di fuggire in mare
Estero
18 ore

In Germania c’è l’accordo per il governo Spd-Verdi-Liberali

Lo ha dichiarato il candidato alla cancelleria dell’Spd Olaf Scholz. Si passa ora alla fase delle trattative di coalizione
Estero
18 ore

Autisti senza Green Pass, treno merci rimandato in Svizzera

6 dei 16 autisti dei Tir caricati sul treno erano sprovvisti del certificato richiesto per l’ingresso in Italia. Le Ffs hanno rimandato il treno a Briga
Afghanistan
18 ore

 Tre esplosioni in una moschea sciita a Kandahar, decine i morti

Almeno 32 persone sono state uccise e altre 53 ferite. L’attentato arriva una settimana dopo quello a Kunduz rivendicato dall’Isis
Confine
21 ore

Amalake, sinergia Ticino-Italia per il turismo sul Verbano

Al progetto di promozione turistica del Lago Maggiore partecipa per il nostro cantone l’Organizzazione Turistica Lago Maggiore e Valli
Estero
22 ore

Mafia, sequestrata casa discografica di neomelodici a Catania

La “Q Factor Records s.a.s.”, intestata ad uno dei figli del boss del rione Picanello, considerato ‘roccaforte’ dello storico clan Santapaola
Estero
23 ore

Esplosione in hotel in Alto Adige, feriti alcuni svizzeri

9 feriti in tutto per l’incendio causato dall’esplosione di una stufa. Gravi ustioni per il custode, sintomi da intossicazione da fumo per gli altri
Estero
23 ore

In Europa 3 suicidi di adolescenti al giorno

Il suicidio è la seconda causa di morte tra i giovani fra i 10 e i 19 anni, di cui 9 milioni convivono con disturbi della salute mentale
Giappone
23 ore

L’aeroporto Narita di Tokyo bloccato da un carcassa di procione

Il recupero dei resti dello sfortunato mammifero ha causato il ritardo di 4 voli. Il mese scorso disagi per una tartaruga sulla pista d’atterraggio
Estero
1 gior

Il mistero del Panchen Lama e il ‘laboratorio’ tibetano

Domenica al Film festival diritti umani a Lugano si parla della repressione cinese in Tibet, e non solo lì. Due testimonianze.
Estero
1 gior

L’Italia in bilico nel primo giorno del Green Pass al lavoro

Presidi ai porti a Genova e Trieste, code per il controllo all’Ex Ilva di Taranto
norvegia
1 gior

Due sopravvissuti alla strage di Utøya diventano ministri

L’annuncio del nuovo premier a meno di 24 ore dall’assalto con arco e frecce a Kongsberg, dove un danese convertito all’Islam ha ucciso 5 persone.
medio oriente
1 gior

Libano sull’orlo di una guerra civile

Il Paese travolto da una gravissima crisi economica. Scontri a Beirut: 6 morti e trenta feriti
Estero
1 gior

Duecento migranti sbarcano alla Gran Canaria

Su una delle barche soccorse una donna ha dato alla luce due gemelli, di cui uno è morto
l'intervista
 
09.08.2021 - 21:210

‘Noi, gli sconfitti della guerra civile bielorussa’

Parla un esule anti-Lukashenko. ‘La repressione continua senza soste e le sanzioni contro Minsk aiutano il potere a consolidarsi’

Mosca – “La guerra civile è stata vinta dalla junta”. Ivan (nome di fantasia per garantirgli l’anonimato), non ha dubbi: Lukashenko è riuscito a farla franca anche stavolta. Il nostro interlocutore è un manager di Gomel, seconda città bielorussa, che ha partecipato alle proteste nei giorni successivi ai brogli alle presidenziali del 9 agosto 2020. Solo grazie a una soffiata ha evitato l’arresto ed è riparato in Russia.

Come si ricorderà, ufficialmente l’”ultimo dittatore d’Europa” – questa la definizione usata dalla diplomazia Usa - è stato riconfermato presidente con oltre l’80% dei voti. In realtà, stando a rilevazioni indipendenti la sua rivale, Svetlana Tikhanovskaja, ha ottenuto tra il 45 e il 55% delle preferenze e Lukashenko non è andato oltre il 25-30%. In caso di ballottaggio il 66enne autocrate, al potere da 26 anni, non avrebbe avuto chance.

Due altri elementi non vanno dimenticati. Prima della consultazione, come accade da 20 anni, alcuni dei candidati più popolari anti-Lukashenko, tra cui il marito della Tikhanovskaja, sono finiti in carcere con le accuse più incredibili. Contravvenendo alla legge, le schede con i voti sono state bruciate pochi giorni dopo lo svolgimento delle elezioni, rendendo impossibile una verifica dell’esito della votazione.


Svetlana Tikhanovskaja, avversaria politica di Lukashenko (Keystone)

Le proteste di massa contro i brogli sono state veementi. Non si sono contati gli scontri, i morti e i feriti. A un certo punto il regime sembrava sull’orlo di cadere, ma l’ultima spallata avrebbe significato un immane bagno di sangue. Lukashenko, che si era fatto riprendere con un kalashnikov in mano, è riuscito a rimanere al potere grazie al ferreo controllo sulla polizia, servizi segreti (Kgb) e militari. Nel corso dei mesi il Kgb, attraverso la visione dei filmati delle proteste e degli smartphone sequestrati, ha gettato in carcere senza far troppo clamore migliaia di persone.

Scorriamo i canali Telegram attivi nei giorni delle proteste. Nexta, che aggiornava sulle dimostrazioni, ha visto uno dei suoi fondatori - Roman Protasevich – arrestato in maggio dopo il dirottamento da parte dell’Aviazione bielorussa dell’aereo di linea su cui il dissidente viaggiava dalla Grecia alla Lituania. Decine di giornalisti sono finiti in galera e i siti d’informazione indipendenti chiusi. “La guerra civile - continua Ivan Ivanovic - è stata vinta dalla junta, che è venuta a formarsi passo dopo passo, quando il popolo lentamente si è tratto in disparte e in tanti hanno preferito emigrare. Il potere ha capito che nel Paese andava tutto male; era venuto il momento di stringere le viti; si doveva ‘visitare’ se non tutte, quasi tutte, le case dei bielorussi”.

Ma perché così tanti capi dell’opposizione sono fuggiti?

Tutti pensano a loro stessi. A me, però, è impressa nella mente la frase del filosofo Aleksandr Dugin secondo la quale un politico deve morire per i suoi ideali. Di persone del genere in Bielorussia ne sono rimaste poche. Tra loro Marija Kolesnikova, che è ora rinchiusa in carcere. Con lei, sempre detenuto, Viktor Babariko, che era uno dei candidati potenziali vincenti contro Lukashenko. Tutti gli altri, dal mio punto di vista, rappresentano la classica opposizione bielorussa che vive comodamente all’estero. Come scrisse Shota Rustaveli ”Tutti quelli che si sentono strateghi vedono la battaglia da lontano”!

Come si può raccontare l’ultimo anno in Bielorussia?

L’ultimo anno è stato caratterizzato dall’insediamento della junta, dalla sua occupazione di tutti gli spazi. Repressione continua. Gli eventi del mese di luglio hanno dimostrato che la repressione non si attenua: vengono persino chiuse organizzazioni sociali, che sono sempre state apolitiche. Lo Stato cerca di guadagnare ovunque. Mette le mani anche nelle tasche dei propri cittadini. E questa è una cosa pessima, poiché non vi può essere una qualche difesa da parte della politica. Il risultato finale è che la gente ha smesso di credere che ci possano essere dei cambiamenti ed è tornata a essere amorfa, senza vita. E chissà per quanto tempo rimarrà in tale stato.


Lukashenko durante una partita di hockey con la divisa della nazionale (Keystone)

L’Occidente, Stati Uniti e Unione europea precisamente, hanno appena imposto sanzioni contro Minsk. Possono queste misure restrittive giocare un qualche ruolo in una situazione del genere?

Non nell’immediato. L’effetto delle sanzioni si avrà tra un anno o due. Ora siamo allo stadio iniziale. La Russia, comunque, interverrà con degli aiuti, affinché la Bielorussia si senta assistita e possa galleggiare. Le sanzioni sono in un primo momento usate dal potere come strumento di pressione sulle persone comuni. Poi la dinamica muterà e il peso piomberà sullo Stato.

Perché la Russia continua a sostenere Lukashenko, con cui Putin ha avuto non pochi dissapori?

La Bielorussia rappresenta uno Stato cuscinetto tra la Russia e l’Unione europea. Un Paese, per Mosca, nei cui boschi può dislocare la sua difesa anti-aerea. Dal punto di vista del carattere e della mentalità i bielorussi sono vicini ai russi. Parlano la stessa lingua e pensano in quella lingua. Ampie fette della società sono amorfe. Per Mosca mantenere questa situazione è semplice e comodo, donando dei soldi affinché la Bielorussia sopravviva. Il contrabbando, che ha acquisito nell’ultimo periodo forza, fa il resto, così il Paese rimane in piedi.

Le giovani generazioni conservano la speranza che vi saranno dei cambiamenti nei prossimi due o tre anni?

La speranza esiste sempre. Il problema è come e da chi essa verrà realizzata. Dopo le elezioni il popolo ha capito che si può rompere la macchina oppressiva. Vi è stato un momento in cui l’ondata delle manifestazioni è stata incontrollabile e i dimostranti sono stati vicini al palazzo presidenziale. Ma non è successo nulla. I cambiamenti nell’attuale situazione si possono realizzare solo dal di dentro, ma non sono rimasti ‘pasionari’. Tutti i capi della protesta sono oggi in galera o sono nascosti a casa, in silenzio, con le valige pronte per scappare.


Gli scontro dell'ottobre scorso nel centro di Minsk (Keystone)

Ma di quale sostegno gode nella società oggi Lukashenko?

Lukashenko ha ulteriormente fatto crollare la sua popolarità dopo quanto accaduto: adesso, credo, non abbia più del 20%. Con lui gli anziani, fasce di statali, uomini della sicurezza. Da oltre 20 anni in Bielorussia non esistono dati precisi, poiché essi vengono artefatti. Le ultime elezioni pulite sono state quelle del 1994, quando Lukashenko le vinse. Successivamente, attraverso l’uso di certi mezzi e dell’ideologia, veniva definita la cifra che faceva più comodo al potere.

Proprio ieri, 9 agosto, è stato il primo anniversario della protesta.

La polizia a Minsk gira in tenuta anti-sommossa e la gente non scende più in strada. C'è però movimento sui canali di Telegram.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved