ULTIME NOTIZIE Estero
coronavirus
2 ore

L’Oms: ‘Il 90% della popolazione mondiale è immune’

‘Vicini alla fine, ma serve ancora cautela’. Ancora test, sequenziamento e vaccini per evitare nuove varianti
intimidazioni in tutta Europa
3 ore

Pacchi con sangue inviati alle ambasciate ucraine

Dopi i sei colli con esplosivo in Spagna, minacce anche in Italia, Polonia, Ungheria, Croazia e Paesi Bassi. Spediti anche occhi di animali
russia
3 ore

Putin: negoziati (forse) sì, ritiro no

La Casa Bianca: ‘Spetta a Kiev decidere’. Telefonata Berlino-Mosca
grecia
3 ore

Attacco ad Atene alla diplomatica Susanna Schlein

La ticinese, sorella della politica del Pd Elly, si è salvata per puro caso da un attentato: in fiamme la sua auto
francia
4 ore

Due bebè congelati trovati nel frigo, fermata una donna

La donna è residente nel piccolo comune di Bédoin, nel dipartimento di Vaucluse: ancora non si sa il tipo di legame con i due piccoli
Confine
5 ore

Truffa anziani in Valtellina, arrestata una 70enne ticinese

Il fermo alla dogana di Chiasso Brogeda. La donna è sospettata di aver messo a segno numerosi colpi in diverse province del Nord Italia
Confine
9 ore

Il traffico di orologi è la nuova frontiera del contrabbando

Aumentano in frontiera i sequestri di merce con le griffe delle celebrate marche svizzere. L’ultimo qualche giorno fa al valico di Ronago
Estero
15 ore

Kanye West esalta Hitler: Twitter lo blocca, Parler lo scarica

L’account del rapper è stato sospeso dal social, e anche la piattaforma di estrema destra americana dice ‘no, grazie’ alla proposta di acquisto
06.08.2021 - 08:22
Aggiornamento: 15:06

Città di Foggia sciolta per mafia: 'il quadro è inquietante'

Emersi legami tra gli amministratori locali e la criminalità organizzata. Il Consiglio dei ministri affida le gestione a una commissione

di Ats/Ansa
citta-di-foggia-sciolta-per-mafia-il-quadro-e-inquietante
Il Comune di Foggia

Le indagini svolte hanno evidenziato la presenza "di concreti, univoci e rilevanti elementi su collegamenti tra gli amministratori locali e la criminalità organizzata", per questo il Comune di Foggia va sciolto per infiltrazioni mafiose. Sulla base di queste valutazioni della commissione di accesso inviata dal Viminale nel capoluogo il 9 marzo scorso, il Consiglio dei ministri ha sciolto ieri sera il Comune di Foggia ed ha affidato a una commissione straordinaria la gestione dell'ente. La commissione, secondo la proposta avanzata dal ministro Lamorgese al Cdm, sarà composta dal prefetto a riposo Marilisa Magno, dal viceprefetto Rachele Grandolfo e dal dirigente Sebastiano Giangrande.

L'ente era già stato sciolto, in via ordinaria dal prefetto, dopo le dimissioni rassegnate dall'ex sindaco Franco Landella lo scorso 4 maggio e non revocate entro i 20 giorni dalla loro presentazione, anche perché il 21 maggio l'ex primo cittadino leghista era stato arrestato e posto ai domiciliari con l'accusa di tentata concussione, corruzione e rimesso in libertà dopo dieci giorni. Ora Landella è libero ma è interdetto dai pubblici uffici per un anno. Nell'inchiesta, che ritiene di aver svelato un giro di tangenti al Comune di Foggia, è coinvolta anche la moglie di Landella, Daniela Di Donna, dipendente comunale, interdetta dai pubblici uffici per dieci mesi. Dal 25 maggio il Comune è amministrato dal commissario prefettizio Marilisa Magno, ma nell'ente era già al lavoro la commissione di accesso del Viminale per accertare presunte infiltrazioni mafiose nell'attività amministrativa di Palazzo di Città. La commissione il 29 luglio ha consegnato una durissima relazione al prefetto di Foggia, Carmine Esposito, rapporto che il prefetto ha inviato al ministero dell'Interno e sul quale si basa la decisione di sciogliere immediatamente il Comune.

Nella relazione di sei pagine si evidenzia che dal 2014 erano stati denunciati atti intimidatori nei confronti di alcuni consiglieri comunali e che esisteva una preoccupante pressione criminale sul Comune. Dal febbraio 2021 - si legge - le inchieste giudiziarie legate ad ipotesi di corruzione hanno coinvolto amministratori pubblici, tra i quali l'ex sindaco Landella e l'ex presidente del consiglio comunale Leonardo Iaccarino. "Dalle indagini conseguenti ai fatti corruttivi - si legge - traspare un quadro inquietante della realtà amministrativa dell'Ente, che attesta uno sviamento del munus pubblico in favore degli interessi della criminalità organizzata". Tra gli episodi contestati anche frequentazioni, parentele e legami affettivi da parte dei consiglieri comunali con esponenti locali della criminalità organizzata. Al centro delle presunte pressioni e infiltrazioni mafiose anche appalti legati al sistema di videosorveglianza, l'assegnazione di case popolari ad affiliati ai clan e l'assenza di certificati antimafia per alcune imprese che hanno gestito servizi pubblici.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved