ULTIME NOTIZIE Estero
Stati Uniti
1 ora

La Florida si prepara all’uragano Ian

Sono 300mila le persone che sono state evacuate dalle aree più esposte
Giappone
1 ora

Al via i funerali di Stato per Abe (con protesta)

Migliaia le persone che partecipano alla cerimonia funebre, anche se non manca chi si dice contrario ai funerali di Stato per l’ex presidente
Confine
14 ore

Como, Varese e Sondrio, nelle province calano i voti

L’affluenza alle urne è diminuita, ma il centrodestra ne esce vincente. Il partito di Giorgia Meloni sbanca anche nella patria della Lega
Estero
15 ore

Meloni sulla testa di Letta e Salvini

Un riassunto di quel che è successo alle elezioni in Italia, ‘per chi l’ha visto e per chi non c’era’
Ecuador
15 ore

Naufragio alle Galapagos: l’unica svizzera a bordo sta bene

La donna era fra i passeggeri dell’imbarcazione protagonista di un grave incidente che ha visto la morte di quattro persone
Stati Uniti d'America
15 ore

Dodicenne spara al padre: aveva fatto un patto con un’amica

L’adolescente di una cittadina del Texas, a est di Dallas, avrebbe stretto un accordo con una coetanea per uccidere le due famiglie
Stati Uniti d'America
16 ore

New York non è una città per donne: casi di stupro in aumento

Critiche alla gestione della sicurezza sono rivolte alla polizia e all’Unità vittime speciali dopo l’incremento dell’11% dei casi
Italia
17 ore

Il leader dei Dem Enrico Letta non si ricandida alla segreteria

Dopo la sconfitta elettorale la sinistra fa il mea culpa e afferma di voler portare avanti “un’opposizione dura e intransigente”
28.07.2021 - 20:57

Conte prepara la scalata a M5S

L'ex presidente del Consiglio rilancia la Carta dei valori e cerca di rinsaldare la sua leadership. Ma resta il rebus del quorum in Rete

Ansa, a cura de laRegione
conte-prepara-la-scalata-a-m5s
Giuseppe Conte (Keystone)

Il grande nodo della riforma Cartabia nasconde uno degli obiettivi messi in campo da Giuseppe Conte nel suo tour de force tra i parlamentari del M5S: "rinsaldare", sul campo, una leadership che non ha ancora il "placet" della Rete. L'ex premier fino a giovedì sera, ha organizzato un programma di riunioni con i parlamentari divisi per commissioni.

La priorità è provare a dare una linea unitaria a un Movimento stremato da mesi di navigazione a vista. Ma è anche quella di non far apparire la sua leadership troppo verticistica. Del resto, il primo vero voto dell'era Conte si avvicina: sarà il 2-3 agosto e in ballo ci sarà il nuovo Statuto. Che il documento di quasi 40 pagine preparato dall'ex premier sia approvato dalla Rete sulla nuova piattaforma appare scontato. Meno scontato è che ottenga un plebiscito. Per la prima votazione serve la maggioranza degli aventi diritto al voto. Ad averne diritto sono gli iscritti da almeno sei mesi - quindi prima del 2 febbraio 2021 - con l'esclusione dei cosiddetti "dormienti", ovvero di coloro che, negli ultimi 15 mesi non hanno fatto neanche un accesso alla precedente piattaforma (Rousseau). La platea, insomma, rispetto a precedenti votazioni è sensibilmente ristretta ma il quorum è tutt'altro che scontato.

In caso di mancata maggioranza degli iscritti si tornerà a votare il 5-6 agosto: il quorum, questa volta, sarà la maggioranza più uno dei votanti. Ciò che dal punto di vista del risultato finale appare poco più che una formalità per Conte non lo è. Il leader in pectore ha l'obiettivo dichiarato di cominciare con una forte maggioranza alle spalle, elemento che lo renderebbe più saldo sia all'interno del Movimento sia nella maggioranza. Non è un caso che, in mattinata, gli account social dell'ex premier rilancino in una clip la Carta dei Valori contenuta nel nuovo Statuto. E a far da contorno alle parole di Conte sono immagini in slow motion dei paesaggi e dell'umanità italiana e una colonna sonora sontuosa. "Noi siamo in ciò che crediamo", sottolinea Conte nel filmato primi di elencare le priorità del M5S 2.0, dalla transizione ecologica alla giustizia sociale. Proprio anche dare spazio al "sentiment" dei gruppi il M5S potrebbe configurarsi di lotta e di governo.

La permanenza in maggioranza è scontata ma, sulle battaglie-simbolo, vorrà farsi sentire. Come sul conflitto di interessi, che Conte considera centrale e in merito al quale il M5S, sulla scia del caso dei convegni tenuti da Renzi in Arabia Saudita, ha avanzato una proposta che sanziona i parlamentari che prendono proventi da Stati stranieri. E chissà se è un caso che, sul dl Recovery, al Senato, in nove tra i Cinque Stelle non hanno partecipato al voto di fiducia. Tra loro "big" come Paola Taverna, Vito Crimi, Alessandra Maiorino o Gianluca Perilli. Assenze che, secondo alcune fonti parlamentari del MS5, potrebbero essere anche un segnale (debole, nei numeri) rispetto al voto sulla riforma Cartabia. Lì gli "assenti ingiustificati" potrebbero essere ben di più e per il Conte neo-leader sarebbe la prima grana

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved