spara-dopo-una-lite-assessore-leghista-uccide-immigrato
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
italia
3 ore

Quirinale, si fa sotto l’ipotesi Mattarella bis

Melina di Berlusconi nel centrodestra. Tenere il presidente attuale sembra il modo migliore di salvare la legislatura in piena pandemia.
Estero
3 ore

La Francia denuncia il genocidio degli uiguri

Pechino s’infuria per l’attacco alla viglia delle Olimpiadi invernali di Pechino
Estero
5 ore

La Cia: ‘Nessun nemico dietro la Sindrome dell’Avana’

L’annuncio americano: ‘Esclusa un’azione straniera, ma cause ambientali e mediche’
Estero
5 ore

L’Austria introduce l’obbligo di vaccinazione

Dopo l’annuncio del cancelliere Karl Nehammer di settimana scorsa, oggi il Parlamento ha dato via libera alla misura a larghissima maggioranza.
coronavirus
6 ore

I morti di Covid nel mondo fino a 4 volte i dati ufficiali

Secondo alcuni modelli del sito Nature le vittime potrebbero essere 20 milioni
eruzione a tonga
6 ore

‘Io, portato da un’isola all’altra dallo tsunami’

Un falegname disabile è sopravvissuto al disastro aggrappandosi a un tronco
verso il vertice
6 ore

‘Blinken non venga a Ginevra a mani vuote’

Il rappresentante russo presso l’Ue Vladimir Chizhov teme una fase di stallo sulla risoluzione dei problemi della questione ucraina
Estero
7 ore

La Procura si oppone alla libertà condizionale di Breivik

Per il pubblico ministero norvegese il 42enne autore della strage di Utoya non è cambiato e rimane un soggetto pericoloso
Confine
9 ore

Lo sconto carburante fa flop. Risparmio esiguo

Forniti i dati dell’App introdotta per ridurre il prezzo del pieno nella fascia di frontiera con Ticino e Grigioni
Confine
9 ore

Da oggi capelli, barba e ceretta in Italia solo con il 3G

Entra in vigore il ‘green pass’ per i clienti di parrucchieri, barbieri ed estetisti. Dall’1. febbraio estensione a uffici postali e bancari e ai negozi
Estero
9 ore

Caduto e ferito per una buca stradale nell’87: eredi risarciti

Un uomo della provincia di Bologna rimase ferito e paralizzato 32 anni fa. Morto lui nel 2015 per altre cause, gli eredi vincono la causa contro il Comune
Estero
10 ore

Abusi dei preti a Monaco: da Ratzinger nessuna azione in 4 casi

Almeno 497 vittime di pedofilia nell’arcidiocesi dal 1945 al 2019. Con Ratzinger a capo, due preti di cui erano documentati gli abusi rimasero in carica
italia
21.07.2021 - 21:000
Aggiornamento : 21:18

Spara dopo una lite, assessore leghista uccide immigrato

Il fatto a Voghera, nell'Oltrepo' Pavese. L'uomo parla di errore. Il leader della Lega Salvini lo difende

Un arresto per omicidio volontario e poi un'indagine che è virata quasi subito nell'accusa meno pesante di "eccesso colposo in legittima difesa". Sta anche in questi dubbi giuridici, a cui gli inquirenti stanno cercando di dare risposte valutando elementi e testimonianze, l'eccezionalità di quanto accaduto ieri sera di fronte a un bar vicino al centro di Voghera (Pavia). Con un assessore alla Sicurezza, il leghista Massimo Adriatici, per ora ai domiciliari per aver sparato, a suo dire per "errore" mentre cadeva dopo una spinta, ad un marocchino senzatetto di 39 anni, Youns El Boussettaoui, che stava infastidendo alcuni clienti del locale.

Lo sceriffo

Un episodio cruento, accaduto nella città dell'Oltrepò pavese, che ha già diviso ovviamente la politica sulle tematiche della sicurezza, ma di cui danno una lettura diversa pure gli stessi cittadini. Come quelli che frequentano proprio il bar 'Ligure La Versa' e gli altri nella zona, che si dividono tra chi descrive la vittima come "uno capace solo di andare in giro a spaccare vetrine e a dare fastidio" e altri che parlano di Adriatici come di "uno sceriffo, che aveva smesso di fare il poliziotto, ma lo faceva ancora e aveva preso di mira 'Musta'", soprannome del 39enne, "che spesso chiedeva solo qualche soldo". "Altro che far west a Voghera si fa strada l'ipotesi della legittima difesa", ha commentato il leader della Lega Matteo Salvini, mentre per il segretario del Pd Enrico Letta "un uomo è morto, per colpa di una pistola" e "una cosa dobbiamo e possiamo farla: StopArmiPrivate".

A dire di tutti dovrà essere la magistratura a fare chiarezza e certamente tra le analisi necessarie, oltre a quelle sulle telecamere della zona (una è piazzata vicino al locale e riprende la piazza girando), c'è pure un accertamento balistico. "Ho tirato il grilletto per sbaglio, mentre cadevo, dopo uno spintone, non volevo", si è difeso Adriatici (si è autosospeso dalla carica), 47 anni anche stimato avvocato in zona, con un passato da poliziotto in città e che poteva ora detenere e portare in giro la pistola Calibro 22. È stato interrogato nella notte, difeso dal legale Colette Gazzaniga, dopo l'arresto in flagranza eseguito dai carabinieri per omicidio volontario con l'ok del pm Roberto Valli.

La ricostruzione

Poco dopo le 22, stando a una prima ricostruzione, Adriatici è arrivato in piazza Meardi davanti al bar perché El Boussettaoui, con molti precedenti, tra cui resistenza, spaccio, porto di armi atte a offendere, "faceva ciò che faceva di solito", stando alle parole di alcuni testimoni. Ossia, stava importunando gli avventori (si è parlato di una ragazza, ma il particolare non è stato confermato), e Adriatici, dopo aver chiamato la polizia e aver litigato con lui, ha tirato fuori la pistola, carica e col colpo in canna. Colpo che, a suo dire, sarebbe partito "per errore" mentre andava giù a terra, spinto dal marocchino che si era accorto che lui aveva allertato le forze dell'ordine.

Qualcuno ha parlato di una "bottiglia di birra" lanciata contro Adriatici, anche se agli investigatori non risulta e potrebbe essere stata scagliata prima, quando la vittima stava dando in escandescenza forse sotto effetto di alcol e droga (saranno gli esami autoptici a determinarlo). "Mio figlio lo conosceva", ha detto una donna che ha portato dei fiori con un cartello con scritto "ti sia lieve almeno la terra, 'Musta', perché la vita per Te non è stata lieve". E ha aggiunto: "non mi sento sicura in una città dove l'assessore alla sicurezza va in giro con un pistola e spara a una persona che aveva sofferenze psichiche". Altri ricordano che il 39enne "aveva moglie e figlio in Marocco e un padre in Italia".

Nel frattempo, il pm Valli, con l'aggiunto Mario Venditti, ha modificato l'imputazione in eccesso colposo in legittima difesa, accusa che equivale in pratica all'omicidio colposo. In sostanza, una valutazione che pare seguire la ricostruzione difensiva. E la Procura sta decidendo se, oltre alla convalida dell'arresto, richiedere al gip anche una misura cautelare per l'assessore. Per ora resta ai domiciliari, ma dipenderà dalla decisione del gip sulla misura cautelare o meno se Adriatici tornerà libero. Mentre la sindaca Paola Garlaschelli confida "nell'operato della magistratura".

© Regiopress, All rights reserved