idranti-contro-manifestanti-a-trieste-lite-salvini-governo
Getti d’acqua contro i manifestanti a Trieste (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
3 ore

La Bielorussia mette al bando ‘1984’ di Orwell

Vietato possedere copie del romanzo. Arrestato alcuni giorni fa l’editore Andrey Yanushkevich che nel 2020 ha pubblicato la versione in lingua bielorussa
Confine
5 ore

San Bartolomeo Val Cavargna, Lady Demonique candidata

Il 12 giugno la performer erotica Doha Zaghi contenderà la poltrona di sindaco a Eleonora Bari
Confine
5 ore

Alla stazione di Chiasso con 206mila euro in valigia

Le banconote da 200 e 500 euro sono state trovate nelle valigie di una coppia bulgara proveniente dalla Germania e diretta in Italia
Confine
9 ore

Caro-benzina anche in Italia. Ma sotto i livelli ticinesi

Malgrado il rincaro, fare il pieno nella Penisola resta un’opzione sempre attrattiva: oltre 20 centesimi in meno al litro
Speciale Ucraina
LIVE

Kiev ordina ai combattenti di Azovstal di cessare il fuoco

Il giallo di Palamar: ‘Non mi sono arreso. Sono ad Azovstal’; ergastolo per il soldato Vadim. Segui il live de laRegione
Confine
10 ore

Como, sopralluogo del prefetto nei boschi della droga

La stessa problematica è stata segnalata anche alla Prefettura di Varese. L’impegno sul confine è di intensificare i controlli
Estero
10 ore

Quattro persone accoltellate in Norvegia: fermato l’autore

Secondo le autorità, l’uomo avrebbe preso di mira le sue vittime (ferite in modo grave) in modo ‘casuale’
Confine
11 ore

Vigezzina e statale 337 chiuse per almeno una settimana

All’esame dei tecnici Anas il calendario degli interventi per la messa in sicurezza del tratto tra Re e il confine di Ponte Ribellasca
Confine
11 ore

Ubriaco, forza un posto di blocco. Ripreso dopo 6 km

Movimentato fermo nella notte su ieri nel Comasco. Per eludere il controllo, l’uomo ha anche urtato un carabiniere
Estero
12 ore

Kirill, più oligarca che patriarca

Il reazionario omofobo, al quale si attribuiscono enormi ricchezze, benedice l’invasione dell’Ucraina. Ma è sempre più isolato, e rischia sanzioni
regno unito
23 ore

Niente più multe per BoJo, ma il Partygate non finisce qui

Chiusa l’indagine della polizia. Il Labour chiede le dimissioni di Johnson, che non molla
Estero
23 ore

Preoccupa il vaiolo delle scimmie, primo caso in Italia

L’Oms vigila. Altri contagiati erano stati segnalati in Svezia, Spagna, Portogallo e Regno Unito. ‘Sintomi lievi e basso pericolo di trasmissione’
medio oriente
1 gior

Lascia deputata di sinistra, governo di Israele in minoranza

Bennet in crisi, si prospettano ancora nuove elezioni. Netanyahu ora spera di tornare al potere
Confine
1 gior

Centovallina, i treni circolano unicamente fino a Camedo

Il cedimento di un muro della strada statale oggetto d’interventi di messa in sicurezza all’origine dell’interruzione del collegamento
italia
19.10.2021 - 20:23

Idranti contro manifestanti a Trieste: lite Salvini-governo

La ministra degli Interni Lamorgese: ‘Niente ombre sulla polizia’. La legge contestata dal leader della LEga l’aveva voluta lui

Ansa, a cura de laRegione

Gli agenti non sono uno “strumento di oscure finalità politiche: è un’accusa ingiusta, che getta un’ombra inaccettabile sull’operato delle forze dell’ordine“. Il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese si difende, di fronte al Parlamento, e tenta di mettere fine a fiumi di polemiche e insinuazioni arrivate dopo dieci giorni di tensioni in piazza per le manifestazioni dei No Pass, cominciate con gli scontri a Roma dello 9 ottobre, passando per i tafferugli a Milano sabato scorso e culminate nello sgombero dei manifestanti al porto di Trieste. Ma la sua informativa resa alle Camere sugli episodi nella Capitale è anche una presa d’atto delle "criticità che, occorre riconoscerlo - dice - hanno contrassegnato la gestione dell’ordine pubblico di quelle ore". E rilancia un allarme, chiarendo che "la protesta è intenzionata a non fermarsi”, già in vista della prossima settimana: "ci attende un periodo ancora molto impegnativo, che per altro vedrà a fine ottobre lo svolgimento del G20”.

Chieste le dimissioni

Tra le proteste di Lega e Fratelli d’Italia, quest’ultima ne chiede a gran voce nuovamente le dimissioni, la titolare del Viminale respinge anche le accuse arrivate per lo sgombero e la linea dura adottata contro portuali e manifestanti a Trieste nelle ultime ore o i tafferugli di sabato scorso a Milano. Nei momenti di maggiore tensione si riscontravano le “caratteristiche analoghe ai fatti di Roma", come con i cortei verso Palazzo Chigi e Montecitorio, spiega precisando: "la decisione dello sgombero è stata condivisa nel comitato urgente di sicurezza indetto dal prefetto”. Intanto il presidio al varco 4 del Porto va gradualmente smobilitandosi, riportando la situazione alla tranquillità e lo stesso Coordinamento dei lavoratori portuali della città, finora capofila della protesta, si sfila e scarica il suo ormai ex leader Stefano Puzzer.

A Genova, invece, 150 manifestanti No pass hanno percorso pacificamente, quasi in fila indiana, le vie cittadine partendo dal lungomare. Un’atmosfera totalmente opposta a quanto visto finora, con alcuni agenti di polizia in servizio al porto di Genova che hanno portato della focaccia ai manifestanti che da venerdì sera presidiano il varco Etiopia.

L’affondo

Siglata una parziale tregua in piazza, si accende ora lo scontro in Parlamento: “Ma è normale fare una manifestazione alla vigilia del voto, poi idranti a urne aperte, ma neanche in Cile, in Venezuela", si chiede il segretario del Carroccio, Matteo Salvini, mentre FdI, con Giorgia Meloni e Francesco Lollobrigida, accusa Lamorgese di scaricare "sulle nostre forze di polizia le sue responsabilità”. Dal canto suo il ministro ha alzato comunque una ferma difesa, respingendo le accuse secondo cui le forze dell’ordine possano essere parte di un disegno della strategia della tensione, rifiutando quella lettura politica “che tende ad accreditare la tesi di un disegno assecondato da comportamento” degli agenti.


La ministra degli Interni italiana Luciana Lamorgese (Keystone)

Parole accolte dai boati dei deputati di FdI, che anche al Senato ha contestato il momento in cui Lamorgese ha escluso “l’inquietante retroscena degli agenti infiltrati". Quell’operatore di polizia con abiti civili durante il corteo a Roma (le cui immagini sono rimbalzate in un video sui social mentre si trovava tra i violenti che tentavano di ribaltare un blindato), "stava verificando che la forza scaricata sul mezzo non riuscisse nell’intento. Si tratta - chiarisce il ministro - dello stesso agente che più tardi, aggredito da un manifestante tuttora in stato di arresto, ha reagito in modo scomposto e per questo motivo si è auto-segnalato”.

La difesa

Certo, ammette il numero uno del Viminale, c’è stato un “deficit di sicurezza determinato dalla situazione che ha superato ogni ragionevole previsione" e che non deve "più ripetersi" perché l’assalto alla sede della Cgil il 9 ottobre, ricostruito dal ministro in “otto angoscianti minuti” è stato uno "sfregio alla democrazia". E sulla presenza al corteo del leader di Forza Nuova, Giuliano Castellino (uno degli arrestati, su cui pesava già un Daspo allo stadio), il ministro ribadisce che la sorveglianza speciale lo consente e che l’intenzione di andare verso la sede del sindacato era "non è stato il frutto estemporaneo dell’incitamento di Castellino”.

Il Viminale ora guarda avanti al G20 a Roma del 30 e 31 ottobre e conta sull’ “apporto informativo volto a considerare ogni pericolo", visto che "in questo periodo la protesta ha investito minacciosamente ogni ambito, politico sindacale, sanitario e scolastico, facendo emergere nuovi soggetti da tutelare e nuovi obiettivi sensibili da proteggere. Ora non si può in alcun modo abbassare la guardia”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved