ventisei-anni-dopo-srebrenica-e-una-ferita-ancora-aperta
Keystone
Al cimitero di Potocari
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
2 ore

Italia, dissequestrata la storica biblioteca dei Girolamini

I sigilli vennero messi dieci anni fa nell’ambito di un’inchiesta sul furto di migliaia di volumi antichi
Estero
2 ore

Trasporto aereo, aumentano i bagagli persi o in ritardo

Sono più di quattro ogni mille passeggeri le borse e valigie smarrite, giunte tardivamente, rubate o danneggiate.
Estero
2 ore

Partire, restare... l’incertezza attanaglia i rifugiati siriani

Dall’inizio della guerra in Siria nel 2011, cinque milioni di persone hanno cercato rifugio in Turchia. Ora ci sono pressioni perché rientrino in patria.
Confine
13 ore

Pfizer: vaccini a prezzo di costo nei paesi poveri

‘È ora di cominciare a chiudere questo divario fra chi ha accesso alle cure più avanzate e chi no’, ha detto al Wef il Ceo del colosso farmaceutico
Confine
13 ore

Stroncato da un infarto il senzatetto svizzero trovato a Como

Si tratta di un 66enne il cui corpo era stato scoperto da un giovane lo scorso 15 maggio
Estero
15 ore

Francia, fermato un 18enne: ‘Preparava un attentato per l’Isis’

Il giovane ha ammesso di star organizzando l’attacco. Un video in cui presta fedeltà allo Stato islamico è stato trovato in suo possesso.
Stati Uniti
17 ore

‘Aveva provato a chiamare i soccorsi, ma lui le ha sparato’

Massacro di Uvalde, lo straziante racconto delle piccole vittime della follia omicida del diciottenne
Estero
18 ore

Adesione alla Nato, delegazioni di Svezia e Finlandia in Turchia

Ankara appoggerà la candidatura dei Paesi scandinavi solo se questi rinunceranno al sostegno al gruppo armato Pkk
Speciale Ucraina
19 ore

Zelensky apre ai negoziati. Ma a patto che la Russia si ritiri

Orrore a Mariupol: rinvenuti duecento cadaveri tra le macerie di un rifugio. Segui il live de laRegione
Vaticano
23 ore

‘Basta col traffico indiscriminato delle armi!’

Al cordoglio per le vittime in Texas si unisce Papa Bergoglio. ‘Impegniamoci tutti perché tragedie così non possano più accadere’
11.07.2021 - 19:28
Aggiornamento : 20:12

Ventisei anni dopo, Srebrenica è una ferita ancora aperta

Il genocidio continua a dividere la Bosnia-Erzegovina. Sepolti i resti di altre 19 vittime. Assenti i serbi negazionisti.

Sarajevo – A 26 anni dal genocidio di Srebrenica, quello che è ritenuto il peggior massacro di civili in Europa dopo la seconda guerra mondiale continua a dividere la Bosnia-Erzegovina e ad alimentare polemiche e contrapposizioni nella vicina Serbia e nel resto della regione. In migliaia hanno assistito oggi al cimitero-memoriale di Potocari, alle porte di Srebrenica, alle cerimonie commemorative per gli 8mila bosniaci musulmani trucidati in pochi giorni fra l'11 e il 19 luglio 1995 dalle forze serbo-bosniache al comando del generale Ratko Mladic, condannato un mese fa definitivamente all'ergastolo dai giudici dell'Aja.

Un eccidio quello di Srebrenica definito genocidio dalla giustizia internazionale, termine questo tuttavia che serbi e serbo-bosniaci continuano a contestare. A loro avviso nella cittadina orientale bosniaca furono senz'altro perpetrati atroci crimini ma nessun genocidio, e di tali crimini, affermano, la responsabilità non è del popolo serbo ma di singoli individui, che per questo vanno giudicati e condannati.

Negazionismo

Ancora oggi Milorad Dodik, leader politico dei serbi di Bosnia e membro serbo della presidenza tripartita bosniaca, ha negato apertamente il genocidio a Srebrenica che a suo avviso non ha alcun fondamento concreto e si basa soltanto su falsificazioni storiche a sostegno della componente musulmana di Bosnia e per criminalizzare e mettere in cattiva luce la Serbia e i serbo-bosniaci.

I serbi al tempo stesso lamentano il silenzio dei musulmani bosniaci, dell'Occidente e di gran parte della comunità internazionale sui crimini compiuti negli anni Novanta contro i serbi, uccisi e massacrati a migliaia non solo nel conflitto armato in Bosnia ma anche in quelli in Croazia e Kosovo, le cui conseguenze furono inoltre centinaia di migliaia di profughi serbi cacciati e espulsi dalle loro case.

Lutto e condanna 

Come avviene di regola ogni 11 luglio, al cimitero di Potocari anche oggi sono stati tumulati i resti, quest'anno 19, delle vittime di Srebrenica identificate negli ultimi 12 mesi. Fra loro due minorenni che avevano allora 16 e 17 anni, e una giovane donna 24enne. Con quelle di oggi, sono 6.671 le vittime sepolte a Potocari, dove chiunque vada resta impietrito e impressionato dal mare di stele bianche, a testimoniare il dolore immenso e senza fine di chi ha perso i propri cari per la follia fratricida scatenatasi nel pieno della dissoluzione della ex Jugoslavia.

In tanti oggi a Potocari, dove sono intervenuti sia in presenza sia in videocollegamento politici locali, esponenti internazionali e rappresentanti della società civile, hanno condannato la negazione del genocidio e la glorificazione dei criminali di guerra, fenomeni che caratterizzano ancora buona parte della società in Serbia e Republika Srpska, l'entità a maggioranza serba di Bosnia-Erzegovina.

A inviare messaggi video con parole di condanna del massacro di 26 anni fa sono stati tra gli altri il presidente del consiglio Ue Charles Michel, il commissario all'allargamento Oliver Varhelyi, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, il presidente croato Zoran Milanovic, Carmel Agius, presidente del Meccanismo residuale che è subentrato al Tribunale penale internazionale dell'Aja (Tpi).

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bosnia-erzegovina genocidio potocari srebrenica vittime
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved