ULTIME NOTIZIE Estero
video
Italia
16 min

Frana a Ischia: morti, dispersi ed evacuati

Lo smottamento, provocato dalle intense piogge, ha invaso diverse case e travolto alcune auto in sosta, trascinandole fino al mare.
Italia
38 min

A Milano inaugurata la linea blu della metro che porta a Linate

Sarà un’apertura a tappe: al momento sono disponibili le prime sei stazioni che collegano l’aeroporto a piazzale Dateo
Italia
2 ore

Prendere di petto le elezioni: una pornostar per la Lombardia

Dopo Cicciolina a Roma e Sandy Balestra a Bellinzona si candida a governatrice meneghina Fortunata Ciaco al secolo Priscilla Salerno
Ucraina
4 ore

Mosca e le perdite in vite umane: oltre 86mila soldati uccisi

L’esercito russo ha perso anche caccia, elicotteri, droni senza contare le migliaia di carri armati, artiglieria, navi e missili abbattuti
eutanasia
18 ore

Cappato ha accompagnato un altro italiano a morire in Svizzera

La moglie: ‘Gravemente malato, non voleva più soffrire’. Dopo l’autodenuncia del tesoriere dell’associazione Luca Coscioni, un’altra indagine
la guerra in ucraina
18 ore

Putin alle madri russe: ‘I vostri figli sono eroi’

Secondo il presidente in rete circolano “false notizie, inganni e menzogne”, utilizzate come “armi da combattimento”
Estero
19 ore

Le proteste a Foxconn, tra il Covid e l’iPhone

Scontri senza precedenti si sono registrati nei pressi della megafabbrica cinese che produce gli smartphone di Apple. C’entra il coronavirus, ma non solo
Francia
21 ore

Macron si difende dalle accuse,‘non ho nulla da temere’

Il presidente francese nel mirino dei giudici per finanziamento illecito
Confine
22 ore

Novazzano, restano in carcere i rapinatori del Piccadilly

L’assalto banditesco è avvenuto il 14 ottobre 2021 e i due presunti colpevoli, un 55enne e un 61enne, restano in prigione a Como
Estero
1 gior

‘Il Papa vuole la mia morte’, la chat del cardinale a processo

Il cardinale Giovanni Angelo Becciu è imputato in Vaticano per la gestione di alcuni fondi della Santa Sede, in relazione a un affare immobiliare a Londra
Estero
1 gior

Un pitone attacca un bimbo di 5 anni, il nonno lo salva

Il serpente ha morso il bambino e ha tentato di soffocarlo fra le sue spire, ma l’intervento dell’anziano ha evitato il peggio
Confine
1 gior

Frontalieri, al via in Italia il disegno di legge

Il nuovo accordo ritorna ora all’esame del Parlamento. Ma la strada è ancora lunga.
08.07.2021 - 20:33
Aggiornamento: 21:10

Haiti: presi i primi killer di Moïse, è caccia all'uomo

Si cercano i mandanti, mentre nel Paese si temono rivolte. La first lady, gravemente ferita, è stata portata in Florida

Ansa, a cura de laRegione
haiti-presi-i-primi-killer-di-moise-e-caccia-all-uomo
La frontiera chiusa tra Repubblica Dominicana e Haiti (Keystone)

Le forze di sicurezza di Haiti sono impegnate in una monumentale caccia all'uomo per trovare i killer del presidente Jovenel Moise: il governo ha annunciato l'uccisione di quattro persone e l'arresto di altri membri del commando che ha crivellato, con 12 colpi, il capo dello Stato nella sua casa. Ma i blitz delle forze dell'ordine non si sono fermati per tutta la giornata, tra perquisizioni e assedi ad altri sospetti "asserragliati". Con nuovi fermi, tra cui ci sarebbe anche un americano.

Si cercano risposte, ma soprattutto i mandanti che hanno voluto e finanziato la drammatica esecuzione che ha sconvolto non solo il già fragile Paese ma anche l'intera comunità internazionale che invita alla calma. Con anche papa Francesco che ha condannato 'l'efferato' assassinio. Il primo ministro ad interim Claude Joseph e il comandante provvisorio della polizia nazionale, Léon Charles, hanno cercato di dare le prime concrete rassicurazioni con una conferenza stampa in cui hanno annunciato la cattura di due primi presunti membri del commando assassino e l'uccisione di altri quattro in uno scontro a fuoco: "Li abbiamo localizzati e li teniamo sotto pressione", ha spiegato Charles confermando indirettamente l'esistenza di molti altri elementi che avrebbero partecipato al progetto, per il quale si ipotizzano complicità fino ai massimi livelli dei servizi di sicurezza presidenziali.

La First Lady Martine, rimasta gravemente ferita nell'attacco, è stata trasferita con un volo sanitario in Florida, a Washington l'ambasciatore haitiano, Bocchit Edmond, ha confermato l'ipotesi che "l'attacco è stato realizzato da mercenari. Abbiamo un video che lo conferma", ha detto, aggiungendo che "gli assassini sono arrivati nella residenza presidenziale asserendo falsamente di essere membri della Dea statunitense".

Nulla è però finora emerso in modo ufficiale a Port au Prince sull'origine e gli obiettivi dietro l'eliminazione del capo dello Stato. E allora i media della Repubblica dominicana, che confina con Haiti, hanno prospettato uno scenario riguardante "un commando formato da quattro colombiani e tre venezuelani che sarebbero arrivati con un volo privato".


Il presidente Moïse con la moglie (Keystone)

In particolare 'fonti' non meglio identificate hanno riferito al quotidiano Diario Libre che ci sono diverse teorie legate all'assassinio di Moise, tra cui l'ipotesi che si tratterebbe di sette contractor sudamericani pagati da "persone molto potenti dedite ad Haiti al traffico di droga e ai rapimenti". I timori che Haiti possa precipitare nel caos e nell'anarchia istituzionale sono chiari a tutti. Dal 2020 non esisteva più un Parlamento, di recente la Corte suprema aveva smesso di funzionare e ora il Paese non ha più neppure quel capo dello Stato che era abituato, fra mille polemiche, a governare per decreto.

Nel Paese, intanto, si respira un clima di calma tesa: lo shock per l'assassinio di Moise ha congelato le forti tensioni fra governo e opposizione. Ma già si profila una nuova dura battaglia di potere: in una intervista al quotidiano le Nouvelliste Ariel Henry, che era stato nominato primo ministro da Moise, poco prima di essere assassinato, ha rivendicato il suo ruolo.

Criticando la "non necessaria" dichiarazione di stato d'assedio decisa dall'attuale governo, Henry ha ribadito che "il primo ministro sono io, mentre Joseph era un premier uscente ad interim. E quindi non era più primo ministro" quando è morto il presidente. Dal mondo rimbalzano le condanne per il brutale omicidio e gli appelli alla moderazione. L'Ue ha stigmatizzato 'fermamente' assicurando pieno sostegno al popolo haitiano, così come l'Italia: la Farnesina si dice 'sgomenta' e chiede a tutti "gli attori e alle forze politiche haitiane" di preservare "i delicati equilibri politici, prevenire tensioni e assicurare la stabilità istituzionale del Paese e la sicurezza della popolazione". E si è alzata anche la voce di Francesco che, in convalescenza, ha condannato "ogni forma di violenza come mezzo per risolvere crisi e conflitti", auspicando per gli haitiani "un futuro di fraterna armonia, solidarietà e prosperità".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved