haiti-la-first-lady-punta-il-dito-contro-i-mercenari
Keystone
Martine Moise è rimasta gravemente ferita nell’attentato costato la vita al marito
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
10 ore

La Bielorussia mette al bando ‘1984’ di Orwell

Vietato possedere copie del romanzo. Arrestato alcuni giorni fa l’editore Andrey Yanushkevich che nel 2020 ha pubblicato la versione in lingua bielorussa
Confine
12 ore

San Bartolomeo Val Cavargna, Lady Demonique candidata

Il 12 giugno la performer erotica Doha Zaghi contenderà la poltrona di sindaco a Eleonora Bari
Confine
12 ore

Alla stazione di Chiasso con 206mila euro in valigia

Le banconote da 200 e 500 euro sono state trovate nelle valigie di una coppia bulgara proveniente dalla Germania e diretta in Italia
Confine
16 ore

Caro-benzina anche in Italia. Ma sotto i livelli ticinesi

Malgrado il rincaro, fare il pieno nella Penisola resta un’opzione sempre attrattiva: oltre 20 centesimi in meno al litro
Speciale Ucraina
17 ore

I russi prendono l’Azovstal, Mariupol è caduta

Dopo 86 giorni di assedio e resistenza l’acciaieria è stata espugnata. Segui il live de laRegione
Confine
17 ore

Como, sopralluogo del prefetto nei boschi della droga

La stessa problematica è stata segnalata anche alla Prefettura di Varese. L’impegno sul confine è di intensificare i controlli
Estero
17 ore

Quattro persone accoltellate in Norvegia: fermato l’autore

Secondo le autorità, l’uomo avrebbe preso di mira le sue vittime (ferite in modo grave) in modo ‘casuale’
Confine
18 ore

Vigezzina e statale 337 chiuse per almeno una settimana

All’esame dei tecnici Anas il calendario degli interventi per la messa in sicurezza del tratto tra Re e il confine di Ponte Ribellasca
11.07.2021 - 19:22

Haiti, la first lady punta il dito contro i ‘mercenari’

Da Miami Martine Moise, ferita nell’agguato al marito, lancia accuse. Nell’isola caraibica è scontro istituzionale.

Roma – Con una mossa a sorpresa, che ha fatto gridare al miracolo, la 'first lady' di Haiti, Martine Moise, ha postato sul suo account Twitter un documento audio in lingua creola in cui rivendica fortemente il lavoro di suo marito Jovenel Moise, e denuncia "i mercenari" che lo hanno assassinato (il 7 luglio) e che "ora vogliono uccidere anche le sue idee". Il messaggio giunge in un momento di grande caos istituzionale, quando almeno tre personalità politiche si contendono il potere - il primo ministro uscente Claude Joseph, il premier nominato da Moise prima di morire, Ariel Henry, e il presidente ad interim Joseph Lambert, scelto da otto senatori ancora in esercizio - e mentre l'opposizione minaccia di scendere in forze in piazza.

La crisi haitiana, aggravata dall'azione di bande criminali che si contendono il territorio, preoccupa la comunità internazionale, fra cui gli Usa e l'Onu, a cui le autorità haitiane hanno chiesto aiuto, anche con l'eventuale invio di un contingente militare.

Papa Francesco ha toccato oggi l'argomento con un accorato appello all'Angelus dal Policlinico Gemelli. "Sono vicino al caro popolo haitiano - ha detto - e auspico che cessi la spirale della violenza e che la Nazione possa riprendere il cammino verso un futuro di pace e di concordia".

‘Mio marito crivellato di proiettili’

Trasferita tre giorni fa a Miami, in Florida, con un'ambulanza sanitaria in condizioni definite "stabili ma molto critiche", Martine Moise doveva essere sottoposta ad un delicato intervento chirurgico che non si sa se è stato già realizzato. Per questo, il tono fermo e quasi sereno della voce che si ascolta nel documento sonoro di due minuti e mezzo ha suscitato lo scetticismo di alcuni media haitiani sulla sua autenticità, che è stata però "certificata" dal ministro della Cultura e della Comunicazione, Pradel Henriquez.

Sottolineando di "essere viva grazie a Dio", la 'first lady' ha ricordato i momenti tragici dell'attacco notturno alla sua residenza, quando, "in un batter d'occhio, i mercenari sono entrati in casa mia e hanno crivellato mio marito di proiettili". "Per assassinare un presidente senza avergli dato la possibilità di dire nemmeno una parola - ha sottolineato - si deve essere davvero criminali incalliti". E, ha aggiunto, "mentre quei mercenari sono in prigione, ce ne sono altri ora che vogliono uccidere il suo sogno e le idee che aveva per il bene del Paese".

Dal gennaio 2020 il defunto presidente Moise governava per decreto, mentre per il rinvio delle elezioni legislative il Parlamento era inoperante con solo dieci senatori (su 30) ancora in funzione. In più la Corte suprema, organo che per la Costituzione avrebbe potuto risolvere la crisi istituzionale, è stata sciolta, con il suo presidente, René Sylvestre, morto di Covid alla fine di giugno.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
haiti martine moise mercenari presidente
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved