ue-verso-infrazione-contro-orban-per-la-legge-anti-lgbt
Viktor Orban (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
25 min

San Bartolomeo Val Cavargna, Lady Demonique candidata

Il 12 giugno la performer erotica Doha Zaghi contenderà la poltrona di sindaco a Eleonora Bari
Confine
48 min

Alla stazione di Chiasso con 206mila euro in valigia

Le banconote da 200 e 500 euro sono state trovate nelle valigie di una coppia bulgara proveniente dalla Germania e diretta in Italia
Confine
4 ore

Caro-benzina anche in Italia. Ma sotto i livelli ticinesi

Malgrado il rincaro, fare il pieno nella Penisola resta un’opzione sempre attrattiva: oltre 20 centesimi in meno al litro
Speciale Ucraina
LIVE

Kiev ordina ai combattenti di Azovstal di cessare il fuoco

Il giallo di Palamar: ‘Non mi sono arreso. Sono ad Azovstal’; ergastolo per il soldato Vadim. Segui il live de laRegione
Confine
5 ore

Como, sopralluogo del prefetto nei boschi della droga

La stessa problematica è stata segnalata anche alla Prefettura di Varese. L’impegno sul confine è di intensificare i controlli
Estero
5 ore

Quattro persone accoltellate in Norvegia: fermato l’autore

Secondo le autorità, l’uomo avrebbe preso di mira le sue vittime (ferite in modo grave) in modo ‘casuale’
Confine
6 ore

Vigezzina e statale 337 chiuse per almeno una settimana

All’esame dei tecnici Anas il calendario degli interventi per la messa in sicurezza del tratto tra Re e il confine di Ponte Ribellasca
Confine
6 ore

Ubriaco, forza un posto di blocco. Ripreso dopo 6 km

Movimentato fermo nella notte su ieri nel Comasco. Per eludere il controllo, l’uomo ha anche urtato un carabiniere
Estero
7 ore

Kirill, più oligarca che patriarca

Il reazionario omofobo, al quale si attribuiscono enormi ricchezze, benedice l’invasione dell’Ucraina. Ma è sempre più isolato, e rischia sanzioni
regno unito
18 ore

Niente più multe per BoJo, ma il Partygate non finisce qui

Chiusa l’indagine della polizia. Il Labour chiede le dimissioni di Johnson, che non molla
05.07.2021 - 19:54
Aggiornamento : 21:04

Ue verso infrazione contro Orban per la legge anti-Lgbt

L'Eurocamera intanto si prepara al discorso del premier sloveno Jansa, anche lui nel mirino di Bruxelles, accusato di "orbanizzare" il suo Paese

Salvo cambiamenti di rotta da parte di Orban, l'apertura di una procedura di infrazione da parte di Bruxelles contro l'Ungheria per la legge anti-Lgbti appare oramai quasi inevitabile. La Commissione europea ha annunciato di essere al lavoro su una lettera di messa in mora dopo avere definito non soddisfacenti le spiegazioni giunte dal governo di Budapest.

Palazzo Berlaymont ha così deciso di aumentare la pressione nei confronti del governo del premier magiaro che non ha arretrato di un millimetro sulla contestata legislazione anti-gay. Anzi lo stesso Orban ha giocato d'anticipo siglando nei giorni scorsi con Lega, Fratelli D'Italia, Le Pen e una decina di altri partiti di estrema destra il cosiddetto manifesto dei sovranisti che rivendica la legittimità di provvedimenti come quello contestato all'Ungheria. Una internazionale sovranista che inquieta le forze progressiste e democratiche del Parlamento europeo, che interpretano l'offensiva populista e nazionalista come una alleanza di "distruzione e non di costruzione", stando al liberale Dacian Ciolos.

La presidenza di turno slovena

In questo clima ad alta tensione l'Eurocamera riunita a Strasburgo si prepara ad accogliere il premier sloveno Janez Jansa, che per i prossimi sei mesi guiderà la presidenza di turno della Ue. Le politiche dell'uomo forte di Lubiana sono sempre più ispirate a quelle del leader conservatore ungherese Viktor Orban e destano grande preoccupazione fra le forze Liberali e degli S&D. Jansa sta 'orbanizzando' il suo Paese, ha tuonato Sandro Gozi, "nel silenzio imbarazzato dei suoi alleati del Ppe", mentre il capodelegazione del Pd al Pe, Brando Benifei, ha esortato il premier sloveno a difendere lo stato di diritto. Sabrina Pignedoli, europarlamentare del Movimento 5 Stelle ha invece posto l'accento sulla nuova procura europea Eppo. "Anziché inseguire la deriva liberticida di Orban, Jansa pensi a riaprire la procedura di selezione dei procuratori europei delegati - ha affermato l'esponente pentastellata -. È nell'interesse primario di tutti gli sloveni che la nuova procura europea entri in funzione a pieno regime e contrasti le frodi nei finanziamenti del Recovery".


Lo sloveno Janez Jansa (Keystone)

Alta tensione

Dopo le tensioni tra Commissione Ue e Jansa che hanno caratterizzato l'incontro di venerdì scorso a Lubiana, il dibattito in aula domani promette scintille. Anche se il Ppe potrebbe fare quadrato nei confronti di colui che ancora fa parte della famiglia popolare. Al contrario di Orban che, dopo un lungo purgatorio, ha definitivamente divorziato dai suoi ex alleati. A Lubiana Ursula von der Leyen aveva ricordato a Jansa l'importanza del rispetto dello stato di diritto così come di una stampa e di una magistratura indipendente.

E il vicepresidente Timmermans aveva addirittura disertato la foto di gruppo dopo che il leader sloveno aveva fatto proiettare un'immagine nella sala del centro congressi in cui si vedevano due giudici sloveni accanto ad altrettanti eurodeputati socialdemocratici. Intanto Il primo ministro ungherese è stato il primo leader europeo a finire nella lista dei trentasette "predatori della libertà di stampa" stilata da Reporters sans frontières (Rsf) .

"L'autoproclamato paladino della democrazia illiberale ha costantemente ed efficacemente minato il pluralismo e l'indipendenza dei media da quando è tornato al potere nel 2010", ha scritto Rsf, imputando ad Orban di aver trasformato il servizio pubblico di radiodiffusione "in un organo di propaganda" e di aver ridotto al silenzio "i media privati". Accuse rispedite al mittente. Da Rsf solo fake news, ha twittato il portavoce di Orban su Twitter.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
diritti civili janez janša unione europea viktor orban
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved