CILIC M. (CRO)
DJOKOVIC N. (SRB)
18:00
 
canada-a-fuoco-altre-chiese-dopo-ritrovamento-resti-nativi
(Keystone)
Estero
27.06.2021 - 16:580

Canada, a fuoco altre chiese dopo ritrovamento resti nativi

Venerdì il primo ministro canadese Justin Trudeau si è scusato con il suo Paese, ha invitato il Papa a fare lo stesso e non ha escluso un'indagine penale

a cura de laRegione

Altre due chiese sono state incendiate ieri nei territori indigeni del Canada occidentale, portandone a quattro il numero totale dopo la scoperta di un migliaio di tombe anonime vicino ad ex scuole per nativi gestite dalla Chiesa cattolica nella Columbia Britannica.

All'alba di ieri la chiesa di Sant'Anna e quella di Chopaka sono state date alle fiamme a meno di un'ora l'una dall'altra, ha detto la polizia federale. "Entrambe le chiese sono state distrutte", ha spiegato il sergente Jason Bayda della Polizia reale canadese a cavallo. Questi incendi si sono verificati due giorni dopo l'annuncio della scoperta di oltre 750 tombe anonime sul sito di un ex collegio gestito dalla Chiesa a Marieval.

Il mese scorso, l'identificazione dei resti di 215 bambini nei pressi di un'altra struttura simile aveva già ferito e indignato il Paese, riportando alla luce il calvario subito per decenni dai bambini indigeni nelle scuole gestite dalla Chiesa cattolica. Le autorità considerano gli incendi di ieri "sospetti e stanno cercando di verificare se siano collegati agli incendi delle chiese avvenuti il 21 giugno a Penticton e Oliver", ha affermato Bayda.

I ritrovamenti delle tombe hanno riacceso il trauma vissuto da circa 150.000 bambini amerindi, métis e inuit, separati dalle loro famiglie, dalla loro lingua e dalla loro cultura e iscritti con la forza fino agli anni '90 in 139 di queste scuole per indigeni in tutto il Paese. Molti di loro hanno subito maltrattamenti o abusi sessuali e più di 4.000 sono morti lì, secondo una commissione d'inchiesta che aveva concluso per un vero e proprio "genocidio culturale" per conto del Canada.

Venerdì il primo ministro canadese Justin Trudeau si è scusato con il suo Paese, ha invitato il Papa a fare lo stesso e non ha escluso un'indagine penale. Durante un briefing con la stampa, è tornato a lungo sui "terribili errori" del Canada, che per diversi secoli ha perseguito una controversa politica di assimilazione forzata delle Prime nazioni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved