la-corte-suprema-usa-in-soccorso-della-lobby-delle-armi
Operazione di recupero di armi d'assalto in California (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
5 ore

Salman Rushdie è sulla via della guarigione

Lo ha detto il suo agente, Andrew Wylie, in un comunicato al Washington Post
Estero
7 ore

Si schianta in auto contro Capitol Hill, spara e si suicida

Un uomo si è schiantato contro la Cancellata del Congresso, ha poi esploso alcuni colpi in aria e si è tolto la vita. Nessun altro è rimasto ferito
Estero
7 ore

Spopolamento a Venezia, abitanti sotto la soglia dei 50mila

Il processo sembra inarrestabile. Nel 2002 il capoluogo aveva 64mila residenti.
Estero
7 ore

Dopo Rushdie, minacce su Twitter a Rowling: ‘Tu la prossima’

Il messaggio minaccioso è stato inviato all’autrice della saga di Harry Potter come replica a un tweet. Il profilo dell’autore è poi sparito
Estero
8 ore

In 10mila a ballare contro la mafia a ‘casa’ del boss

Migliaia di giovani hanno partecipato all’evento ‘Musica&Legalità’ a Castelvetrano, paese del boss di Cosa Nostra latitante Matteo Messina Denaro
Estero
9 ore

Troppo pericoloso per il pubblico: abbattuto il tricheco Freya

Il mammifero marino era diventato abitudinario nel fiordo di Oslo e le autorità, dopo una valutazione completa, hanno deciso per l’eutanasia
Estero
11 ore

Costa Concordia, la Cedu conferma la condanna a Schettino

La Corte europea dei diritti umani ha rigettato il ricorso del capitano della nave naufragata contro la condanna a 16 anni di reclusione
Confine
12 ore

Sulla strada per la Valtellina vigilia di Ferragosto di caos

Una frana nella notte ha causato la chiusura della corsia nord della Milano-Lecco-Valtellina, provocando incolonnamenti in direzione di Sondrio
26.04.2021 - 21:58
Ansa, a cura de laRegione

La Corte Suprema Usa in soccorso della lobby delle armi

L'organo a maggioranza conservatrice hanno accolto un ricorso sulle restrizioni alle pistole in pubblico nello Stato di New York, un assist all'Nra

La lobby delle armi in America torna alla carica, riponendo grandi speranze nella schiacciante maggioranza conservatrice della Corte Suprema, così come è ereditata dalla presidenza Trump. I giudici costituzionali hanno infatti deciso di accogliere il ricorso contro una legge dello stato di New York accusata di violare il secondo emendamento, imponendo severe restrizioni al trasporto delle pistole in pubblico. In pratica, i cittadini newyorchesi che detengono legalmente un'arma non possono portarla in giro, fuori dalla propria abitazione, a meno che non dimostrino di avere reali esigenze legate alla sicurezza e protezione personale.

Sono oltre dieci anni che l'Alta Corte non decideva di pronunciarsi sul tema delle armi. E a far irritare la Casa Bianca è la tempistica dell'annuncio, proprio mentre il presidente Joe Biden, alla luce delle recenti nuove stragi, sta producendo il massimo sforzo per arrivare a una vera e propria stretta. Un giro di vite che finalmente sia in grado di fermare la scia di sangue legata non solo alle sparatorie di massa, che Biden ha definito "un'epidemia e un imbarazzo per l'America", ma anche alle tante piccole e grandi tragedie provocate all'enorme diffusione di pistole e fucili nelle case degli americani.

Precedente pericoloso

La sentenza sul caso di New York, attesa per il prossimo mese di ottobre, va poi ben al di là dei confini di un singolo stato, ma è destinata a diventare un precedente anche per gli altri sette stati Usa dove sono in vigore restrizioni simili: California, Massachusetts, New Jersey, Maryland, Rhode Island, Delaware e Hawaii. Solo in Illinois e nella capitale Washington esistono nome ancora più severe sul trasporto delle armi. La battaglia in seno all'Alta Corte si preannuncia combattuta, con Brett Kavanaugh e Amy Coney, gli ultimi due giudici nominati da Donald Trump, che in passato si sono sempre schierati per una più ampia interpretazione del secondo emendamento. Nel ricorso legale presentato dalla New York State Rifle and Pistol Association si contesta il fatto che lo stato, attualmente governato da Andrew Cuomo, "rende impossibile ai cittadini comuni e rispettosi della legge di ottenere la licenza per portare in giro le proprie pistole a scopo di autodifesa", così come avviene in tantissimi altri stati come il Texas o la Florida. Da parte loro i legali della procura generale di New York obiettano che allentare le restrizioni porterebbe solo ad ulteriore violenza. I fatti sembrano dare ragione a questi ultimi.

Nell'ultimo weekend da far west a New York oltre 15 persone sono rimaste ferite in diverse sparatorie, con una preoccupante escalation degli incidenti rispetto allo scorso anno: fino ad ora nel 2021 i feriti da arma da fuoco nella Grande Mela sono stati 410, quasi il doppio dei 238 dello stesso periodo del 2020. C'è poi un altro dato dell'Fbi che fa riflettere: lo scorso marzo negli Usa si è registrato un numero record di persone che hanno acquistato un'arma per la prima volta, con oltre 4,7 milioni di controlli preventivi effettuati: un milione in più del marzo 2020.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
armi corte suprema joe biden lobby maggioranza conservatrice new york
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved