la-corte-suprema-usa-in-soccorso-della-lobby-delle-armi
Operazione di recupero di armi d'assalto in California (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

Francia: giovedì si decide sul nuovo allestimento di Notre-Dame

L’ambizione è dare alla cattedrale una nuova giovinezza in vista della riapertura prevista per il 2024. Ma non mancano le polemiche
Estero
4 ore

Power Index: gli Usa i più influenti anche in Asia

È la prima volta che gli Stati Uniti rafforzano il loro potere nella regione, superando di 2 punti percentuali la Cina
Estero
5 ore

Myanmar: Aung San Suu Kyi condannata a quattro anni di carcere

La premio Nobel per la pace è stata condannata per incitamento a disordini pubblici e per la violazione delle misure anti Covid
Francia
14 ore

La riconquista di Zemmour parte tra proclami e scontri

Tafferugli e sedie lanciate in aria tra attivisti antirazzisti ed alcuni militanti di estrema destra. Il candidato: ‘Obiettivo, immigrazione zero’
Estero
14 ore

Londra impone il tampone anche prima della partenza

La nuova stretta sui viaggia per l’allarme Omicron scatena la protesta di compagnie aeree e tour operator
Estero
16 ore

‘Esecuzioni sommarie’, l’Occidente condanna i talebani

A quasi 4 mesi dalla presa di Kabul, le vendette dei talebani che avevano promesso l’amnistia per i nemici finiscono nel mirino degli Stati Uniti
Estero
18 ore

Germania: strage di Brandeburgo, trovata una lettera d’addio

A rivelare il dettaglio è il quotidiano tedesco Bild. Le indagini procedono con riserbo sui cinque corpi trovati ieri senza vita dalla polizia
Italia
19 ore

In Italia entra in vigore il ‘super green pass’

Domani scattano le nuove regole per bar, ristoranti, palestre, hotel e trasporti pubblici (anche per i pendolari svizzeri)
Estero
26.04.2021 - 21:580

La Corte Suprema Usa in soccorso della lobby delle armi

L'organo a maggioranza conservatrice hanno accolto un ricorso sulle restrizioni alle pistole in pubblico nello Stato di New York, un assist all'Nra

La lobby delle armi in America torna alla carica, riponendo grandi speranze nella schiacciante maggioranza conservatrice della Corte Suprema, così come è ereditata dalla presidenza Trump. I giudici costituzionali hanno infatti deciso di accogliere il ricorso contro una legge dello stato di New York accusata di violare il secondo emendamento, imponendo severe restrizioni al trasporto delle pistole in pubblico. In pratica, i cittadini newyorchesi che detengono legalmente un'arma non possono portarla in giro, fuori dalla propria abitazione, a meno che non dimostrino di avere reali esigenze legate alla sicurezza e protezione personale.

Sono oltre dieci anni che l'Alta Corte non decideva di pronunciarsi sul tema delle armi. E a far irritare la Casa Bianca è la tempistica dell'annuncio, proprio mentre il presidente Joe Biden, alla luce delle recenti nuove stragi, sta producendo il massimo sforzo per arrivare a una vera e propria stretta. Un giro di vite che finalmente sia in grado di fermare la scia di sangue legata non solo alle sparatorie di massa, che Biden ha definito "un'epidemia e un imbarazzo per l'America", ma anche alle tante piccole e grandi tragedie provocate all'enorme diffusione di pistole e fucili nelle case degli americani.

Precedente pericoloso

La sentenza sul caso di New York, attesa per il prossimo mese di ottobre, va poi ben al di là dei confini di un singolo stato, ma è destinata a diventare un precedente anche per gli altri sette stati Usa dove sono in vigore restrizioni simili: California, Massachusetts, New Jersey, Maryland, Rhode Island, Delaware e Hawaii. Solo in Illinois e nella capitale Washington esistono nome ancora più severe sul trasporto delle armi. La battaglia in seno all'Alta Corte si preannuncia combattuta, con Brett Kavanaugh e Amy Coney, gli ultimi due giudici nominati da Donald Trump, che in passato si sono sempre schierati per una più ampia interpretazione del secondo emendamento. Nel ricorso legale presentato dalla New York State Rifle and Pistol Association si contesta il fatto che lo stato, attualmente governato da Andrew Cuomo, "rende impossibile ai cittadini comuni e rispettosi della legge di ottenere la licenza per portare in giro le proprie pistole a scopo di autodifesa", così come avviene in tantissimi altri stati come il Texas o la Florida. Da parte loro i legali della procura generale di New York obiettano che allentare le restrizioni porterebbe solo ad ulteriore violenza. I fatti sembrano dare ragione a questi ultimi.

Nell'ultimo weekend da far west a New York oltre 15 persone sono rimaste ferite in diverse sparatorie, con una preoccupante escalation degli incidenti rispetto allo scorso anno: fino ad ora nel 2021 i feriti da arma da fuoco nella Grande Mela sono stati 410, quasi il doppio dei 238 dello stesso periodo del 2020. C'è poi un altro dato dell'Fbi che fa riflettere: lo scorso marzo negli Usa si è registrato un numero record di persone che hanno acquistato un'arma per la prima volta, con oltre 4,7 milioni di controlli preventivi effettuati: un milione in più del marzo 2020.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved