ULTIME NOTIZIE Estero
la guerra in ucraina
49 min

La Lettonia oscura il canale indipendente russo Dozhd

‘Sostiene la guerra’. Navalny protesta: ‘Errore, è un favore a Putin’
Estero
56 min

L’Iran non cede sul velo e minaccia di bloccare i conti

Via la polizia morale nel piano di Teheran: ‘Misure punitive più moderne’. La protesta continua
Confine
3 ore

La Como-Lecco sarà elettrificata entro il 30 giugno 2026

Palazzo Lombardia fornisce il cronoprogramma aggiornato. Entro il prossimo aprile terminerà la progettazione. Cantieri al via a inizio 2025.
Estero
6 ore

Trovato il corpo della dodicesima vittima della frana di Ischia

Il corpo è in via di identificazione, ma l’identità dell’ultima dispersa è già nota
Confine
7 ore

Luino-P. Ceresio, riapre stasera la strada travolta dalla frana

L’Anas ha deciso che, dalle 18, la statale è percorribile a senso alternato. I lavori di messa in sicurezza dureranno fino al 23 dicembre
Estero
12 ore

L’Indonesia vieta il sesso e la convivenza prima del matrimonio

Gli atti che diventano ora reato potranno essere denunciati solo dal coniuge, dai genitori o dai figli. La legge è valida anche per gli stranieri
Estero
14 ore

La Cina saluta Jiang Zemin. Xi: ‘Un grande marxista e leader’

Il presidente cinese ha chiuso con l’elogio funebre la cerimonia solenne per lo scomparso predecessore
la guerra in ucraina
22 ore

Kiev attacca in Russia: colpite due basi

Missili, morti e blackout provocati dall’esercito del Cremlino. Putin sul ponte in Crimea. Caduto un razzo russo in Moldavia
Estero
22 ore

Scioperi e proteste in Iran, ‘impiccheremo i rivoltosi’

I Pasdaran promettono il pugno di ferro contro i manifestanti. Solidarietà a chi scende in strada in 40 città da parte dei negozianti
Confine
1 gior

Due frane rendono la vita difficile ai frontalieri

Gli smottamenti si sono verificati nell’Alto Varesotto. Disagi lungo le vie di collegamento
Confine
1 gior

Cerca di sfuggire ai carabinieri e provoca un incidente

L’uomo, un 30enne, era ‘inseguito’ da una ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari per truffa
Germania
1 gior

Accoltellate due ragazzine mentre vanno a scuola, una muore

L’aggressore sarebbe scappato subito dopo in un centro di accoglienza per rifugiati, ma non è chiaro se vivesse nell’edificio
Ucraina
1 gior

Massiccio attacco missilistico russo: razzo cade in Moldavia

Il fatto sarebbe avvenuto a ridosso del confine con l’Ucraina, come riferito dal Ministero dell’interno citato dall’agenzia Ria Novosti
Stati Uniti d'America
1 gior

Rifiuta di creare siti per nozze gay, caso alla Corte Suprema

Il caso in Colorado, Stato dove vige una legge che vieta discriminazioni sulla base dell’orientamento sessuale, di una donna che si è professata cristiana
Spagna
1 gior

Li spacciavano per aiuti umanitari, ma trasportavano marijuana

Secondo gli inquirenti, il gruppo agiva principalmente nella zona della Costa del Sol, in Andalusia: trenta arresti e 100 chili trasportati
Estero
1 gior

Duemilacinquecento foche morte per cause naturali

Il ritrovamento lungo le coste russe del Mar Caspio. Si ritiene che la popolazione di questi mammiferi sia calata del 90% nell’ultimo secolo.
Russia
1 gior

‘Price cap’ del petrolio, Mosca fa spallucce

Ribadendo il non riconoscimento da parte della Russia, Dmitry Peskov preannuncia l’imminente risposta del Cremlino
Ucraina
1 gior

Il Financial Times nomina Zelensky ‘un Churchill dei social’

La testata ha definito il presidente ucraino persona dell’anno per la sua “straordinaria dimostrazione di leadership e forza d’animo”
Ucraina
1 gior

Attaccata nella notte la città natale di Zelensky

Diverse potenti esplosioni hanno scosso la città: “Non filmate e non pubblicate nulla sui social media”, l’invito dei militari
Estero
1 gior

Bruxelles, al via il maxi-processo sugli attentati del 2016

Alla sbarra ci saranno 10 imputati. Negli attacchi morirono 32 persone e ci furono oltre 300 feriti
laR
 
12.04.2021 - 05:15
Aggiornamento: 16:32

I nuovi ‘Troubles’ in una Belfast ferita e sofferente

Dopo notti di scontri, si allenta la violenza nell'Irlanda del Nord. Le voci raccolte tra la gente tra chi chiede pene esemplari e chi vuole voltar pagina

di Mirko Formenti
i-nuovi-troubles-in-una-belfast-ferita-e-sofferente
Scontri a Belfast, giovanissimi in prima linea (Keystone)

A quasi due settimane dall’inizio degli ennesimi disordini nell’Irlanda del Nord, nel fine settimana sembra che la situazione si sia ristabilizzata, ma l’allerta è ancora massima. Poca gente e tanta polizia per le strade delle ‘zone calde’ di Belfast, i ben noti quartieri dove il sentimento unionista o repubblicano è particolarmente intenso, e dove si sono concentrati gli scontri, in queste settimane così some in passato: posti come Shankill, Falls Road, Sandy Row o Tiger’s Bay, solo per citarne alcuni. Se le violenze erano scaturite da alcune comunità unioniste, iniziando come manifestazioni ben presto degradate in scontri con la polizia, negli ultimi giorni si sono registrati episodi in cui sono stati coinvolti anche gruppi di nazionalisti irlandesi. “Ancora una volta, l’intervento della polizia ha confermato la mancanza di imparzialità delle forze dell’ordine”, denuncia un attivista della comunità irlandese dell’ovest di Belfast, “gruppi di unionisti sono in rivolta da più di una settimana, hanno persino incendiato un autobus, eppure la prima volta che la polizia ha usato i cannoni d’acqua è stato contro un gruppo di repubblicani che si era radunato in risposta ad una minaccia unionista”.


Scontri a Belfast (Keystone)

Agli antipodi, come prevedibile, la lettura della fazione opposta, che denuncia quello che a loro dire è il solito vittimismo repubblicano: “Non perdono mai l’occasione per strumentalizzare ogni evento per rigirare la frittata; ma la verità è che per la polizia le persone appartenenti a certi gruppi repubblicani sono intoccabili”, ha commentato per esempio un commerciante di Sandy Row, alludendo ai politici dello Sinn Féin che hanno violato le norme anti-Covid assistendo in massa al funerale di un ex dirigente dell’IRA: la decisione del procuratore pubblico di non perseguirli, e il conseguente infervoramento della scena politica hanno acceso la scintilla delle prime manifestazioni, in un clima già appesantito dal malcontento unionista per le conseguenze della Brexit.

Tanta voglia di voltare pagina 

Al di là delle recriminazioni e vicendevoli accuse da parte delle persone più schierate politicamente, il senso generale tra la gente per strada è soprattutto quello di amarezza e di voglia di lasciarsi tutto presto alle spalle. “Sono andata a vedere il cancello su Lanark Way stamattina”, racconta una liceale, “è una scena davvero molto triste, si vedono i graffiti pacifisti sul cancello circondati da ammaccature e bruciature, credo che abbiano scelto appositamente di colpire qui”. Il cancello in questione si apre su uno dei muri di sicurezza che dividono la zona unionista di Shankill dalla roccaforte repubblicana su Falls Road, e la sua apertura (anche se solo diurna) ha rappresentato attraverso l’ultimo decennio il lento ritorno alla convivenza pacifica – fino a settimana scorsa, quando il cancello è stato teatro di violenti scontri, risultandone gravemente danneggiato, e costringendo la polizia a imporne la chiusura temporanea. “Sono molto dispiaciuto e preoccupato”, dice Darren, un londinese che vive da anni nell’est di Belfast, “ma francamente non posso dire di essere sorpreso, era chiaro che la Brexit avrebbe riacceso gli animi”. Non bisogna infatti dimenticare che nel 2016 il popolo nordirlandese, in un raro momento di coesione, si era dichiarato contrario alla separazione dall’Unione europea. Le misure introdotte a margine della Brexit hanno imposto una barriera doganale tra l’Irlanda del Nord e il resto del Regno, e questo, continua Darren “è del tutto intollerabile per gli unionisti. D’altra parte, se fosse stata invece ripristinata una frontiera dura con l’Irlanda, sarebbero stati i repubblicani a scendere in strada. Dal momento in cui è passata la Brexit si doveva sapere che sarebbe andata a finire così, in un modo o nell’altro”.

In prima fila i giovanissimi

D’altra parte, considerando che i gruppi di vandali attivi nelle ultime settimane sono composti prevalentemente da adolescenti, viene un po’ da chiedersi, al di là delle rimostranze espresse dai partiti, quanto poi sia di fatto presente tra i ranghi degli insorti una precisa consapevolezza dei contorni politici della protesta. “Stiamo parlando di bande di ragazzini, teste calde che non sanno quello che fanno” commenta Jade, che lavora come docente in una scuola inclusiva promuovendo l’integrazione di bambini di entrambe le comunità, “è davvero triste vedere che siano proprio i giovani ad essere i più incendiari, ragazzi che sono nati ben dopo la fine dei Troubles, e forse per questo non ne percepiscono la gravità… Ma non bisogna dimenticare che stiamo parlando di pochi casi estremi, mentre di fatto la grande maggioranza dei giovani si è lasciata alle spalle i conflitti dei propri genitori”. Un parere ottimista, questo, che trova largo consenso sui social, dove tra i giovani sono centinaia i commenti che invocano un ritorno all’ordine: “Nessuno vuole tornare ai vecchi tempi”, “Non importa se cattolici o protestanti, repubblicani o unionisti, britannici o irlandesi: siamo tutti nordirlandesi, e non vogliamo più nessun tipo di violenza per strada” o ancora, “Questa situazione deve essere fermata subito, le foto sui giornali sembrano uscite dagli anni ’70, ma Belfast non è più così”.

Mentre la situazione sta ritornando alla calma, si cerca di capire come affrontare i postumi di quelli che sono stati definiti dal vicecomandante della polizia nordirlandese Jonathan Roberts come i peggiori disordini degli ultimi anni. Considerando la giovane età di molti degli insorti, sono molte le voci che chiedono insistentemente una maggiore presa di responsabilità dei genitori, mentre c’è anche chi preferirebbe vedere direttamente i teppisti puniti in maniera esemplare: “Com’è possibile che dopo due settimane di violenze ci sia stata solo una manciata di arresti, quasi tutti già rilasciati?” si sfoga un pensionato residente nei dintorni di Falls Road, “dicono che si tratta di ragazzini, ma a questo punto bisogna cominciare a trattarli come criminali veri e propri. Io li manderei tutti a rinfrescarsi le idee nel Crumlin Road Gaol”, conclude evocando sarcasticamente la famigerata prigione attiva a Belfast negli anni dei Troubles, ora trasformata in museo. “Non bisogna lasciarsi ingannare dal numero di adolescenti tra le fila dei dimostranti” ribatte il nipote, “è evidente che a istigarli, indottrinarli ed organizzarli ci sono i soliti gruppi paramilitari, da ambo le parti, sono loro il vero problema, questi teppistelli sono solo delle pedine”. Come spesso accade da queste parti, la conversazione, non importa quanto seria o spinosa, va poi a chiudersi con una scrollata di spalle e una battuta per sdrammatizzare: “Intanto iniziamo a riaprire i pub: con una pinta nello stomaco e una sul tavolo vedrai che si calmano tutti quanti!”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved