crisi-in-irlanda-del-nord-si-dimette-il-primo-ministro
Gli scontri del 3 aprile scorso a Belfast (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
LIVE

L’Ucraina teme attacchi da parte della Bielorussia

Sui soldati del battaglione Azov il negoziatore russo chiarisce: ‘Nessuno scambio con l’oligarca Medvedchuk’. Segui il live de laRegione
Estero
20 min

Anthony Albanese promette di riparare l’immagine dell’Australia

Il neoeletto primo ministro laburista vuole puntare sulla politica climatica. Su questo aspetto il Paese viene spesso considerato in ritardo.
Estero
41 min

Vaiolo delle scimmie: 92 casi confermati in 12 Paesi

Lo segnala l’Organizzazione mondiale della sanità. Si tratta di zone dove la malattia non è endemica.
Confine
1 ora

Un carro attrezzi per rimuovere... solo le vetture straniere

L’obiettivo è costringere principalmente i ticinesi a pagare le multe per divieto di sosta. Lo propone Alessandro Rapinese, candidato a sindaco di Como.
Estero
1 ora

Dopo la strage a Buffalo gli afroamericani temono altri attacchi

Un sondaggio rivela che solo l’8% è rimasto sorpreso dall’accaduto. La maggior parte prevede un incremento del fenomeno razzista.
Estero
2 ore

Moto contro pedoni: due morti e un ferito in provincia Lecco

Deceduto il motociclista, che avrebbe perso il controllo della sua due ruote, e uno dei giovani travolti.
Estero
5 ore

Tempeste di sabbia, un rischio per la salute umana

Gli specialisti si attendono un aumento del fenomeno a causa del cambiamento climatico
Estero
5 ore

Cina e politica ‘zero covid’: l’atout è diventato un handicap

I continui confinamenti si ripercuotono sulla popolazione e l’economia. A risentire di questa strategia è anche l’immagine de presidente Xi Jinping.
Estero
5 ore

Ragni consegnati per posta: un mercato senza controllo

L’interesse per gli aracnidi è aumentato durante la pandemia. A causa del commercio illegale molte specie sono a rischio estinzione.
Estero
16 ore

Voli europei, tariffe quasi raddoppiate

Per quelli intercontinentali il rincaro supera il 35 per cento. Aumento dei prezzi anche per i traghetti.
28.04.2021 - 19:54
Aggiornamento : 20:22

Crisi in Irlanda del Nord, si dimette il primo ministro

I falchi unionisti silurano la prima donna leader dell'Ulster. I recenti scontri e la Brexit preoccupano l'isola

Ansa, a cura de laRegione

Terremoto politico in Irlanda del Nord, dove - nel pieno delle turbolenze locali del post Brexit e del timore di minacce al precario equilibrio fra comunità confessionali contrapposte stabilito dagli storici accordi di pace del 1998 - è caduta oggi la testa di Arlene Foster: prima leader donna del maggiore partito unionista locale, il Dup, e first minister del governo regionale di Belfast. Foster ha annunciato il passo indietro dopo che i gruppi parlamentari del suo stesso partito avevano iniziato ieri a raccogliere firme per sfiduciarla assieme al vice Nigel Dodds. E avendo verificato di avere ormai contro l'80% dei colleghi. Ha poi spiegato che un nuovo leader sarà eletto nel giro di "qualche settimana", assicurando di "voler lavorare" con chi le succederà.

Resa dei conti

Ma il clima è già quello di una resa dei conti intestina: specie con l'ala più tradizionalista e ultrà del Dup. La crisi esplode sullo sfondo dei disordini scatenati nei giorni passati da gruppi di giovani in varie città nordirlandesi e alimentati almeno in parte dalle paure della base unionista sulle possibili conseguenze indirette della Brexit rispetto al legame con Londra, ossia alla sovranità britannica sull'Ulster.

Le dimissioni di Foster dal vertice di partito diverranno effettive il 28 maggio, mentre quelle da first minister (poltrona che spetta tradizionalmente al Dup nell'ambito della coalizione di unità nazionale con gli ex nemici cattolico-repubblicani dello Sinn Fein sancita fin dalla pace del Venerdì Santo 1998) non scatteranno prima di fine giugno: col probabile passaggio di consegne a chi verrà designato a guidare il partito dopo di lei.

Un futuro da ricostruire

Ma l'esecutivo locale andrà comunque ricostituito da zero, tenuto conto che anche la vicepremier dello Sinn Fein, Michelle O'Neill, si è per ora dimessa, prendendo atto dello scioglimento della compagine attuale. Cinquantenne, figlia di un poliziotto protestante, Foster si è detta "orgogliosa di aver servito" la sua terra, una delle quattro nazioni del Regno Unito, come capo del governo locale a partire dal 2016 e come deputata da 18 anni. Ha poi definito "difficile" l'ultimo triennio, tornando a denunciare il Protocollo nordirlandese - imposto fra le intese del dopo Brexit da Bruxelles al governo centrale britannico di Boris Johnson "contro la volontà degli unionisti", ha sottolineato - come uno strumento pericoloso: destinato a essere "usato per destabilizzare l'Irlanda del Nord". Ma ha aggiunto d'essere ottimista su un futuro garantito dalle "nuova generazione di unionisti entrata in politica per cercare di migliorare l'Irlanda del Nord". Non ha mancato d'altronde di esprimere amarezza per essere stata bersaglio anche di "critiche misogine" dopo aver "rotto il soffitto di cristallo" con la propria elezione a leader del Dup; e aver comunque "ispirato altre donne".

Il governo Johnson le ha reso onore per "la dedizione di servitrice dello Stato" per bocca del ministro per gli Affari Nordirlandesi, Brandon Lewis. E parole di stima le sono state riservate pure dall'alleata-avversaria repubblicana Michelle O'Neill, nonché - da Dublino - dal ministro degli Esteri irlandese, Simon Coveney.

Mentre tutti appaiono inquieti sul profilo di chi le succederà, nel timore di una svolta ancor più radicale in seno al Dup dove Foster è stata contestata in particolare dai falchi: tanto sulle sue reazioni - considerate non sufficientemente bellicosa - sul dossier Brexit, quanto per le "esitazioni" rinfacciatele nei riguardi sia di una controversa proposta di legge locale in favore delle cosiddette 'terapie' contro l'omosessualità sostenuta a spada tratta dalla destra unionista sia della tradizionale linea dura anti-aborto del Dup.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
arlene foster belfast brexit dup regno unito sinn fein ulster
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved