la-groenlandia-vota-inuit-e-dice-no-alla-miniera-d-uranio
Manifesti elettorali nella capitale Nuuk (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
8 min

La sfida di Edimburgo: ‘Referendum per la secessione nel 2023’

La first minister scozzese Nicola Sturgeon annuncia un voto ‘consultivo’. ‘La democrazia scozzese non sarà prigioniera di Johnson o di un altro premier’
Estero
6 ore

Dalla Casa Bianca trapelano dubbi sulla vittoria ucraina

Fonti interne all’amministrazione Usa discutono dell’opportunità che Kiev ‘moderi le sue aspettative’ accettando anche perdite territoriali irreversibili
Confine
7 ore

Infrazioni a sei cifre a cavallo del confine

Intercettati beni per un valore complessivo di 1’734’342 euro non dichiarati da parte della Guardia di finanza. E pure una cartella ipotecaria
Estero
8 ore

Strage di migranti in Texas: complice il caldo, 46 morti

Fra le vittime, rinvenute in un camion abbandonato a San Antonio, quattro bambini. Il governatore attacca Biden: ‘Queste morti sono le sue’
Estero
16 ore

A Roma brucia un capannone, le fiamme non si fermano

Finora le persone rimaste intossicate sono poco più di una trentina, tra i quali quattro poliziotti; trasportati all’ospedale una donna con un bambino
Estero
18 ore

Treno colpisce un camion e deraglia in Missouri, morti e feriti

L’incidente è occorso ad un incrocio stradale nei pressi della città di Mendon, a circa 130 chilometri da Kansas City
Estero
19 ore

Un tribunale della Louisiana ferma il divieto di aborto

Lo Stato, uno dei primi a mettere fuori legge l’interruzione di gravidanza dopo la decisione dalla Corte Suprema, riprenderà gli interventi
Estero
19 ore

Italia: il centrodestra si lecca le ferite, il Pd sorride

I ballottaggi delle amministrative rimescolano gli equilibri delle coalizioni. Giorgia Meloni chiede un vertice.
Estero
19 ore

Giordania, fuga di gas causa almeno dodici morti

Una nave cisterna ancorata nel porto di Aqaba ha fatto fuoriuscire una non meglio precisata nube tossica color giallo
Estero
21 ore

In Italia da fine giugno autostrade più care dell’1,5%

Il rincaro, definito ‘risibile’ dall’ad Tomasi, avverrà sui tratti del gruppo Autostrade per l’Italia, fra cui l’A9 Como-Chiasso e l’A8 dei Laghi
Ucraina
22 ore

Bombe su un centro commerciale a Kremenchuk, almeno dieci morti

Secondo le autorità ucraine nel centro commerciale bombardato dai russi erano presenti oltre mille civili. La struttura è in fiamme
Estero
23 ore

Per la Corte Suprema Usa pregare in campo è un diritto dei coach

Secondo i ‘saggi’ la scuola che ha sospeso un allenatore che pregava dopo le partite sul campo ha violato i diritti stabiliti dal Primo Emendamento
Confine
23 ore

Promettevano di raddoppiare gli investimenti, condannati

Protagonista della truffa una coppia di coniugi residente a Como, che ha deciso di patteggiare la pena
Estero
1 gior

Stragi a Parigi, Abdeslam: ‘Ho sbagliato, ma non sono un killer’

Si è chiuso in Francia il maxi-processo per gli attentati del 13 novembre 2015. Il verdetto atteso per mercoledì sera
Francia
1 gior

In Francia gli autotrasportatori incrociano le braccia

La rivendicazione principale dello sciopero è quella di un aumento degli stipendi. Blocchi in tutto il Paese e forti disagi alla circolazione
Speciale Ucraina
1 gior

Dalle macerie di un edificio spuntano cento corpi

A Mariupol, dove oggi rimangono ancora 100’000 persone, una delle più grandi tragedie della guerra innescata dalla Russia in Ucraina
Italia
1 gior

Bimba chiusa in auto per errore, la salva un carabiniere

La madre ha lasciato per errore in auto le chiavi ed è scattata la chiusura automatica. Per soccorrerla il militare ha sfondato un finestrino con un sasso
Colombia
1 gior

La corrida finisce in tragedia: almeno otto morti

A El Espinal, in Colombia, durante una ‘corraleja’ crollano le tribune. Moltissime le persone coinvolte, almeno sessanta i feriti gravi
07.04.2021 - 19:12
Aggiornamento: 22:40

La Groenlandia vota Inuit e dice no alla miniera d’uranio

Le elezioni locali diventano un referendum ambientalista sui giacimenti, facendo perdere il partito al potere dal 1979. Ma i problemi restano

Il senso di Smilla - e della Groenlandia tutta - per l’uranio si ferma davanti alle urne. In un’elezione del parlamento locale che somigliava molto più a un referendum hanno vinto gli Inuit e perso i sostenitori di una miniera di metalli rari che avrebbe portato più investimenti, più inquinamento, ma anche un’instabilità sociale che oggi la Groenlandia non può permettersi nemmeno in cambio della montagna di soldi che arriverebbe in cambio. Attenzione però, non riduciamo tutto al mito del buon selvaggio che protegge le proprie sacre terre contro l’avanzare dei diavoli della globalizzazione.


In coda per votare (Keystone)

Terra sconosciuta

Le cose non sono quasi mai come sembrano, soprattutto in questa terra lontana e difficile, che sta vivendo lo scioglimento dei ghiacci in un modo tutto suo: perché in parte è un problema, ma in parte - almeno qui - è anche, se non soprattutto, una benedizione. Meno ghiaccio vuol dire più allevamenti, più agricoltura, più turismo, più possibilità di creare lavoro. Più opportunità. Una di queste opportunità era - e in parte è ancora - legata agli straordinari giacimenti di uranio, ferro, rame alluminio e terre rare: metalli ricercatissimi nell’industria attuale perché presenti nei nostri smartphone, nelle auto elettriche, nelle batterie, nelle turbine eoliche e negli impianti a fibra ottica. Per dare un’idea, quel che c’è là sotto è il sogno tanto dei militari quanto - anche se sembra un paradosso - degli ecologisti. Insomma, sotto questa terra congelata in un passato che non sembra mai stare al passo con il presente, c’è il nostro futuro. Lo sanno anche i groenlandesi, 56 mila anime disseminate sulle coste di un’isola enorme, seppur non gigante quanto la si vede sulle mappe distorte appese ai nostri muri, le cui dimensioni equivalgono a quelle sommate di Svizzera, Italia, Francia, Germania, Regno Unito, Austria, Danimarca, Belgio, Polonia e Portogallo. C’è un solo aeroporto internazionale, a Kangerlussuaq, nell’entroterra del lato occidentale. Da lì si riparte in aereo o in elicottero verso la propria destinazione: niente strade, come nella maggior parte del Paese, dove l’asfalto s’interrompe sempre e le cittadine sono collegate perlopiù via mare o - in inverno - dai percorsi attraversati dalle slitte trainati da cani groenlandesi (l’unica razza ammessa sull’isola).

Dai sussidi ai giacimenti

La Groenlandia, passata sotto il dominio danese esattamente 300 anni fa (era il maggio del 1721 quando il predicatore protestante Hans Egede partì come missionario con la benedizione del re di Danimarca), spinge sempre più per diventare indipendente. Di fatto la sua economia è basata sulla pesca (per il 95%) e sui sussidi che arrivano da Copenhagen. Il resto è una serie di numeri tremendi: la più alta percentuale di suicidi al mondo, violenze domestiche e alcolismo dilaganti, un tasso d’istruzione preoccupante. Non è un caso che per i lavori più qualificati sull’isola arrivino da fuori: in primis danesi, poi europei e statunitensi.


Un sobborgo di Nuuk, rigorosamente sul mare (Keystone)

Le miniere, scoperte e studiate proprio in seguito allo scioglimento dei ghiacci, potevano e possono ancora essere un passo verso l’emancipazione e una reale indipendenza economica (e chissà, un giorno politica) dalla madrepatria, ma preoccupa il prezzo da pagare. Su una miniera in particolare, quella di Kuannersuit, si è scatenato un dibattito che ha reso un’elezione con una manciata di votanti in uno dei posti meno accessibili del pianeta per un Parlamento che non ha nemmeno i pieni poteri una cartina tornasole di quello che siamo diventati e vogliamo diventare, a qualsiasi latitudine.

Un futuro da scrivere

Il partito Inuit (Inuit Ataqatigiit) che ha vinto, in parte a sorpresa, le elezioni con quasi il 37% delle preferenze non è contrario allo sfruttamento delle miniere. Ma a quella di Kuannersuit sì. Perché lì c’è da estrarre l’uranio a due passi dalla nona città più popolosa, diciamo così, del paese: Narsaq, 1’300 abitanti. L’idea di Siumut - il partito rimasto di fatto ininterrottamente al governo sin dal 1979 - era quella di frapporre una diga tra la miniera, con i suoi detriti radioattivi, e il centro abitato. Quella diga non è stata abbastanza convincente per i groenlandesi. E nell’elezione che nel frattempo era diventato un referendum, quelli di Siumut si sono fermati al 29 per cento. Avevano pensato a tutto, o almeno così credevano, vendendo le licenze a cinesi e americani e sfruttando il report del Polar Research che descriveva Kuannersuit come il secondo giacimento di terre rare più grande del mondo. Ma non avevano fatto i conti con chi in quelle terre vive o potrebbe trovarsi presto a convivere se altre miniere apriranno.

Starà ora al partito Inuit capire fin dove spingersi, sia nelle alleanze di governo, sia nel gestire vecchi e nuovi permessi. Anche le nuove rotte polari, di qui si parla da tempo, potrebbero dare vantaggi alla Groenlandia, che si trova su uno dei possibili tragitti del celebre Passaggio a Nord-ovest. I fatti delle scorse settimane a Suez ci hanno fatto capire quanto possa generare ricchezza e lavoro il traffico marittimo se intercettato e gestito nel modo giusto. Donald Trump, che alla Casa bianca sembra un po’ un Inuit all’equatore, ma che di affari se ne intende, un paio d’anni fa cercò direttamente di comprarsela la Groenlandia, andando a chiedere il prezzo ai danesi. Non se ne fece nulla, come prevedibile. Ora resta il destino beffardo che, dopo 300 anni sotto dominio altrui, dà al popolo dei ghiacci la possibilità di gestire effetti e conseguenze del ghiaccio che s’assottiglia, lasciando intravedere ricchezze, polemiche, battaglie ambientaliste e, chissà, forse perfino una nuova nazione indipendente.


La campagna ambientalista (Keystone)

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ambientalisti groenlandia inuit miniera voto
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved