KAMKE T. (GER)
0
STRICKER D. (SUI)
2
fine
(4-6 : 6-7)
la-groenlandia-vota-inuit-e-dice-no-alla-miniera-d-uranio
Manifesti elettorali nella capitale Nuuk (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
38 min

La Grecia pensa a multe di 100 euro al mese agli over 60 no vax

Lo ha dichiarato il premier greco. La sanzione è prevista per le persone di oltre 60 anni che rifiutano di vaccinarsi entro il 16 gennaio
Estero
1 ora

Il Ceo di Moderna:i vaccini faticheranno contro Omicron

Per Stéphane Bancel è prevedibile “un calo sostanziale” dell’efficacia dei vecchi vaccini
Estero
1 ora

Caso Luca Morisi, la Procura chiederà l’archiviazione

Valutata la ’particolare tenuità del fatto’ per l’ex responsabile comunicazione della Lega: la ‘droga dello stupro’ non era stata da lui procurata
Estero
2 ore

Australia, una legge anti anonimato contro i leoni da tastiera

Una proposta contro il bullismo online verrà presentata al Parlamento all’inizio del prossimo anno
Estero
3 ore

Eric Zemmour annuncerà oggi la sua candidatura a presidente

Il polemista di estrema destra pubblicherà oggi un video sui suoi canali social
Estero
14 ore

Svezia, la seconda volta di Magdalena Andersson

La 54enne ex ministra delle Finanze si era dimessa da premier dopo appena sette ore di governo. Oggi il Parlameno l’ha rieletta.
Estero
15 ore

Costruiti i primi robot viventi capaci di riprodursi

Sono in grado di muoversi nello spazio e auto–replicarsi assemblando le cellule che incontrano lungo il percorso
Estero
16 ore

California, armi da fuoco: nuova strage di bambini

Una donna e 4 bimbi sotto i 12 anni (tre maschi e una femmina, tra cui un neonato) uccisi in un’abitazione a nord di Los Angeles. Arrestato il padre.
Estero
18 ore

Linee comunicazione Ue: via Miss e Mrs e riferimenti al Natale

‘Non usare nomi o pronomi che siano legati al genere del soggetto’, ed ‘evitare di dare per scontato che tutti siano cristiani’
Estero
19 ore

Pandemia frena la lotta all’Hiv: -50% terapie bimbi

Il rapporto dell’Unicef ‘Hiv and Aids Global Snapshot’ mostra che i test Hiv per i neonati nei Paesi ad alta prevalenza virus sono nettamente diminuiti
Estero
21 ore

Eitan torna in Italia, la Corte Suprema rigetta il ricorso

Secondo la Corte israeliana il bambino non può essere allontanato dalla sua residenza abituale, ovvero l’Italia, in cui ha vissuto quasi tutta la sua vita
Estero
22 ore

Nel 2020 è morto di Aids un bambino ogni 5 minuti

Circa l’88% delle 120’000 morti di bambini legate all’Aids è avvenuto nell’Africa sub-sahariana. Almeno 310’000 i bimbi contagiati nel 2020
Estero
22 ore

Tempesta nel Regno Unito blocca 61 persone due giorni in un pub

La bufera Arwen ha bloccato con un metro di neve la porta del pub più alto d’Inghilterra, a 528 m s.l.m. Tutti in salvo dopo 48 ore
Estero
1 gior

Boss fedelissimo di Riina trovato morto su un binario a Genova

Il boss di Sciacca Totò Di Gangi, 79 anni, scarcerato perché molto malato, era stato fatto scendere in quanto senza green pass. Si ipotizza una disgrazia
Estero
1 gior

L’Oms avverte: possibili gravi conseguenze da variante Omicron

L’avvertimento è contenuto in un documento tecnico pubblicato oggi dall’Oms. Nessun decesso legato alla variante segnalato finora
Estero
1 gior

Etna, soccorritore morto durante un intervento di salvataggio

Un appartenente al Soccorso alpino e speleologico siciliano è morto a causa di un malore durante il recupero di un escursionista caduto in un canalone
Estero
1 gior

Olanda, fuggono da un hotel di quarantena: arrestati sull’aereo

La coppia era stata posta in quarantena dopo l’arrivo dal Sudafrica
Estero
1 gior

Paura Omicron, il Giappone chiude le frontiere agli stranieri

Lo ha annunciato oggi il governo nipponico. Il Paese era ancora chiuso ai turisti ma aveva riaperto a inizio mese a viaggiatori d’affari e studenti
Estero
07.04.2021 - 19:120
Aggiornamento : 22:40

La Groenlandia vota Inuit e dice no alla miniera d’uranio

Le elezioni locali diventano un referendum ambientalista sui giacimenti, facendo perdere il partito al potere dal 1979. Ma i problemi restano

Il senso di Smilla - e della Groenlandia tutta - per l’uranio si ferma davanti alle urne. In un’elezione del parlamento locale che somigliava molto più a un referendum hanno vinto gli Inuit e perso i sostenitori di una miniera di metalli rari che avrebbe portato più investimenti, più inquinamento, ma anche un’instabilità sociale che oggi la Groenlandia non può permettersi nemmeno in cambio della montagna di soldi che arriverebbe in cambio. Attenzione però, non riduciamo tutto al mito del buon selvaggio che protegge le proprie sacre terre contro l’avanzare dei diavoli della globalizzazione.


In coda per votare (Keystone)

Terra sconosciuta

Le cose non sono quasi mai come sembrano, soprattutto in questa terra lontana e difficile, che sta vivendo lo scioglimento dei ghiacci in un modo tutto suo: perché in parte è un problema, ma in parte - almeno qui - è anche, se non soprattutto, una benedizione. Meno ghiaccio vuol dire più allevamenti, più agricoltura, più turismo, più possibilità di creare lavoro. Più opportunità. Una di queste opportunità era - e in parte è ancora - legata agli straordinari giacimenti di uranio, ferro, rame alluminio e terre rare: metalli ricercatissimi nell’industria attuale perché presenti nei nostri smartphone, nelle auto elettriche, nelle batterie, nelle turbine eoliche e negli impianti a fibra ottica. Per dare un’idea, quel che c’è là sotto è il sogno tanto dei militari quanto - anche se sembra un paradosso - degli ecologisti. Insomma, sotto questa terra congelata in un passato che non sembra mai stare al passo con il presente, c’è il nostro futuro. Lo sanno anche i groenlandesi, 56 mila anime disseminate sulle coste di un’isola enorme, seppur non gigante quanto la si vede sulle mappe distorte appese ai nostri muri, le cui dimensioni equivalgono a quelle sommate di Svizzera, Italia, Francia, Germania, Regno Unito, Austria, Danimarca, Belgio, Polonia e Portogallo. C’è un solo aeroporto internazionale, a Kangerlussuaq, nell’entroterra del lato occidentale. Da lì si riparte in aereo o in elicottero verso la propria destinazione: niente strade, come nella maggior parte del Paese, dove l’asfalto s’interrompe sempre e le cittadine sono collegate perlopiù via mare o - in inverno - dai percorsi attraversati dalle slitte trainati da cani groenlandesi (l’unica razza ammessa sull’isola).

Dai sussidi ai giacimenti

La Groenlandia, passata sotto il dominio danese esattamente 300 anni fa (era il maggio del 1721 quando il predicatore protestante Hans Egede partì come missionario con la benedizione del re di Danimarca), spinge sempre più per diventare indipendente. Di fatto la sua economia è basata sulla pesca (per il 95%) e sui sussidi che arrivano da Copenhagen. Il resto è una serie di numeri tremendi: la più alta percentuale di suicidi al mondo, violenze domestiche e alcolismo dilaganti, un tasso d’istruzione preoccupante. Non è un caso che per i lavori più qualificati sull’isola arrivino da fuori: in primis danesi, poi europei e statunitensi.


Un sobborgo di Nuuk, rigorosamente sul mare (Keystone)

Le miniere, scoperte e studiate proprio in seguito allo scioglimento dei ghiacci, potevano e possono ancora essere un passo verso l’emancipazione e una reale indipendenza economica (e chissà, un giorno politica) dalla madrepatria, ma preoccupa il prezzo da pagare. Su una miniera in particolare, quella di Kuannersuit, si è scatenato un dibattito che ha reso un’elezione con una manciata di votanti in uno dei posti meno accessibili del pianeta per un Parlamento che non ha nemmeno i pieni poteri una cartina tornasole di quello che siamo diventati e vogliamo diventare, a qualsiasi latitudine.

Un futuro da scrivere

Il partito Inuit (Inuit Ataqatigiit) che ha vinto, in parte a sorpresa, le elezioni con quasi il 37% delle preferenze non è contrario allo sfruttamento delle miniere. Ma a quella di Kuannersuit sì. Perché lì c’è da estrarre l’uranio a due passi dalla nona città più popolosa, diciamo così, del paese: Narsaq, 1’300 abitanti. L’idea di Siumut - il partito rimasto di fatto ininterrottamente al governo sin dal 1979 - era quella di frapporre una diga tra la miniera, con i suoi detriti radioattivi, e il centro abitato. Quella diga non è stata abbastanza convincente per i groenlandesi. E nell’elezione che nel frattempo era diventato un referendum, quelli di Siumut si sono fermati al 29 per cento. Avevano pensato a tutto, o almeno così credevano, vendendo le licenze a cinesi e americani e sfruttando il report del Polar Research che descriveva Kuannersuit come il secondo giacimento di terre rare più grande del mondo. Ma non avevano fatto i conti con chi in quelle terre vive o potrebbe trovarsi presto a convivere se altre miniere apriranno.

Starà ora al partito Inuit capire fin dove spingersi, sia nelle alleanze di governo, sia nel gestire vecchi e nuovi permessi. Anche le nuove rotte polari, di qui si parla da tempo, potrebbero dare vantaggi alla Groenlandia, che si trova su uno dei possibili tragitti del celebre Passaggio a Nord-ovest. I fatti delle scorse settimane a Suez ci hanno fatto capire quanto possa generare ricchezza e lavoro il traffico marittimo se intercettato e gestito nel modo giusto. Donald Trump, che alla Casa bianca sembra un po’ un Inuit all’equatore, ma che di affari se ne intende, un paio d’anni fa cercò direttamente di comprarsela la Groenlandia, andando a chiedere il prezzo ai danesi. Non se ne fece nulla, come prevedibile. Ora resta il destino beffardo che, dopo 300 anni sotto dominio altrui, dà al popolo dei ghiacci la possibilità di gestire effetti e conseguenze del ghiaccio che s’assottiglia, lasciando intravedere ricchezze, polemiche, battaglie ambientaliste e, chissà, forse perfino una nuova nazione indipendente.


La campagna ambientalista (Keystone)

© Regiopress, All rights reserved