solare-o-legale-nell-ue-e-sempre-l-ora-di-litigare
Lancette un'ora avanti dalle 2 alle 3 (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Italia
27 min

Tragedia della Marmolada, almeno venti i dispersi

Tra le sei vittime finora confermate ci sono tre italiani e un cecoslovacco. In montagna ancora un’enorme quantità di ghiaccio pericolante
Stati Uniti
56 min

Nuovo video shock sull’uccisione di un afroamericano

Prima l’inseguimento con (forse) uno sparo da parte del braccato, poi i sessanta colpi sparati dalla polizia. Clima teso come in una polveriera
Danimarca
1 ora

Sparatoria a Copenaghen, i morti sono tre

Diversi i feriti, tre in condizioni gravi. Il 22enne fermato dopo i fatti già noto alle forze dell’ordine, ‘ma solo marginalmente’
Estero
12 ore

Gli ucraini lasciano Lysychansk. Mosca: ‘Preso il Lugansk’

Una settimana dopo la caduta della gemella Severodonetsk, l’esercito di Kiev ha annunciato la ritirata dalla città
Estero
12 ore

Spari in centro commerciale a Copenaghen, diverse vittime

Una persona è stata arrestata dalla polizia danese. Ignote al momento le cause della sparatoria
Italia
15 ore

Marmolada, almeno sei i morti causati dal crollo del seracco

Si aggrava il bilancio dell’incidente in montagna odierno. Oltre alle vittime ci sono anche tra i 10 e i 14 feriti, di cui due gravi
Pakistan
15 ore

Minibus finisce in un burrone: è tragedia in Pakistan

Almeno diciannove le vittime del terribile incidente, avvenuto a causa dell’alta velocità in una remota zona collinare del Belucistan
Italia
16 ore

Crolla un seracco sulla Marmolada: 15 persone coinvolte

Un primo bilancio del Servizio di urgenza ed emergenza medica del Veneto riferisce di sette feriti, uno dei quali gravi
Italia
16 ore

Base jumper svizzero perde la vita nel Trentino

Assieme ad altri due amici, il 33enne, residente in Italia, si era lanciato dal monte Casale, nella valle del Sarca
Australia
17 ore

Australia sotto un diluvio senza tregua: scattano le evacuazioni

Non si placano le piogge torrenziali: circa 32’000 le persone raggiunte dall’ordine di sfollare. E c’è pure un morto
Giappone
17 ore

Nel Paese del Sol Levante, il lavoro non tramonta mai

Complice il declino delle nascite e l’alta aspettativa di vita, in Giappone in un’azienda su quattro si lavora fino a 70 anni
Spagna
19 ore

Ryanair e Easyjet incrociano le braccia in Spagna, grossi disagi

Sabato da bollino rosso negli aeroporti iberici: cancellati 15 voli e ritardi per altri 175. E non è finita: in arrivo tre stop da quattro giorni
Confine
20 ore

Contro i tuffi vietati nel Lario mobilitato anche l’esercito

La siccità prolungata fa emergere nuove spiagge dove è pericoloso bagnarsi. Organizzato un presidio di militari
Italia
20 ore

Gli danno fuoco mentre fa una videochiamata alla fidanzata

Gravi ustioni per un uomo in provincia di Napoli. Forse un litigio avvenuto nei giorni precedenti alla base del grave gesto
Gallery
Australia
21 ore

A Sydney straripa la diga di Warragamba: residenti sfollati

Non si placano le piogge torrenziali che flagellano l’Australia: la tracimazione del bacino, già prevista, è avvenuta in anticipo
Italia
21 ore

Semina il panico con un coltello sul bus a Roma

Momenti di terrore a Trastevere: minaccia sventata dalla reazione dell’autista, che ha richiamato l’attenzione della polizia
27.03.2021 - 05:10
Aggiornamento: 28.03.2021 - 15:17

Solare o legale? Nell’Ue è sempre l’ora di litigare

I Paesi dell’Unione dovrebbero spostare le lancette per l’ultima volta, ma non c'è unanimità. Tra fusi orari, interessi economici e Brexit, regna il caos

Stanno litigando in 27 nell’Unione europea. Prima litigavano in 28, ma uno se n’è andato: il Regno Unito. Perché hanno litigato su mille altre cose. Ora, per non perdere il vizio, i britannici litigano da fuori. Gli altri, Svizzera compresa, stanno a guardare. E dire che tutto è iniziato, nel 1895, perché un entomologo della Nuova Zelanda voleva ritagliarsi un po’ di tempo in più per andare a caccia di insetti durante la bella stagione: 126 anni dopo siamo a un passo dalla battaglia legale dell’ora legale.

Tutti contro tutti. Nord contro Sud: da una parte i contrari, capitanati dalla Finlandia, dall’altra i favorevoli, francesi in testa. Nel mezzo gli italiani, inarrivabili quando si tratta di scegliere di non scegliere. E così siamo all’ennesima questione che doveva unire l’Europa ed è finita col dividerla ancora di più.

Quel sondaggio galeotto

Era l’estate del 2018 quando Bruxelles decise di fare un sondaggio a tappeto in tutti i Paesi dell’Unione. La domanda, in soldoni, era: volete smettere di cambiare l’ora due volte l’anno? L’84% degli interpellati rispose sì. Le motivazioni erano le solite: ritmo circadiano sballato, sonnolenza, aumento degli incidenti, semplice pigrizia. A settembre il Parlamento europeo, forte di quel plebiscito, chiese agli Stati di scegliere un volta per tutte tra l’ora solare o l’ora legale. E poi tenersi quella. Diedero un sacco di tempo per decidere: un anno e mezzo. Ma non bastò. Nel migliore dei mondi possibili i Paesi avrebbero deciso insieme uno dei due orari. Ovviamente non è andata così: abituati a dividersi su tutto, dai vaccini alla larghezza delle banane, gli Stati dell’Unione non sono riusciti a sincronizzare gli orologi. Se si fosse deciso di tenere l’ora legale, da Malta alla Lapponia (e a quel punto, di riflesso, probabilmente anche in Svizzera), questa notte sarebbe stata l’ultima in cui ricordarsi di mettere le lancette avanti. E invece si è arrivati all’ennesimo compromesso. Per due anni liberi tutti: chi vuole l’ora legale di qua, chi vuole l’ora solare di là. Sarà un po’ più complicato, ma in Europa ci sono già tre fusi orari diversi, ci si abituerà.

L’estate finnica

Intanto finlandesi e svedesi continuano a dire che d’estate hanno già abbastanza ore di sole, e guadagnarne una è più un problema che altro. Francesi e tedeschi sono sempre più propensi a passare all’ora legale. Se lo facessero davvero, vorrebbe dire che la silente Italia, sarebbe un’ora indietro quando a ottobre risposterà le lancette indietro. A complicare le cose c’è la Spagna, che vorrebbe allinearsi con l’ora di Greenwich per motivi geografici, arretrando di un’altra ora. Insomma, il caos. E una certezze: la scadenza limite del 28 marzo 2021 sarà oltrepassata. Se ne riparlerà a settembre come tutte le scocciature che proviamo a rimandare quando si sente profumo d’estate.

L’ora legale, nata in tempi di guerra, nel 1916, per risparmiare energia, non è certo immutabile. Ci sono Paesi che l’hanno messa e tolta più di una volta. La Svizzera, ad esempio, l’ha adottata nel 1981. E dal 1996 l’Europa tutta ha seguito l’alternanza dettata dall’ultima domenica di marzo e dall’ultima di ottobre.

Nel 2011 si sono sfilati i russi, seguiti dalla Bielorussia e poi dall’Ucraina, che poi ci ha ripensato, portando lancette e alleanze verso Occidente. Ci vuole tempismo anche in geopolitica. Cosa che non riesce particolarmente nelle isole britanniche, dove gli inglesi vogliono l'ora legale e gli scozzesi quella solare. Mentre gli irlandesi, che sono nell’Ue, saranno prima o poi costretti a scegliere una delle due. E tenersela Il Regno Unito dopo la Brexit potrebbe invece mantenere l’alternanza, lasciando Eire e Irlanda del Nord in due fusi orari diversi per buona parte dell’anno. In più a Dublino si discute della possibilità di sintonizzarsi con il Central European Time, ovvero con Berlino, lasciando Londra un’ora indietro e i cittadini delle contee confinanti con l’Ulster con il mal di testa e il dubbio costante di essere in ritardo o in anticipo.

Fuori orario (cose mai viste)

In Cina, dove ci sono altri problemi, ma a decidere si fa prima (proprio a causa degli altri problemi), hanno un fuso orario solo, quello di Pechino. E così il sole arriva allo zenit in alcuni posti alle 11, in altri alle 15. Ufficiosamente gli abitanti delle province più occidentali sottraggono comunque due ore. Putin, in Russia, ha tolto un paio di fusi orari. L’India ne ha una solo, come la mitica linea ferroviaria transiberiana, che viaggia sempre con l’orario di Mosca, anche a Vladivostok. In Africa, l’ora legale è quasi sconosciuta. La usano talvolta i tunisini quando il ramadan coincide con il periodo dell’ora legale per risparmiare un’ora di fame e sete extra ai fedeli. Altrove si creano situazioni grottesche, come nell’isolotto di Märket, nel Baltico. Poco più di uno scoglio per metà svedese e metà finlandese. Dove si può essere a pochi metri, eppure a un’ora di distanza. 

Negli Stati Uniti, che adottano in larga parte l’alternanza, ci sono eccezioni come le Hawaii, che seguono l’ora solare dodici mesi l’anno, e la matassa intricatissima dell’Arizona: lì il caldo è talmente opprimente che il sole e la luce extra regalati non li vuole nessuno. E quindi niente ora legale. Ma la cosiddetta Nazione indiana Navajo, che è dentro l’Arizona, ce l’ha. Al suo interno c'è la riserva Hopi, che preferisce non adottarla, come nel resto dello Stato. Ma la riserva Hopi circonda una fetta di Nazione Navajo, che - ovviamente - ha l’ora legale.  Insomma, se doveste attraversare l’Arizona, meglio godersi il viaggio, senza stare lì a fare avanti e indietro con le lancette. Rischiereste di perderci un’ora.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
europa ora legale ora solare orologio unione europea
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved