solare-o-legale-nell-ue-e-sempre-l-ora-di-litigare
Lancette un'ora avanti dalle 2 alle 3 (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
4 ore

Gli hacker russi ‘dichiarano guerra’ a dieci Paesi ‘russofobi’

Il collettivo filorusso Killnet ha iniziato con l’attacco al sito della polizia italiana. Nel mirino anche Usa, Germania, Regno Unito e gli Stati baltici
Francia
6 ore

Francia, Elisabeth Borne è la prima donna premier dopo 30 anni

La ministra del Lavoro è stata nominata oggi dal presidente Macron. Succede a Jean Castex appena dimessosi
Stati Uniti
6 ore

Il killer di Buffalo ha risparmiato un cliente bianco scusandosi

La scena è stata immortalata nel video pubblicato su Twitch (poi rimosso) da Payton Gendron, il 18enne suprematista autore della strage a sfondo razziale
Confine
6 ore

Como, investimenti per 44 milioni nel teleriscaldamento

L’investimento verrà effettuato da Varese Risorse. I consumi energetici verranno ridotti del 38,7% e le emissioni di anidride carbonica del 32,5%
Estero
6 ore

Francia, si è dimesso il premier Castex, pronta Elisabeth Borne

Pochi dubbi sull’imminente nomina a primo ministro dell’attuale ministra del Lavoro, che sarebbe la prima donna in carica dopo 30 anni
Estero
7 ore

Crisi Covid in Corea del Nord, Kim Jong-Un mobilita l’Esercito

Il leader nordcoreano ha contestato la reazione del suo gabinetto e ordinato la mobilitazione di medici ed attrezzature sanitarie dell’Esercito popolare
Estero
7 ore

Abusi in coppia su 13enne, condannata attrice di Doctor Strange

Zara Phythian e il marito Vitkor Marke sono stati condannati a 8 e 14 anni di carcere per aver abusato di una ragazza adolescente
Estero
8 ore

La Svezia farà richiesta di adesione alla Nato

Lo ha comunicato la premier Magdalena Andersson. Quasi tutti i partiti svedesi hanno dato il loro appoggio. Contrari Sinistra e Verdi
Estero
10 ore

Somalia, partner internazionali salutano il nuovo presidente

L’elezione di ieri di Hassan Sheickh Mohamud è avvenuta dopo mesi di instabilità politica e attacchi di matrice jihadista, a cui si aggiunge la siccità
Estero
10 ore

Hacker filorussi attaccano il sito della polizia italiana

Il collettivo ‘Killnet’ ha dichiarato ‘guerra’ a 10 Paesi. Nei giorni scorsi avrebbero colpito alcuni siti istituzionali e provato a bloccare l’Eurovision
Estero
15 ore

Caldo da record: a Nuova Delhi raggiunti i 49,2 gradi

Da settimane la severa ondata di calore sta colpendo il Nord dell’India e il Pakistan. Gravi le conseguenze per l’agricoltura
speciale ucraina
LIVE

Kiev: ‘Evacuati 264 soldati dall’Azovstal’

Sarebbero 53 soldati feriti condotti a Novoazovsk e 211 altri combattenti portati a Olenivka, nel territorio dei separatisti filorussi di Donetsk
Gallery
Confine
1 gior

Fra le acque del Ceresio spunta... un capriolo

Insolito ‘bagnante’ stamane nello specchio d’acqua antistante a Porlezza, finito al largo forse perché spaventato da un predatore
Confine
1 gior

‘Un aereo è caduto a Orsenigo’. Ma è un falso allarme

Prima l’appello dalla centrale operativa di Roma, poi la smentita da Verzago: ‘Nessun velivolo in quella zona’
Speciale Ucraina
1 gior

La Finlandia bussa alla Nato: ‘Da soli nessun futuro’

All’Azovstal ‘speranze perse: pronti alla battaglia finale’; no di Mosca a negoziati coi combattenti dell’acciaieria. Segui il live de laRegione
Estero
1 gior

Radicalizzato durante il lockdown il killer di Buffalo

Si sarebbe ispirato ai fatti di Christchurch il suprematista 18enne protagonista della carneficina in un supermercato
27.03.2021 - 05:10
Aggiornamento : 28.03.2021 - 15:17

Solare o legale? Nell’Ue è sempre l’ora di litigare

I Paesi dell’Unione dovrebbero spostare le lancette per l’ultima volta, ma non c'è unanimità. Tra fusi orari, interessi economici e Brexit, regna il caos

Stanno litigando in 27 nell’Unione europea. Prima litigavano in 28, ma uno se n’è andato: il Regno Unito. Perché hanno litigato su mille altre cose. Ora, per non perdere il vizio, i britannici litigano da fuori. Gli altri, Svizzera compresa, stanno a guardare. E dire che tutto è iniziato, nel 1895, perché un entomologo della Nuova Zelanda voleva ritagliarsi un po’ di tempo in più per andare a caccia di insetti durante la bella stagione: 126 anni dopo siamo a un passo dalla battaglia legale dell’ora legale.

Tutti contro tutti. Nord contro Sud: da una parte i contrari, capitanati dalla Finlandia, dall’altra i favorevoli, francesi in testa. Nel mezzo gli italiani, inarrivabili quando si tratta di scegliere di non scegliere. E così siamo all’ennesima questione che doveva unire l’Europa ed è finita col dividerla ancora di più.

Quel sondaggio galeotto

Era l’estate del 2018 quando Bruxelles decise di fare un sondaggio a tappeto in tutti i Paesi dell’Unione. La domanda, in soldoni, era: volete smettere di cambiare l’ora due volte l’anno? L’84% degli interpellati rispose sì. Le motivazioni erano le solite: ritmo circadiano sballato, sonnolenza, aumento degli incidenti, semplice pigrizia. A settembre il Parlamento europeo, forte di quel plebiscito, chiese agli Stati di scegliere un volta per tutte tra l’ora solare o l’ora legale. E poi tenersi quella. Diedero un sacco di tempo per decidere: un anno e mezzo. Ma non bastò. Nel migliore dei mondi possibili i Paesi avrebbero deciso insieme uno dei due orari. Ovviamente non è andata così: abituati a dividersi su tutto, dai vaccini alla larghezza delle banane, gli Stati dell’Unione non sono riusciti a sincronizzare gli orologi. Se si fosse deciso di tenere l’ora legale, da Malta alla Lapponia (e a quel punto, di riflesso, probabilmente anche in Svizzera), questa notte sarebbe stata l’ultima in cui ricordarsi di mettere le lancette avanti. E invece si è arrivati all’ennesimo compromesso. Per due anni liberi tutti: chi vuole l’ora legale di qua, chi vuole l’ora solare di là. Sarà un po’ più complicato, ma in Europa ci sono già tre fusi orari diversi, ci si abituerà.

L’estate finnica

Intanto finlandesi e svedesi continuano a dire che d’estate hanno già abbastanza ore di sole, e guadagnarne una è più un problema che altro. Francesi e tedeschi sono sempre più propensi a passare all’ora legale. Se lo facessero davvero, vorrebbe dire che la silente Italia, sarebbe un’ora indietro quando a ottobre risposterà le lancette indietro. A complicare le cose c’è la Spagna, che vorrebbe allinearsi con l’ora di Greenwich per motivi geografici, arretrando di un’altra ora. Insomma, il caos. E una certezze: la scadenza limite del 28 marzo 2021 sarà oltrepassata. Se ne riparlerà a settembre come tutte le scocciature che proviamo a rimandare quando si sente profumo d’estate.

L’ora legale, nata in tempi di guerra, nel 1916, per risparmiare energia, non è certo immutabile. Ci sono Paesi che l’hanno messa e tolta più di una volta. La Svizzera, ad esempio, l’ha adottata nel 1981. E dal 1996 l’Europa tutta ha seguito l’alternanza dettata dall’ultima domenica di marzo e dall’ultima di ottobre.

Nel 2011 si sono sfilati i russi, seguiti dalla Bielorussia e poi dall’Ucraina, che poi ci ha ripensato, portando lancette e alleanze verso Occidente. Ci vuole tempismo anche in geopolitica. Cosa che non riesce particolarmente nelle isole britanniche, dove gli inglesi vogliono l'ora legale e gli scozzesi quella solare. Mentre gli irlandesi, che sono nell’Ue, saranno prima o poi costretti a scegliere una delle due. E tenersela Il Regno Unito dopo la Brexit potrebbe invece mantenere l’alternanza, lasciando Eire e Irlanda del Nord in due fusi orari diversi per buona parte dell’anno. In più a Dublino si discute della possibilità di sintonizzarsi con il Central European Time, ovvero con Berlino, lasciando Londra un’ora indietro e i cittadini delle contee confinanti con l’Ulster con il mal di testa e il dubbio costante di essere in ritardo o in anticipo.

Fuori orario (cose mai viste)

In Cina, dove ci sono altri problemi, ma a decidere si fa prima (proprio a causa degli altri problemi), hanno un fuso orario solo, quello di Pechino. E così il sole arriva allo zenit in alcuni posti alle 11, in altri alle 15. Ufficiosamente gli abitanti delle province più occidentali sottraggono comunque due ore. Putin, in Russia, ha tolto un paio di fusi orari. L’India ne ha una solo, come la mitica linea ferroviaria transiberiana, che viaggia sempre con l’orario di Mosca, anche a Vladivostok. In Africa, l’ora legale è quasi sconosciuta. La usano talvolta i tunisini quando il ramadan coincide con il periodo dell’ora legale per risparmiare un’ora di fame e sete extra ai fedeli. Altrove si creano situazioni grottesche, come nell’isolotto di Märket, nel Baltico. Poco più di uno scoglio per metà svedese e metà finlandese. Dove si può essere a pochi metri, eppure a un’ora di distanza. 

Negli Stati Uniti, che adottano in larga parte l’alternanza, ci sono eccezioni come le Hawaii, che seguono l’ora solare dodici mesi l’anno, e la matassa intricatissima dell’Arizona: lì il caldo è talmente opprimente che il sole e la luce extra regalati non li vuole nessuno. E quindi niente ora legale. Ma la cosiddetta Nazione indiana Navajo, che è dentro l’Arizona, ce l’ha. Al suo interno c'è la riserva Hopi, che preferisce non adottarla, come nel resto dello Stato. Ma la riserva Hopi circonda una fetta di Nazione Navajo, che - ovviamente - ha l’ora legale.  Insomma, se doveste attraversare l’Arizona, meglio godersi il viaggio, senza stare lì a fare avanti e indietro con le lancette. Rischiereste di perderci un’ora.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
europa ora legale ora solare orologio unione europea
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved