Ginevra
4
Friborgo
1
fine
(0-0 : 1-1 : 3-0)
Turgovia
2
Kloten
5
fine
(1-1 : 0-0 : 1-4)
napoleone-piu-schiavista-del-re
ULTIME NOTIZIE Estero
stati uniti
2 ore

Biden a picco nei sondaggi: ‘Fiero del mio primo anno’

Il gradimento è perfino peggiore di quello di Trump. Ma lui rilancia: ‘L’America è di nuovo in moto’
Estero
3 ore

I talebani chiedono il riconoscimento ai Paesi musulmani

Mentre l’Afghanistan sprofonda nel baratro economico, i nuovi governanti cercano una normalizzazione delle relazioni internazionali
Estero
3 ore

L’esplosione a Tonga come 500 bombe di Hiroshima

Uno scienziato capo della Nasa parla della ‘maggior eruzione degli ultimi decenni, registrata fino a 9’000 chilometri di distanza’
italia
3 ore

Berlusconi, il Quirinale si allontana

Il centrodestra sembra voler scegliere un altro candidato. L’opzione Draghi potrebbe far saltare ogni accordo sul prossimo governo
regno unito
3 ore

Johnson: stop a green pass e mascherine

Contagi in calo. Verrà revocata anche la raccomandazione del lavoro da casa.
Estero
3 ore

Museo Van Gogh si trasforma in beauty center per protesta

Ad Amsterdam un’altra azione clamorosa contro le misure antipandemia portate avanti dal governo, accusato da più parti di incoerenza
Estero
5 ore

Traffico di migranti, decine di arresti tra Italia e Albania

Intanto oltre 55mila firme sono state raccolte in Svizzera per il referendum lanciato dall’Ong Migrant Solidarity Network contro il finanziamento Frontex
Estero
6 ore

La giustizia accusa Trump di pratiche fiscali ‘fraudolente’

Nell’inchiesta civile lanciata nel 2019 dalla Procura di New York sulla Trump Organization coinvolti anche due dei figli dell’ex presidente Usa
Estero
7 ore

Giacarta presto sott’acqua, l’Indonesia sposta la capitale

Un terzo della città potrebbe essere sommerso entro il 2050. Via libera a una remota località sull’isola del Borneo: si chiamerà ‘Nusantara’
12.03.2021 - 20:310
Aggiornamento : 21:40

‘Napoleone? Più schiavista del re’

Le accuse in vista del bicentenario della morte dell'imperatore da parte della Fondation pour la Mémoire de l'Esclavage

a cura de laRegione

Era quasi inevitabile. Mentre la Francia si appresta a celebrare il bicentenario della morte di Napoleone, oltralpe si moltiplicano le polemiche rispetto ad una figura imprescindibile per la storia francese ed europea. L'ultima bordata arriva dalla Fondation pour la Mémoire de l'Esclavage, che lo accusa di aver ripristinato nel 1802 la schiavitù abolita dalla Rivoluzione del 1789. Secondo l'organismo parigino diretto dall'ex premier Jean-Marc Ayrault, l'imperatore lasciò che venisse instaurato un regime coloniale addirittura più segregazionista rispetto a quello vigente ai tempi della monarchia assoluta.

"Napoleone ha agito come ha fatto per tutto il resto, senza affetto, senza morale", ha deplorato Ayrault basandosi su una ricerca storica realizzata per l'occasione. "Questa decisione - prosegue l'ex sindaco di Nantes a capo del governo durante il mandato di François Hollande - non è stata un incidente di percorso ma si iscrive nella pratica del potere e nella sua ambizione imperiale". Intitolata 'Napoléon colonial - 1802, le rétablissement de l'esclavage', il documento trasmesso alla France Presse e redatto da quattro storici (Marcel Dorigny, Bernard Gabin, Malick Ghachem e Frédéric Régent) mostra come il ripristino della schiavitù fosse iscritta nella politica coloniale americana di Bonaparte, che sognava di fare del Golfo del Messico "un mare francese". Per i neri, il provvedimento prevede un ritorno a un regime addirittura più duro rispetto a quello dell'Ancien Régime. "Napoleone vuole ampliare l'impero coloniale francese: è il suo sogno americano. Per lui, il ripristino della schiavitù è solo un mezzo al servizio di questo sogno coloniale", si legge nel documento. Napoleone è al tempo stesso tra i personaggi preferiti dai francesi e figura controversa per la sua azione durante i quindici anni in cui ha esercitato il potere, tra il 1799 e il 1815. In Francia l'opportunità di celebrare o meno il bicentenario della morte dell'imperatore suscita dibattito.

L'altro ieri, il portavoce del governo Gabriel Attal ha fatto sapere che il presidente Emmanuel Macron intende celebrare il 5 maggio prossimo i 200 anni dalla scomparsa, aggiungendo che si tratta in ogni caso di "una figura maggiore della nostra storia", che bisogna guardare "in faccia", con "gli occhi spalancati", "inclusi quei momenti che possono essere stati difficili" e per "scelte che appaiono oggi contestabili". Domenica scorsa, ad esempio, la ministra incaricata per le Pari Opportunità Elisabeth Moreno ha criticato l'imperatore dicendo, tra l'altro, che è stato "tra i più grandi misogini" e per aver "ripristinato la schiavitù", pur riconoscendo che si tratta di un "grande uomo della storia francese". Alla Grande Halle de la Villette di Parigi è prevista una mostra a lui consacrata tra il 14 aprile e il 19 settembre, Covid permettendo. L'ambizione è "fare un giusto ritratto di un personaggio affascinante che ha modellato la Francia contemporanea", dichiarano gli organizzatori, tra cui la Réunion des musées nationaux. Appuntamenti previsti anche ad Ajaccio, in Corsica, città di nascita di Napoleone, tra cui una ricostruzione in costume del rimpatrio delle sue ceneri da Sant'Elena a Parigi, nel 1840.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved