BERRETTINI M. (ITA)
1
NADAL R. (ESP)
2
4 set
(3-6 : 2-6 : 6-3 : 3-4)
strage-di-migranti-nel-mediterraneo-39-morti
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
russia-ucraina
11 ore

Erdogan vedrà Putin, il Sultano si sogna mediatore

Atteso un incontro anche con Zelensky. ‘Sono fedele alla Nato, un’invasione di Mosca sarebbe insensata’
stati uniti
11 ore

Biden: ‘Una donna afroamericana alla Corte Suprema’

Entro la fine di febbraio la nomina in sostituzione di Stephen Breyer, che lascerà la carica
francia
13 ore

Cadavere di un bambino trovato in una valigia

Aveva 10 anni e non si avevano notizie di lui da ieri sera. La valigia era a un centinaio di metri dalla casa di famiglia nella banlieue di Parigi
Confine
14 ore

Domodossola, arrestato corriere con 100 ovuli di cocaina

L’uomo viaggiava su un Eurocity proveniente da Basilea e diretto a Milano. Dopo le radiografie all’ospedale, scoperti 1,2 kg di sostanza stupefacente
italia
14 ore

Quirinale: altra fumata nera

Mattarella ha ottenuto 166 voti. Poche preferenze per gli altri candidati più accreditati: Belloni, Casini, Draghi. Quinta votazione domani alle 11
Confine
18 ore

‘Quello di don Roberto è stato un assassinio cinico’

Nelle motivazioni della condanna all’ergastolo del 53enne che ha tolto la vita al sacerdote le ragioni delle sue ‘modalità efferate dell’azione’
Video
Estero
21 ore

Mamma squalo e i suoi piccoli appena nati salvati sulla spiaggia

Una verdesca che aveva appena partorito 9 piccoli sulla spiaggia di Sciacca, in Sicilia, salvata dalla Guardia Costiera avvisata da quattro donne
coronavirus
22 ore

Da febbraio vaccinati e guariti in Italia senza il test

Ritorna in vigore il green pass con la regola 3G. La decisione del ministro della Salute dopo le pressioni di Regioni e operatori turistici
09.03.2021 - 22:050

Strage di migranti nel Mediterraneo: 39 morti

I corpi recuperati al largo delle isole Kerkennah, in Tunisia. Tra le vittime anche alcuni bambini

a cura de laRegione

Ennesima strage di migranti nel Mediterraneo centrale, la rotta migratoria più pericolosa al mondo, con un bilancio che continua ad aggravarsi. Sono finora 39 i corpi recuperati dai soccorritori al largo delle isole Kerkennah, in Tunisia, dopo che due imbarcazioni salpate la notte scorsa dalle coste di Sfax si sono rovesciate. Tra le vittime anche alcuni bambini. Sono state invece salvate 165 persone, secondo l'ultimo bilancio reso noto dal ministero della Difesa di Tunisi. I migranti provenivano per la maggior parte dall'Africa subsahariana e stavano tentando di raggiungere le coste europee, ha spiegato il portavoce della Guardia nazionale tunisina Houcem Eddine Jebabli, precisando che le ricerche di eventuali superstiti e di altri corpi sono ancora in corso.

Dal primo gennaio al 21 febbraio sono arrivati clandestinamente in Italia via mare 3.800 migranti, secondo i dati dell'Alto Commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr). Un migliaio dalla Tunisia e il resto dalla Libia. Nel 2021, "l'aumento delle partenze continua, ha spiegato all'Afp Romdhane Ben Amor, del Forum tunisino per i diritti economici e sociali. I numeri forniti dall'ong sono preoccupanti: dall'inizio dell'anno sono stati intercettate 94 imbarcazioni e 1.736 persone sono state bloccate prima di prendere il mare, pari al doppio rispetto allo stesso periodo del 2020. Ieri sera un barcone con una cinquantina di persone a bordo è stato soccorso dalla Guardia costiera spagnola a 250 chilometri a sud dell'isola di Gran Canaria. Un migrante è stato trovato senza vita e altri quattro, secondo i sopravvissuti, sono morti durante la traversata, iniziata delle coste della Mauritania.

"Gli Stati Ue devono urgentemente cambiare le loro politiche migratorie nel Mediterraneo, perché quelle attuali mettono in pericolo la vita e il rispetto dei diritti di rifugiati e migranti", è il monito lanciato da Dunja Mijatovic, commissaria per i diritti umani del Consiglio d'Europa, in un rapporto sulla migrazione diffuso oggi che punta il dito anche contro gli accordi firmati da Italia e Malta con la Libia per intercettare le imbarcazioni dei migranti. "Nonostante qualche piccolo passo avanti, la situazione del rispetto dei diritti umani nel Mediterraneo resta deplorevole", sottolinea la commissaria, osservando che "i naufragi continuano a essere ricorrenti", mentre "il crescente disimpegno navale degli Stati nel Mediterraneo, la crescente ostruzione fatta alle attività di salvataggio delle ong, a cui si aggiungono le decisioni di ritardare lo sbarco e la non assegnazione di un porto sicuro, hanno minato l'integrità del sistema di ricerca e salvataggio". "È arrivato il momento per gli Stati europei di mettere fine a questa vergognosa tragedia", afferma la commissaria, chiedendo agli Stati di ripristinare con urgenza le loro operazioni navali di salvataggio e di mettere fine a tutte le attività che espongono migranti e rifugiati al rischio di dover tornare in Paesi in cui sono violati i loro diritti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved