ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

‘Nessuna minaccia imminente sull’uso dell’atomica della Russia’

Lo ha detto il Consigliere per la sicurezza nazionale Usa Jake Sullivan, aggiungendo che ‘i militari americani in Europa sono pronti a ogni evenienza’
Estero
3 ore

Afghanistan, kamikaze si fa esplodere in una scuola a Kabul

Il bilancio delle vittime parla di almeno 20 i morti, per lo più ragazze, e 35 i feriti. Sospettato il ramo afghano dell’Isis
Confine
6 ore

Valmorea dedica un Parco a don Renzo Scapolo

L’intitolazione avrà luogo sabato nell’area verde delle scuole del comune, con tanto di testimonianze di coloro che lo hanno conosciuto
Estero
9 ore

Anche lo Stato di New York fermerà le auto a benzina dal 2035

Bandite tutte le auto nuove che non siano a emissioni zero, sulla scia di quanto annunciato lo scorso agosto dalla California
Estero
9 ore

Il proclama di Putin: ‘Le regioni annesse nostre per sempre’

Al Cremlino in corso la cerimonia di firma dei trattati di annessione alla Russia delle regioni ucraine in cui si son tenuti i referendum-farsa pro Mosca
Confine
12 ore

17enne muore travolto dal treno nel Varesotto

L’incidente fatale nella notte ad Albizzate a poche centinaia di metri dalla stazione
Estero
15 ore

Condanne definitive per il sistema criminale che gestiva Roma

Convalidati i 10 anni ai vertici dell’associazione a delinquere che dirigeva in modo illecito gli appalti dei pubblici servizi della capitale italiana
Estero
1 gior

A tre giorni dalle elezioni Neymar sostiene Bolsonaro

In un video su TikTok il fuoriclasse brasiliano del Psg mima una canzona che invita a votare il presidente uscente, in ritardo nei sondaggi su Lula
16.02.2021 - 22:48

Nuove accuse a San Suu Kyi, ora la Cina condanna il golpe

II regime da una parte prolunga lo stato d'emergenza, dall'altra promette nuove elezioni. Ma il popolo è sempre più scontento

nuove-accuse-a-san-suu-kyi-ora-la-cina-condanna-il-golpe
(Keystone)

Un'altra accusa farsa contro San Suu Kyi ancora detenuta e ora a processo, la costante minaccia del giro di vite contro i manifestanti, mentre le proteste contro il golpe vanno avanti e le promesse di elezioni da parte della giunta non placano la rabbia della popolazione.

A due settimane dal colpo di stato, la Birmania è ancora sospesa in un limbo di instabilità. Una situazione che scontenta anche la Cina, che finora non si era unita al coro di condanne contro l'intervento dei militari. Il premio Nobel per la pace, arrestata il primo febbraio e "in buone condizioni di salute" per il suo avvocato, è comparsa nella prima udienza contro di lei, in una teleconferenza organizzata dai militari con poco preavviso. Oltre al reato di importazione illegale di sei walkie-talkie, la "Signora" - come il presidente Win Myint - dovrà ora rispondere anche dell'accusa di aver violato la legge sulle catastrofi naturali, non rispettando le restrizioni anti-coronavirus in campagna elettorale. Se condannata, rischia fino a tre anni di reclusione per ciascun capo di imputazione. La prossima udienza è prevista per il primo marzo.

Le bugie dei militari

Nel frattempo, i militari hanno ribadito oggi l'obiettivo di "andare al voto e consegnare il potere nelle mani del partito vincitore", una dichiarazione d'intenti che non chiarisce le intenzioni della giunta. Se si andasse al voto con l'attuale sistema maggioritario secco, la "Lega nazionale per la democrazia" trionferebbe ancora, come nel 2015 e lo scorso novembre. Ma per mandare il partito dei militari al governo, in coalizione col 25 percento di seggi garantito all'esercito dalla Costituzione, le strade sono due: introdurre un sistema elettorale proporzionale - soluzione ventilata da diversi analisti - o escludere il partito di Suu Kyi con pretesti vari, per esempio una condanna contro la "Signora". Il malcontento contro la presa del potere dei militari resta alto. Oggi a sud di Yangon, manifestanti hanno bloccato un tratto di ferrovia verso il porto. Da giorni il Paese è sull'orlo dello sciopero generale, con diverse categorie professionali che già incrociano le braccia. Per la seconda notte consecutiva, Internet è stato bloccato dalla giunta, nel chiaro tentativo di limitare le comunicazioni per organizzare le proteste. In molti temono che siano le prove generali di una repressione violenta. Dopo aver chiaramente sottovalutato la reazione popolare, il generale golpista Min Aung Hlaing è probabilmente indeciso su come precedere. Schiacciare le proteste nel sangue, specie ora con le immagini dei social media, lo renderebbe un paria internazionale.

La Cina, che ha enormi interessi energetici e geopolitici nel Paese, ha segnalato il proprio malcontento lamentandosi di non essere stata informata in anticipo del golpe. Usa e Ue attendono, evocando la minaccia di sanzioni. Con i progressi democratici dell'ultimo decennio ormai azzerati, non sembrano esserci opzioni ideali per uscire dall'impasse.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved