Roma
1
Cagliari
0
2. tempo
(1-0)
Lugano
2
Bienne
3
fine
(1-0 : 1-1 : 0-2)
WAS Capitals
VAN Canucks
20:00
 
nuove-accuse-a-san-suu-kyi-ora-la-cina-condanna-il-golpe
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
2 ore

Il principe Harry e la scorta fai da te

Le autorità britanniche non vogliono che il membro della famiglia reale paghi le spese per la protezione
Confine
4 ore

Varese, ha insegnato 21 anni con una finta laurea

La scoperta è stata effettuata dalla Guardia di Finanza. Alla donna sono stati cautelativamente sequestrati beni per 350mila euro
Confine
8 ore

Luinese, consigliere della Lega nei guai con la droga

Deteneva marijuana nella sua abitazione e faceva ‘lo sceriffo in paese’. Aveva pure minacciato con l’ascia un ex tossicodipendente
Estero
9 ore

Trump di nuovo all’attacco: ‘Riprendiamoci l’America’

L’ex presidente, durante un comizio in Arizona, ha affermato che ‘la vera insurrezione non fu l’assalto a Capitol Hill ma il giorno dell’Election Day’
Estero
1 gior

Usa: dopo l’eruzione Tonga, onde arrivate anche alle Hawaii

Il National Tsunami Warning Center ha lanciato un’allerta tsunami per la costa occidentale degli Stati Uniti, Alaska compresa
Francia
1 gior

Clip ‘elettorali’ davanti al Louvre, il museo contro la Le Pen

La politica francese si fa riprendere nello stesso punto dove Macron, appena eletto, iniziò il suo mandato. Il museo: ‘Serve l’autorizzazione’
Estero
1 gior

Erutta un vulcano sottomarino, allarme tsunami da Tonga a Fiji

L’eruzione è durata otto minuti ed è stata così violenta da essere stata udita nelle Fiji, a più di 800 km di distanza. Emergenza in tutto il Pacifico
Estero
1 gior

Usa: una task force prepararsi a future varianti

Si chiamerà ‘Pandemic Innovation Task Force’ e si concentrerà sullo sviluppo di vaccini, cure e test diagnostici
16.02.2021 - 22:480

Nuove accuse a San Suu Kyi, ora la Cina condanna il golpe

II regime da una parte prolunga lo stato d'emergenza, dall'altra promette nuove elezioni. Ma il popolo è sempre più scontento

a cura de laRegione

Un'altra accusa farsa contro San Suu Kyi ancora detenuta e ora a processo, la costante minaccia del giro di vite contro i manifestanti, mentre le proteste contro il golpe vanno avanti e le promesse di elezioni da parte della giunta non placano la rabbia della popolazione.

A due settimane dal colpo di stato, la Birmania è ancora sospesa in un limbo di instabilità. Una situazione che scontenta anche la Cina, che finora non si era unita al coro di condanne contro l'intervento dei militari. Il premio Nobel per la pace, arrestata il primo febbraio e "in buone condizioni di salute" per il suo avvocato, è comparsa nella prima udienza contro di lei, in una teleconferenza organizzata dai militari con poco preavviso. Oltre al reato di importazione illegale di sei walkie-talkie, la "Signora" - come il presidente Win Myint - dovrà ora rispondere anche dell'accusa di aver violato la legge sulle catastrofi naturali, non rispettando le restrizioni anti-coronavirus in campagna elettorale. Se condannata, rischia fino a tre anni di reclusione per ciascun capo di imputazione. La prossima udienza è prevista per il primo marzo.

Le bugie dei militari

Nel frattempo, i militari hanno ribadito oggi l'obiettivo di "andare al voto e consegnare il potere nelle mani del partito vincitore", una dichiarazione d'intenti che non chiarisce le intenzioni della giunta. Se si andasse al voto con l'attuale sistema maggioritario secco, la "Lega nazionale per la democrazia" trionferebbe ancora, come nel 2015 e lo scorso novembre. Ma per mandare il partito dei militari al governo, in coalizione col 25 percento di seggi garantito all'esercito dalla Costituzione, le strade sono due: introdurre un sistema elettorale proporzionale - soluzione ventilata da diversi analisti - o escludere il partito di Suu Kyi con pretesti vari, per esempio una condanna contro la "Signora". Il malcontento contro la presa del potere dei militari resta alto. Oggi a sud di Yangon, manifestanti hanno bloccato un tratto di ferrovia verso il porto. Da giorni il Paese è sull'orlo dello sciopero generale, con diverse categorie professionali che già incrociano le braccia. Per la seconda notte consecutiva, Internet è stato bloccato dalla giunta, nel chiaro tentativo di limitare le comunicazioni per organizzare le proteste. In molti temono che siano le prove generali di una repressione violenta. Dopo aver chiaramente sottovalutato la reazione popolare, il generale golpista Min Aung Hlaing è probabilmente indeciso su come precedere. Schiacciare le proteste nel sangue, specie ora con le immagini dei social media, lo renderebbe un paria internazionale.

La Cina, che ha enormi interessi energetici e geopolitici nel Paese, ha segnalato il proprio malcontento lamentandosi di non essere stata informata in anticipo del golpe. Usa e Ue attendono, evocando la minaccia di sanzioni. Con i progressi democratici dell'ultimo decennio ormai azzerati, non sembrano esserci opzioni ideali per uscire dall'impasse.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved