ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

Spagna, notificato un caso di contagio da aviaria

Secondo la testata digitale eldiario.es, sarebbe la seconda persona in Europa essere stata testata positiva al virus
la guerra in ucraina
2 ore

Al via domani le esercitazioni di soldati tedeschi in Lituania

L’azione fa parte della strategia di maggiore presenza della Nato sul fianco orientale dell’Alleanza dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia
la guerra in ucraina
3 ore

Kadyrov manda i tre figli minorenni al fronte

Il presidente ceceno: ‘Sono addestrati, è arrivato per loro il momento di andare in battaglia’. Hanno 16,15 e 14 anni
la guerra in ucraina
3 ore

Putin frena sul nucleare, i russi arretrano ancora

Il Cremlino ora parla di confini mobili a Kherson e Zaporizhzhia: ‘Penetrate le nostre linee di difesa’
balcani
3 ore

Voto in Bosnia: Dodik tiene, ma avanzano i moderati

Alla presidenza per l’entità serba andrà Zeljka Cvijanovic, l’ex presidente eletto nella Republika Srpska. Sconfitto anche il figlio di Izetbegovic
Regno Unito
5 ore

Un taglio di capelli? ‘La prossima volta’

Finito il periodo di lutto, primo impegno ufficiale per re Carlo III, oggi in visita alla cittadina scozzese di Dunfermline
Estero
5 ore

Dalla Corte Suprema duro colpo alla lobby delle armi negli Usa

I nove saggi hanno respinto il ricorso contro il bando dei potenziatori ai fucili automatici, uno dei rari provvedimenti in tal senso di Donald Trump
Russia
7 ore

Elude i domiciliari la giornalista russa ‘no war’

Prima la multa per il cartello mostrato durante un telegiornale, poi la condanna per quello esposto vicino al Cremlino. E ora la fuga
Confine
7 ore

Lavori nella galleria di San Fermo Nord, code verso il Ticino

Il cantiere per la ricostruzione della calotta della galleria durerà fino al 18 novembre. Traffico verso nord deviato sotto San Fermo Sud
Iran
9 ore

Italiana arrestata a Teheran nel giorno del suo compleanno

Alessia Piperno era entrata in Iran con altri turisti. La Farnesina sta verificando le informazioni del padre rilasciate su Facebook
Iran
13 ore

Scontri fra studenti e forze di sicurezza: lezioni sospese

Non si placano le proteste dopo la morte della 22enne curda arrestata dalla polizia perché indossava, a loro dire, il velo in modo inappropriato
Gran Bretagna
14 ore

Passo indietro: le tasse dei ricchi restano dove sono

Liz Truss e il suo ministro delle Finanze annullano il piano fiscale che non era piaciuto ai mercati facendo sprofondare la sterlina
Stati Uniti d'America
15 ore

Florida sotto accusa, soccorsi in ritardo dopo l’uragano

Un’ottantina di morti ed enormi i danni per Ian che ha colpito con estrema violenza (qui l’uragano Fiona) anche l’isola di Porto Rico
Estero
15 ore

Putin ‘fuori controllo’, ma la minaccia atomica pare improbabile

Il capo del Pentagono, Lloyd Austin, in una intervista alla Cnn, ha commentato le minacce nucleari del presidente russo
Russia
16 ore

‘Non sono pronto a uccidere’, rapper si toglie la vita

Ivan Petunin, 27 anni, detto Walkie, ha compiuto l’estremo gesto in segno di protesta contro la guerra scatenata da Vladimir Putin
Brasile
16 ore

Sul filo di lana Lula va al ballottaggio con Bolsonaro

A pesare sul risultato sarebbero stati gli indecisi, il tasso di astensione e quanti hanno creduto di abbracciare la scelta del ‘voto utile’
Estero
1 gior

Bosnia: il secessionista Dodik in vantaggio

Dopo lo spoglio di circa la metà delle schede elettorali, sono in vantaggio il bosgnacco musulmano Becirovic, la serba Cvijanovic e il croato Komsic
Estero
1 gior

In Bulgaria vincono i conservatori ma il governo è un rebus

il partito Gerb dell’ex premier Boyko Borissov viene dato in chiaro vantaggio nelle elezioni parlamentari anticipate svoltesi oggi, le quarte in due anni
Estero
1 gior

Il ritorno delle bandiere ucraine nel Donbass

Kiev si riprende Lyman, snodo strategico nel Donetsk. La Nato avverte Putin: ‘Reazione dura se userà il nucleare’
Estero
1 gior

Brasile al voto: Lula si riprende la scena ma il Paese è diviso

Nonostante la campagna più polarizzata nella storia del colosso verde-oro, l‘ex sindacalista è convinto che sarà ’facile ristabilire pace e democrazia’
Confine
1 gior

La Lombardia vista come ‘capitale italiana della ’ndrangheta’

È quanto emerge dalla relazione dalla Direzione investigativa antimafia inoltrata in questi giorni al Parlamento
Confine
1 gior

Valmorea, centinaia di persone al tributo per don Renzo Scapolo

Sabato pomeriggio si è celebrata l’intitolazione del ‘Parco dell’accoglienza’ dedicato all’ex parroco di Caversaccio tra ritratti e testimonianze
Estero
1 gior

Re Carlo non parteciperà alla conferenza sul clima

Nonostante negli anni passati vi abbia partecipato, quest’anno il sire non presenzierà all’incontro seguendo il consiglio della premier Truss
laR
 
01.02.2021 - 18:39
Aggiornamento: 22:59

Birmania: il golpe dei militari, le colpe di San Suu Kyi

Arrestato il premio Nobel per la Pace dopo la schiacciante vittoria alle urne di novembre: i generali tornano al potere. Sullo sfondo il massacro dei rohingya

birmania-il-golpe-dei-militari-le-colpe-di-san-suu-kyi
(Keystone)

Un colpo di stato. I militari al potere, che non è mai una bella notizia. Un premio Nobel per la Pace in carcere, per l’ennesima volta. Per noi occidentali, cresciuti con film e soldatini di cowboy e indiani, l’equazione è fin troppo facile. I nostri e i loro. Buoni contro cattivi. Non in Myanmar, o Birmania, che dir si voglia. Un Paese dove nulla è come sembra, compresi nomi, capitali e bandiere. Compresa la sua eroina, figlia di un eroe: Aung San Suu Kyi. Per i suoi concittadini, semplicemente, ‘La Signora’.

Per capirci qualcosa di meno, per poi a provare a capirci qualcosa di più, si può partire da Yangon, per molti ancora Rangoon. La città più popolosa, la più vicina a un aeroporto internazionale, quella dove passano chi fa affari oppure le vacanze. Ma non la capitale, non più. Dal 2005 il regime spostò (quasi) tutto in un posto che prima non esisteva, Naypyidaw. L’hanno fondata da zero, costruendo ovunque strade a quattro corsie sempre semivuote. Perché? Per proteggerla dagli uragani, essendo lontana dalla costa, per evitare proteste sotto i palazzi del potere, visto che la gente che fa rumore si trova a Yangon, a 320 chilometri di distanza, per dare retta alla tradizione locali degli indovini, che con le loro predizioni facevano spostare le capitali.


Le strade deserte della nuova capitale Naypyidaw (Keystone)

E poi le bandiere, sette diverse in 80 anni. Cambiate per via di chi veniva a martoriare il popolo birmano da fuori (inglesi e giapponesi) e chi lo faceva direttamente da dentro (i regimi militari). L’ultima bandiera, quella che c’è ancora oggi - con una stella bianca nel mezzo e tre strisce orizzontali: una gialla, una verde e una rossa - è stata introdotta nel 2010, insieme a un nuovo inno e un nuovo nome. Lo decisero i generali al potere dal 1989 quindici giorni prima del ritorno al voto, venti prima della liberazione di San Suu Kyi, che tra galera e domiciliari aveva passato quindici dei ventun anni precedenti in isolamento. Un calvario fatto di torture fisiche e psicologiche.

La Signora veniva sempre associata a Nelson Mandela, anche se in comune i due avevano meno di quel che si potrebbe credere, se non - appunto - la galera e il rappresentare con un volto e un nome la lotta per la democrazia. Lei figlia di un uomo potente, di un padre della nazione ucciso dal rivale politico, laureata in India e poi a Oxford, con una scrivania all’Onu e sposata con un britannico. Lui figlio di un capovillaggio di una provincia povera e sperduta, diventato avvocato, attivista, bombarolo, ricercato, guru, infine presidente del suo Paese. Cosa che lei non è mai riuscita a diventare nemmeno dopo il ritorno alla scena politica e i trionfi elettorali. Il tutto per una regola studiata bene - apposta per lei - dal regime militare: se hai figli con passaporto straniero puoi avere il potere, ma non la massima carica.

Per entrambi si mobilitarono attivisti e politici di mezzo mondo. Per lui cantarono Youssou N’Dour e Little Steven. Per lei Jane Birkin e Damien Rice. Per entrambi gli U2. Icone pop da esibire su una maglietta, come novelli Che Guevara, hanno faticato entrambi a imporsi nel modo sperato. La forza delle idee e del carisma, l’obbligo di farsi megafono e imbuto di mille forze uguali e contrarie che si scontrano con la dura realtà.


Proteste in Thailandia contro l'autore del golpe Min Aung Hlaing (Keystone)

La realtà per Aung San Suu Kyi ha due nomi, uno molto conosciuto, libertà d’espressione, l’altro poco o nulla: Rohingya. Qui inciamperà, ripetutamente, intorbidendo un’immagine limpida costruita in decenni di sofferenza iniziati il 20 luglio 1989, giorno del suo primo arresto.

San Suu Kyi era rientrata in Birmania nel 1988, dopo 28 anni all’estero, per accudire la madre malata. In quello stesso periodo, Ne Win, dittatore e autore del golpe del 1962, si fece da parte. L’8-8-88 la gente scese in piazza chiedendo a gran voce la democrazia. Quella data piena di 8 era considerata di buon auspicio e San Suu Kyi fece la sua parte, prima radunando mezzo milione di persone in piazza, poi annunciando la nascita di un suo partito chiamato Lega Nazionale per la Democrazia in cui confluivano intellettuali e studenti. Ma, nel frattempo, un’altra giunta militare prende il potere. Meno di un anno dopo la Signora è dietro le sbarre. In quel momento non poteva sapere che la solitudine sarebbe stata - a fasi alterne - la sua compagna per 21 anni. Assieme a torture fisiche e psicologiche. Nel 1991 le viene assegnato il Nobel che non potrà andare a ritirare. Ma una prova ancora più dura è datata 1999. Al marito malato, che vive in Inghilterra, vengono dati pochi mesi di vita. Il regime gli rifiuta il permesso di poter visitare la moglie ai domiciliari. In compenso a lei viene concessa la possibilità di raggiungerlo. Sapendo che al ritorno nessuno l’avrebbe fatta rientrare in Birmania, sceglie a malincuore di non vedere mai più il marito.

 

Nel 2002 torna in semilibertà in seguito a forti pressioni dell’Onu, ma non c’è modo - per lei - di stare tranquilla. Il 30 maggio 2003 sfugge a un attentato in cui vengono massacrati diversi suoi sostenitori (un cosa simile accadde già nel 1996). Di nuovo ai domiciliari viene prima condannata ai lavori forzati, infine liberata - nel 2010 - sei giorni dopo le elezioni. Una mossa studiata per evitare di averla in Parlamento, dove entrerà comunque nel 2012 tramite elezioni suppletive. Da lì diventa capo dell’opposizione, trampolino perfetto per vincere le elezioni nel 2015. Un successo netto ma mai pieno, perché la democrazia birmana non sarà mai veramente tale, restando ostaggio dei militari che mantengono un quarto dei seggi, abbastanza da controllare ed evitare modifiche alla Costituzione pensata e scritta da loro.

San Suu Kyi non ha le mani completamente libere, ma fa ben poco per muoverle almeno per quanto le è permesso. Sotto la sua guida il processo di democratizzazione si ferma. Anzi, alcuni indicatori di primaria importanza vedono la Birmania arretrare: viene ulteriormente limitata la libertà di stampa, i giornalisti scomodi sono arrestati, aumentano i prigionieri politici e la censura su internet. Le leggi dei militari sono difficili da toccare, ma San Suu Kyi nemmeno ci prova.

In questo quadro s’inserisce la persecuzione dei rohingya, minoranza etnica di fede islamica (in un Paese a maggioranza buddista) che vive nell’ovest del Paese, vicino al Bangladesh e non ha diritto di cittadinanza. I primi scontri armati del 2017 diventano nel giro di poco tempo una violazione sistematica dei diritti umani, con violenze, stupri e migrazioni di massa che fanno gridare l’Onu diverse Ong al genocidio.


La fuga della minoranza rohingya al confine con il Bangladesh (Keystone)

San Suu Kyi difende oltremisura i soprusi dei militari. Le colombe vedono la sua debolezza in un atto di realpolitik in salsa asiatica: una lenta democratizzazione in cambio di tutti e due gli occhi chiusi davanti alle violenze di Stato. Ma in Occidente inizia a essere criticata, le vengono ritirati premi importanti come il Sakharov, infine si ritrova a mentire davanti alla Corte dell’Aja, definendo fuorvianti le voci sui rohingya. Provò a declassare tutto a un generico “conflitto armato interno” nascondendo l’orrore, lei che l’orrore l’ha vissuto a lungo in prima persona. Imperdonabile.

Certo, il golpe non è un atto di generosità dei militari verso il popolo, tantomeno di apertura verso la democrazia. Non lo è mai. Pare che ci sia la paura di perdere ulteriormente potere dopo i risultati delle ultime elezioni del novembre scorso, una vittoria a valanga del partito di San Suu Kyi. A questo va aggiunta l’ambizione del generale Min Aung Hlaing che - prossimo alla pensione - vorrebbe regalarsi un ultimo giro di notorietà e potere.

Chissà quanto dura, questa volta, la bandiera.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved