laRegione
renzi-apre-la-crisi-di-governo
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
3 ore

Conte si salva con 156 voti, il governo italiano tiene

Mancata la maggioranza assoluta, il premier viene attaccato sia da Renzi che dai leader della destra che invocano dimissioni
Stati Uniti
5 ore

Il grande giorno di Biden, ma Trump non ci sarà

Tutto pronto per l'insediamento del nuovo presidente. Nel suo discorso insisterà sull'urgenza di sanare le ferite di un'America lacerata dal suo predecessore
Estero
6 ore

In Germania lockdown prolungato fino al 14 febbraio

Resteranno chiusi ristoranti, negozi e attività ricreative. Verso una nuova stretta anche Scozia, Olanda e la regione di Valencia
Confine
9 ore

Malpensa tornerà ai volumi di attività pre-Covid nel 2023

Nello scalo vicino a Varese su quarantamila lavoratori occupati, sette su dieci sono in cassa integrazione. La preoccupazione dei sindacati
Estero
9 ore

Rientra da vacanza in Svizzera, 5'000 in quarantena in Belgio

La donna non si è posta in quarantena come prevedo le norme belghe ed è andata a prendere la figlia. Chiuse due scuole, ordinata quarantena a 5'000 persone
Estero
10 ore

Due simpatizzanti nazisti omaggiati dal Parlamento fiammingo

'Non si può davvero combattere l'incitamento all'odio quando si celebra un'eredità vergognosa', tuona il Coordinamento delle organizzazioni ebraiche del Belgio
Confine
10 ore

Cernobbio, sfonda un parapetto con l'auto e muore

Vittima dell'incidente è un 60enne del posto. Nonostante il pronto intervento dei soccorsi, per l'uomo non c'è stato nulla da fare
Confine
10 ore

A mensa gli scolari di Como devono stare zitti

Nelle elementari è stato introdotto il silenzio a pranzo. Per chi chiacchiera scattano il rimprovero e una nota
Confine
10 ore

Confine, 800mila euro scoperti alle dogane

È il bilancio dello scorso anno relativo a Domodossola, Ponte Ribellasca-Camedo e Piaggio Valmara-Brissago. Quasi il doppio del 2019
Confine
11 ore

Valuta illegale, intercettati quasi 77 mila euro

Messe a segno tre operazioni al valico autostradale di Brogeda. Tre i trasgressori segnalati
Estero
13 ore

Via i teppisti del Campidoglio anche dai siti d'incontri

Tinder, Bumble, OkCupid e gli altri grandi siti americani del settore stanno mettendo alla porta i rivoltosi pro-Trump
Estero
17 ore

Italia, Conte alla prova del fuoco in Senato

Dopo la fiducia ottenuta comodamente alla Camera, il presidente del Consiglio affronta tra poco il giudizio dei senatori. La partita è aperta.
Estero
18 ore

Trump: viaggi dall’Europa consentiti. Ma Biden è contrario

Botta e risposta tra presidente uscente ed eletto. La futura portavoce della Casa Bianca: ‘Non è il momento di revocare le restrizioni sui viaggi’.
ITALIA
1 gior

Conte incassa la fiducia alla Camera, ma il nodo è al Senato

Domani si decide, probabile un rimpasto sostenuto solo da una maggioranza relativa. Renzi resta chiuso fuori
GALLERY
Estero
1 gior

9mila migranti a piedi verso gli Stati Uniti

Vengono dall'Honduras per sfuggire alla povertà, alla disoccupazione e alle disastrose conseguenze di due uragani
ITALIA
13.01.2021 - 18:320
Aggiornamento : 23:02

Renzi apre la crisi di governo

Le due ministre di Italia Viva lasciano l’esecutivo in piena pandemia. Regna l’incertezza

In tutta Europa un solo tema domina l’agenda politica: il coronavirus. Ma in Italia, secondo paese col tasso di mortalità più alto dopo il Belgio, neppure l’emergenza sociale e sanitaria basta a proteggere le istituzioni dal narcisismo di certi leader. Ecco allora la crisi di governo introdotta dal leader di Italia Viva (Iv) Matteo Renzi, che ieri ha ufficialmente ritirato dal governo le sue due ministre Teresa Bellanova (Agricoltura) ed Elena Bonetti (Pari opportunità). Una botta per il governo di Giuseppe Conte, che ora dovrà trovare una nuova maggioranza o ricucire questa.

La decisione è arrivata nel tardo pomeriggio, con una conferenza stampa il cui mantra è stato “senso di responsabilità”. Senso di responsabilità perché “noi non giochiamo con le istituzioni”, ha detto Renzi. Senso di responsabilità perché “se le forme non vengono rispettate, allora qualcuno deve avere il coraggio anche per gli altri di dire che il re è nudo. E se serve dimettersi, ci si dimette”.

Tre le critiche mosse al governo. La prima, nel “metodo”: si contesta lo scarso rispetto delle “forme legislative” e l’eccessivo ricorso a strumenti quali i decreti legge e le dirette tv; una centralizzazione esplicitamente accostata ai “pieni poteri” invocati a suo tempo dal boss leghista Matteo Salvini. Poi nel “merito”: l’insufficiente coordinamento del rilancio economico del paese, perché “l’emergenza non può essere l’unico argomento che tiene in piedi il governo”. Infine ci sono le contestazioni al Recovery Plan, il piano di rilancio con fondi europei che Renzi ritiene ancora insufficiente, ad esempio su giustizia e turismo.

Motivazioni piuttosto vaghe, a ben vedere: tanto più che Renzi ha detto sì alle restrizioni anti-Covid, agli indennizzi economici e allo sforamento di bilancio; astenendosi sul Recovery Plan solo perché slegato dall’accettazione del prestito Ue previsto dal Meccanismo europeo di stabilità (Mes). Un pretesto, secondo molti: le due manovre non potrebbero essere approvate insieme perché costituiscono programmi europei diversi, anche se è vero che al debito con l’Europa – a tassi più convenienti delle emissioni italiane – si registra negli ambienti grillini un’opposizione che Renzi definisce “ideologica”. Intanto però le altre richieste di Iv sono state accolte, anzitutto quella di non subordinare gli investimenti per la ripresa a una task force slegata da esecutivo e legislativo. Lo ha ammesso lo stesso Renzi, riconoscendo che anche l’approccio “meno bonus (fiscali, ndr), più investimenti” è stato infine adottato dal governo.

Adesso pare che il presidente del Consiglio Conte rimetterà l’incarico nelle mani di quello della Repubblica Sergio Mattarella, che potrebbe reincaricarlo al volo per un altro mandato (il terzo in tre anni, dopo quello Lega-Cinquestelle e quello attuale che unisce grillini, Partito democratico e Italia Viva). Lo stesso Mattarella sembra propenso a tentare questa strada pur di risolvere la crisi di corsa.

Il problema per Conte – che a quanto pare non intende dimettersi – sarà quello di trovare un rinnovato sostegno politico. Potrebbe chiedere la fiducia in Parlamento, affidandosi a deputati e senatori disposti a rompere con la linea del loro partito, Italia viva inclusa. Ma la strada della ‘resa dei conti’ – lo showdown, come hanno preso a chiamarlo i notisti romani in perfetto trasteverino — è pericolosa in sé ed espone comunque il futuro esecutivo a maggioranze incerte.

Un'altra via è quella del rimpasto: un paio di poltrone in più al vezzoso protestatario, e amici come prima. Certo, ieri Renzi ha mosso al premier critiche pesanti, non ha mai fatto mistero del fatto di ritenerlo un incapace, e forse teme che si faccia il suo partitino rubandogli voti al centro. Non ha neppure digerito la scarsa considerazione riservatagli nell’ultimo annetto, lui che all’“avvocato degli italiani” aveva offerto la pertica alla quale aggrapparsi per uscire dalla tutela di Salvini. Ma ha anche concluso, con serafica democristianità: “Possiamo stare in maggioranza se ci vogliono, o all’opposizione se non ci vogliono”. Un accenno a una soluzione gattopardesca che gli garantisca maggiore visibilità e potere.

Resta da capire se questa alternativa si possa trovare con lo stesso Conte o se si dovrà passare a un nuovo presidente del Consiglio. Una prospettiva che allungherebbe ulteriormente le tempistiche della transizione. Non è invece probabile il ricorso alle urne, che nessuno vuole in piena pandemia. Tantomeno Renzi, il cui micropartito prenderebbe tra sì e no il 3%, restando escluso dal parlamento.

A questo punto, a essere certa è solo una cosa:la debolezza istituzionale della cosiddetta Terza repubblica, che dipende ancora una volta dai voltafaccia di formazioni minuscole come Italia viva e dall’equilibrismo di certe primedonne. Incluse quelle della destra come Salvini e la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, che hanno subito chiesto il voto. E che ancora una volta potrebbero trovare il gradimento di una nazione esacerbata.

© Regiopress, All rights reserved