a-trump-ora-pare-interessare-solo-il-contrattacco
Durante la cerimonia in occasione del 'Veteran Day' (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

Francia, fermato un 18enne: ‘Preparava un attentato per l’Isis’

Il giovane ha ammesso di star organizzando l’attacco. Un video in cui presta fedeltà allo Stato islamico è stato trovato in suo possesso.
Stati Uniti
3 ore

‘Aveva provato a chiamare i soccorsi, ma lui le ha sparato’

Massacro di Uvalde, lo straziante racconto delle piccole vittime della follia omicida del diciottenne
Estero
3 ore

Adesione alla Nato, delegazioni di Svezia e Finlandia in Turchia

Ankara appoggerà la candidatura dei Paesi scandinavi solo se questi rinunceranno al sostegno al gruppo armato Pkk
Speciale Ucraina
LIVE

Zelensky apre ai negoziati. Ma a patto che la Russia si ritiri

Orrore a Mariupol: rinvenuti duecento cadaveri tra le macerie di un rifugio. Segui il live de laRegione
Vaticano
8 ore

‘Basta col traffico indiscriminato delle armi!’

Al cordoglio per le vittime in Texas si unisce Papa Bergoglio. ‘Impegniamoci tutti perché tragedie così non possano più accadere’
Stati Uniti
10 ore

Foto di armi al compagno pochi giorni prima della strage

Dal racconto di altri studenti, il killer veniva spesso deriso per gli abiti che indossava e la situazione finanziaria della famiglia
Stati Uniti
11 ore

Texas, si aggrava il bilancio della sparatoria: 21 i morti

L’ira del presidente Biden: ‘Perché vogliamo vivere con questa carneficina? Perché continuiamo a consentire che questo accada?’
Stati Uniti
19 ore

Texas, spara in una scuola e uccide quindici persone

Tra le vittime quattordici bambini e un insegnante. Morto anche il sospetto autore della strage
svolta in vaticano
21 ore

Per la Cei Bergoglio sceglie Zuppi, ‘prete di strada’

Bassetti lascia la presidenza. Sul tavolo dei vescovi il dossier degli abusi
terrorismo
21 ore

L’Isis era pronto a uccidere Bush a Dallas

Il piano, che avrebbe dovuto scattare lo scorso anno è stato sventato dall’Fbi. Fermato un iracheno.
Estero
1 gior

Calano le borse e i 50 super-ricchi bruciano il... Pil svizzero

Da inizio anno i più facoltosi del pianeta hanno perso 563 miliardi di dollari. Cifra pari al prodotto interno lordo del nostro Paese
Confine
1 gior

Raggira il fisco e investe in caffè. Imprenditore in manette

L’inchiesta ha condotto gli inquirenti anche a una società con sede in Ticino. L’accusa è di autoriciclaggio
italia
1 gior

Macché eruzione sull’Etna: è solo un fenomeno meteorologico

Il vulcanologo Boris Behncke fa chiarezza: ‘L’assenza di vento fa salire il fumo verticalmente, ingannando chi lo osserva’
Estero
1 gior

Bbc: ‘La Cina spara a chi tenta la fuga da campi dello Xinjiang’

Una serie di file della polizia condivisi con i media stranieri rivela le ‘procedure’ nei confronti degli uiguri confinati nei campi di ‘rieducazione’
Estero
1 gior

Passata la pandemia, le pene capitali tornano a salire

Nel 2021 le esecuzioni censite da Amnesty International sono state 579. In aumento rispetto all’anno precedente, ma in calo sul lungo periodo
Stati Uniti
12.11.2020 - 17:32
Aggiornamento : 19:19

A Trump ora pare interessare solo il contrattacco

Il Dipartimento di Stato non consegna i messaggi di auguri a Biden, mentre il mancato accesso all'intelligence crea dubbi sulla sicurezza nazionale

Donald Trump sta facendo di tutto per non dare nemmeno la minima impressione di concedere la vittoria al presidente eletto Joe Biden. Chiuso nella Casa Bianca dall'Election Day, con l'unica eccezione, ieri, per recarsi al monumento del milite ignoto in occasione del 'Veteran Day', il presidente uscente – come riportano alcune testate americane – sembra non avere nessun interesse per il governo del Paese e per l'emergenza coronavirus che infuria negli 'States', concentrato com'è sul tentare di ribaltare l'esito elettorale. Un'impresa fondamentalmente proibitiva (visti i distacchi), condita da accuse di frodi elettorali su larga scala di cui però nessun ufficiale di nessuno Stato ha traccia. Compresi quelli repubblicani.

Nelle scorse ore se l'è presa anche con il North Carolina, formalmente ancora in bilico, ma dove il presidente uscente mantiene una solida maggioranza di voti. "Perché ci mette tanto? – si è chiesto su Twitter –. Stanno cercando altre schede per sistemare anche questa (elezione, ndr)? Ora con il riconteggio vinceremo pure la Georgia". 

I fedelissimi messi in fretta e furia a capo del militare

Intanto suscitano non poche preoccupazioni le mosse intraprese nelle ultime ore da Trump. Come quella di decapitare il Pentagono, silurando il ministro Mark Esper e almeno altri tre dirigenti, assicurandosi dei fedelissimi a capo delle forze armate. Il Dipartimento di Stato, poi, ha accuratamente evitato di trasmettere a Biden le congratulazioni giunte dai leader mondiali, certificando così la prassi di tutta l'amministrazione Trump di non voler, nemmeno precauzionalmente, avviare il processo di transizione. Inutile dire che a Biden non è stato dato accesso a nessun tipo di informazione riservata, uno dei primi diritti di un candidato dopo aver vinto le elezioni. Un diritto che vuole salvaguardare la sicurezza nazionale, facendo in modo di evitare che l'inquilino della Casa Bianca entri in carica senza sapere nulla dei pericoli incombenti. 

Un rischio per la sicurezza del Paese che non sembra preoccupare lo staff della Casa Bianca, ma che comincia a sollevare qualche dubbio anche in casa repubblicana. Tanto che il senatore dell'Oklahoma James Lankford ha annunciato di essere pronto a intervenire se entro la fine della settimana l'amministrazione Trump non darà a Biden accesso al briefing quotidiano dell'intelligence. "È necessario, in modo tale che, a prescindere dall'esito delle elezioni, chi vince sia pronto per questo compito", ha spiegato Lankford, che siede nella commissione di vigilanza. 

Interrogata su questo punto da 'Fox and friends', la consigliera di Trump Keyleigh McEnany ha ribattuto dicendo che la domanda andrebbe rivolta alla Casa Bianca. Ovvero a sé stessa, nella veste di 'press secretary', ruolo che però ha accuratamente evitato di indossare durante la diretta onde evitare la risposta. La problematicità del suo doppio mandato nella campagna elettorale – peraltro proibito dalla legge statunitense – era stato criticato da più parti. 

Raffica di decreti

Stando a Politico, l'amministrazione nel mentre ha comunque preparato una raffica di provvedimenti su immigrazione, commercio, sanità, Cina e scuola da far firmare al presidente prima di lasciare l'incarico, il 20 gennaio. Una mossa che – invero – è stata in passato utilizzata da presidenti di entrambi gli schieramenti durante il periodo di transizione – quando cioè sono formalmente ancora in carica, ma hanno già un piede fuori dalla porta – per portare a compimento alcuni progetti politici e mettere in qualche modo in difficoltà il successore. Sembra che lunedì il capo dello staff Mark Meadow abbia quindi chiesto ai consiglieri di individuare una serie di obiettivi raggiungibili entro l'insediamento di Joe Biden. Per ora la lista comprenderebbe 15 punti. Tra questi, la stretta sui visti H-1B, l'assegnazione di fondi Covid ai genitori di alunni le cui scuole sono state chiuse per la pandemia e possibili azioni contro Pechino.

 

Leggi anche:

Trump silura la Difesa e piazza figure controverse a lui fedeli

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
donald trump joe biden usa2020
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved