laRegione
Nuovo abbonamento
la-turchia-condanna-amnetsy-per-terrorismo
ULTIME NOTIZIE Estero
Rio de Janeiro
1 ora

Brasile, Cristo Redentore disinfettato riapre al pubblico

Dopo mesi di chiusura a causa della pandemia, sabato sarà di nuovo accessibile. Oggi il luogo è stato accuratamente sanificato
Estero
1 ora

Cina rileva coronavirus nel pollo spedito dal Brasile

Il virus è stato scoperto in un lotto di ali di pollo congelate nella città di Shenzhen, nel sud della Cina
Confine
1 ora

A Como si litiga sui passaggi a livello

Le Ferrovie allungano i tempi di attesa in nome della sicurezza, ma in città si teme la paralisi del traffico
Estero
2 ore

Primi contagi in scuole a Berlino, una richiude

Sono sette le scuole (in quattro quartieri) in cui si sono registrati i casi di infezione: gruppi di studenti o classi in quarantena.
Estero
3 ore

Italia, contagi in salita: oltre 500 in un giorno e 6 vittime

Per il coordinatore del Comitato tecnico scientifico Agostino Miozzo 'nuovi lockdown sono inevitabili se la situazione sfugge'
Estero
3 ore

Poca pressione dell'acqua, Trump non può fare lo shampoo

Il tycoon si è lamentato dicendo che non poteva lavarsi bene i suoi 'bellissimi capelli' e ha annunciato modifiche alla legge sull'erogazione d'acqua
Confine
4 ore

Inseguito da un ordine di cattura, si era rifugiato a Lucerna

Estradato a Ponte Chiasso un 42enne napoletano legato alla Camorra. Lungo l'elenco dei reati contestati
Estero
7 ore

800 milioni di bambini non possono lavarsi le mani a scuola

È quanto emerge da un rapporto diffuso ieri dall'Organizzazione mondiale della sanità e dal Children's Fund delle Nazioni Unite
Estero
03.07.2020 - 20:050
Aggiornamento : 21:09

La Turchia condanna Amnetsy per 'terrorismo'

Pene fino a sei anni per i responsabili locali dell'ong, 'colpevoli' di avere tenuto una 'riunione eversiva'

La Turchia condanna per "terrorismo" gli ex responsabili di Amnesty International nel Paese. In un processo simbolo delle pressioni sulla società civile dopo il fallito golpe del 2016, un tribunale di Istanbul ha ritenuto colpevoli in primo grado quattro degli 11 attivisti per i diritti umani alla sbarra.

Tra loro, i due ex vertici dell'ong: il presidente Taner Kilic, cui è stata inflitta una pena di sei anni e tre mesi per "associazione terroristica", e la direttrice Idil Eser, condannata a due anni e un mese per "sostegno a un'organizzazione terroristica".

Entrambi dovrebbero restare a piede libero, in attesa dell'appello. Una sentenza "sconcertante", la definisce Amnesty, che parla di una "parodia di giustizia". Assolti invece gli altri sette imputati, tra cui due stranieri, il tedesco Peter Steudtner e lo svedese Ali Gharavi, che avevano già potuto lasciare il Paese.

A parte Kilic, inizialmente processato a Smirne e tenuto per 14 mesi in carcerazione preventiva fino all'agosto 2018, gli imputati erano stati inizialmente fermati per una riunione del 2017, nell'isola di Buyukada al largo di Istanbul, ritenuta eversiva dai magistrati. Tutti si sono sempre dichiarati innocenti. Si conclude così uno dei processi di più alto profilo contro attivisti indipendenti e critici verso il governo di Recep Tayyip Erdogan.

In quello che a molti è apparso un paradosso, la decisione contro Amnesty è giunta nello stesso giorno in cui la Turchia ha avviato il suo processo per la brutale uccisione di Jamal Khashoggi.

Un'iniziativa dal valore soprattutto simbolico, visto che i 20 imputati sauditi, che rischiano una condanna all'ergastolo per aver ordinato, organizzato o eseguito il delitto il 2 ottobre 2018 nel consolato di Riad a Istanbul, sono tutti processati in contumacia, dopo che il Regno ha respinto le richieste di estradizione. Tra questi ci sono due fedelissimi del principe ereditario Mohammed bin Salman, il suo ex consigliere per i media Saud al-Qahtani e l'ex numero due dell'intelligence Ahmed al-Assiri.

Nel processo che si era svolto a Riad, erano state pronunciate 5 condanne a morte e altre tre a pene detentive. Ma lo scorso maggio i figli di Khashoggi hanno dichiarato di "perdonare" gli assassini, aprendo così la strada alla concessione della grazia o a sconti di pena, spinti secondo molti da pressioni e favori della casa reale.

In aula a Istanbul si tornerà il 24 novembre per un processo che secondo la relatrice speciale dell'Onu sulle Esecuzioni extragiudiziali, sommarie o arbitrarie, Agnes Callamard, "è un messaggio forte ai dittatori in tutto il mondo". Nel frattempo, la promessa sposa dell'editorialista del Washington Post, Hatice Cengiz, promette di continuare a "cercare giustizia con tutti i mezzi possibili, in Turchia e in qualunque altro posto". Nella speranza almeno di far luce sui resti della vittima, che non sono mai stati ritrovati.

© Regiopress, All rights reserved