DJOKOVIC N. (SRB)
1
CARRENO BUSTA P. (ESP)
2
fine
(4-6 : 7-6 : 3-6)
STOJANOVIC N./DJOKOVIC N.
BARTY A./PEERS J.
12:00
 
trump-cade-nella-trappola-afghana
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

Covid, gli americani vaccinati contagiati sono meno dello 0,08%

Si tratta di 125'000 persone, ma il numero non ritrae il quadro completo: almeno una ventina di stati non riportano i dati
tunisia
13 ore

Saied non si ferma, primo deputato arrestato

A denunciare il fatto è stata la moglie su Facebook. Il Presidente aveva revocato l'immunità parlamentare pochi giorni fa.
Estero
13 ore

In Francia la polizia abbandona la presa di strangolamento

La tecnica era stata criticata dopo il caso Chouviat, un fattorino morto a Parigi nel gennaio 2020 in seguito a un controllo
Estero
14 ore

Il Congresso può avere la dichiarazione delle tasse di Trump

“È una questione di sicurezza nazionale” ha commentato la democratica Nancy Pelosi, speaker della Camera
Estero
16 ore

Multa record ad Amazon per violazione privacy nell’Ue

L’azienda definisce ‘sproporzionata’ la sanzione da oltre 800 milioni di franchi decisa dall’autorità lussemburghese per la protezione dei dati
Estero
17 ore

In Lombardia nessun morto per variante Delta fra i vaccinati

Solo l'8% delle persone, in tutto 123, ha contratto il virus nonostante la doppia dose di vaccino: solo 9 ricoveri, nessuno in cure intense, nessun decesso
Estero
18 ore

Germania, obbligo di test in entrata per i non vaccinati

Esclusi dall'obbligo anche i guariti dal Covid e i bambini sotto i 12 anni
Estero
18 ore

Sicilia in fiamme, il gran caldo alimenta i roghi

Temperature fino a 40 gradi spingono i numerosi incendi che flagellano l'Isola, in particolare nel Palermitano e nel Catanese
Estero
19 ore

Cinque anni al serial killer dei gatti di Brighton

Condannato l’uomo che ne ha accoltellati 16 ‘senza motivo e con crudeltà’. Applicata la legge ad hoc che punisce il maltrattamento immotivato degli animali.
Estero
30.06.2020 - 20:310

Trump cade nella trappola afghana

Il presidente avrebbe ignorato i rapporti dell'intelligence sui soldi di Mosca ai taleban per uccidere i soldati americani

Donald Trump trema. Ora teme lo spettro di un nuovo Russiagate per la vicenda delle presunte ricompense in denaro offerte da Mosca ai taleban per uccidere soldati americani o della coalizione in Afghanistan. Una partita complicata, dove sono in gioco la vita delle truppe all'estero, la gestione della sicurezza nazionale, i rapporti con l'intelligence Usa e con gli alleati, le sue relazioni ambigue con Vladimir Putin, sullo sfondo della campagna per la rielezione con sondaggi sempre piu' a picco. Il problema di fondo è che col passare dei giorni la sua linea di difesa si va sfaldando.

Il presidente ha sostenuto di non essere stato informato e che l'intelligence non lo ha fatto perché non riteneva credibili le notizie. La Casa Bianca ha sostenuto che non c'era consenso tra gli 007. Ma il New York Times, autore del primo scoop, ha rivelato ora che il commander in chief ricevette una informazione scritta a fine febbraio nel briefing d'intelligence quotidiano. E che la conclusione dell'intelligence era così seria e solida da finire in una pubblicazione della Cia il 4 maggio. Non solo. Secondo l'Ap, la valutazione degli 007 era inclusa in almeno un altro briefing scritto all'inizio del 2019. Le informazioni di intelligence, tra l'altro, sono state condivise recentemente con la Gran Bretagna e, in teoria, dovrebbero essere state veicolate a tutti i Paesi alleati presenti in Afghanistan

Ora Trumpè sotto pressione perche' deve spiegare se ha ricevuto quelle informazioni per iscritto, se le ha lette e, nel caso, perché non ha risposto adeguatamente, esponendo gli eroi di casa ad una ulteriore minaccia: nel 2019 sono morti 20 soldati americani in Afghanistan, anche se finora l'indagine dell'intelligence si è concentrata su un'autobomba dell'aprile 2019 che uccise tre marine. È noto che il presidente non presta grande attenzione ai briefing degli 007, ma questo non lo esimerebbe da eventuali responsabilità.

Ad aggravare il quadro le rivelazioni alla Cnn del giornalista del Watergate Carl Bernstein sulle centinaia di telefonate a ruota libera con i capi di Stato stranieri, che hanno indotto alcuni suoi ex alti dirigenti a ritenerlo un "pericolo alla sicurezza nazionale" per la sua impreparazione. Telefonate dove inseguiva la sua agenda personale e alternava le adulazioni di Putin alle offese verso la "stupida" Merkel. I democratici sono andati all'attacco costringendo la Casa Bianca ad informare un gruppo ristretto di repubblicani e democratici. Quest'ultimi sono rimasti insoddisfatti e hanno suggerito nuove sanzioni a Mosca. "Il presidente Usa non dovrebbe invitare la Russia al G7 o al G8. Dovremmo considerare quali sanzioni sono appropriate per prevenire ulteriormente le attivita' maligne della Russia", ha detto il presidente della commissione intelligence della Camera Adam Schiff. Ma anche diversi repubblicani incalzano Trump a verificare le informazioni e a dare eventualmente una risposta al Cremlino.

Mosca nega ogni coinvolgimento. "Si tratta solo di lotte politiche interne. Ci sono forze negli Usa che stanno cercando di ostacolare i piani di Trump di ritirare le truppe dall' Afghanistan: vogliono rimanere perché questo è un business redditizio per un'intera categoria di rappresentanti politico-militari", ha accusato l'inviato presidenziale russo per l'Afghanistan Zamir Kabulov.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved