usa-trump-covid-19-nemico-invisibile
Covid-19: nemico invisibile (foto Keystone)
16.03.2020 - 23:15

Usa, Trump: 'Covid-19: nemico invisibile'

Il presidente degli Stati Uniti ha affermato per la prima volta che la situazione non è sotto controllo. San Francisco prende le misure più drastiche

Donald Trump ha ammesso per la prima volta, in una conferenza stampa alla Casa Bianca, che la situazione causata dal coronavirus in Usa "non è sotto controllo" e ha definito il Covid-19 un "nemico invisibile".

La pandemia, secondo Trump, può finire negli Stati Uniti a luglio o agosto, "ma dobbiamo fare un ottimo lavoro". L'economia americana potrebbe andare verso una recessione: lo ha detto il presidente. "Siamo stati colti di sorpresa da questo coronavirus, è così contagioso... ma la nostra risposta è stata aggressiva e il problema è soprattutto per le persone più anziane", ha aggiunto Trump, che non ha escluso in futuro la decisione di un coprifuoco a livello nazionale, per ora comunque non sul tavolo.

Trump ritiene che non sia una "cosa buona" rinviare le primarie ma ha detto che lascerà la decisione ai singoli Stati. "È una scelta difficile", ha ammesso.

"Se gli americani saranno uniti nel seguire le linee guida contro l'epidemia sconfiggeremo il virus tutti insieme e festeggeremo".

Il bilancio negli Stati confederati

Finora i casi di contagio confermati (come segnala il portale dedicato della John Hopkins University) negli Stati Uniti sono 4392. Settantasette i morti: 42 a Washington, 10 a New York e 6 nello Stato della California.

Per contro, le persone guarite sono 17.


Il conteggio dei contagi in Usa

I provvedimenti presi da San Francisco

La città di San Francisco ha ordinato ai residenti di gran parte della regione della Baia di restare a casa per le prossime tre settimane e il più possibile lontano dalle altre persone per fermare la diffusione del contagio da coronavirus.

La città ha inoltre deciso di chiudere le scuole dal 16 marzo al 3 aprile a causa del coronavirus. "Dopo una lunga e attenta discussione abbiamo deciso di chiudere le scuole per tre settimane da lunedì 16 marzo fino al 3 aprile", affermano le autorità di San Francisco.

È la misura più severa presa finora in tutti gli Stati Uniti. L'ordinanza riguarda sei contee per 6,7 milioni di cittadini.

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved