duemila-morti-in-un-giorno-negli-stati-uniti
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
6 ore

Mosca chiude Nord Stream, l’Ue prepara un piano d’emergenza gas

Gasdotto fermo dieci giorni per ‘lavori’. Bruxelles studia stop a oro russo e accusa: ‘Taglio deliberato’
Estero
7 ore

In Texas crociata anti-gay, allarme di Biden sui diritti

Lo Stato conservatore al centro della battaglia antiabortista pronto a una legge contro la sodomia
Estero
8 ore

Iscritta all’università da 18 anni, padre non vuole più pagare

Accolta la richiesta dell’uomo che dal 2006 dà alla figlia 300 euro al mese di assegno di mantenimento. La donna afferma di soffrire di depressione.
Estero
9 ore

La Cassazione conferma la condanna di 7 anni a Coppola

L’immobiliarista romano era latitante in Svizzera. Era stato accusato di bancarotta fraudolenta.
Confine
11 ore

Como, 38enne si impicca al Bassone

Un detenuto italiano si è tolto la vita in carcere. Il segretario provinciale Ulipa penitenziari: ‘È una chiara sconfitta per lo Stato’
Estero
11 ore

‘Il cioccolato con la salmonella non è arrivato nei negozi’

Lo indica la stessa Barry Callebaut sulla base di indagini interne. La multinazionale aveva individuato il batterio in un lotto di uno stabilimento belga.
Estero
12 ore

Dal 16 gennaio bisognerà pagare per visitare Venezia

L’assessore al bilancio: ‘La città resterà sempre aperta. Quando sarà superata una certa soglia di presenze il contributo sarà più alto’
Confine
14 ore

Centovallina, traffico internazionale bloccato

In servizio alcuni bus sostitutivi. I treni regionali svizzeri circolano normalmente, come pure quelli tra Domodossola e Re.
Gran Bretagna
18 ore

Ubriaco, palpa uomini in un club: membro del governo si dimette

Nuove grane per Boris Johnson: stavolta al centro di uno scandalo a sfondo sessuale è il vicecapogruppo del Partito Conservatore alla Camera dei Comuni
08.04.2020 - 20:17
Aggiornamento: 20:58
di Ansa/e.f.

Duemila morti in un giorno negli Stati Uniti

Si confermano le peggiori previsioni sulla diffusione del contagio. Trump, per distrarre, accusa l'Oms di essere filocinese

New York - Duemila morti in un giorno, quasi la metà a New York: bastano i numeri a confermare le dimensioni raggiunte dalla pandemia di coronavirus negli Stati Uniti. Numeri che andrebbero precisati come segue: la vasta maggioranza delle vittime appartiene alle minoranze afroamericana e latina, e qualche ragione, nemmeno troppo nascosta, ci sarà. Da quando è esplosa la pandemia mai nel mondo si era registrato un bilancio così pesante, nemmeno in Cina, nemmeno in Italia e in Spagna. Del resto, che negli States questa sarebbe stata una settimana orribile era stato ampiamente annunciato. Così i decessi dovuti al coronavirus negli Stati Uniti sono ora saliti a 13.000, mentre i contagi che hanno superato i 400 mila casi, anche questo un primato assoluto.

Donald Trump ha da obiettare: «Altri Paesi hanno di fatto più casi di coronavirus di quelli dichiarati, solo che riportano numeri ingannevoli o sbagliati», ha affermato incontrando come ogni giorno la stampa in uno dei briefing più contraddittori degli ultimi tempi, spia di una confusione, se non di un vero e proprio caos, che pervadono la Casa Bianca, con gli stessi consiglieri ed esperti del presidente spiazzati dalle sue continue fughe in avanti o retromarce. Come quella sul contributo fondamentale che gli Stati Uniti danno all'Organizzazione mondiale della sanità, finita nel mirino di Trump. Per i detrattori l'ennesimo capro espiatorio per distogliere l'attenzione dell'opinione pubblica dalle reali responsabilità dietro la crisi. Così prima Trump afferma che sta per sospendere il flusso di risorse verso un'Oms troppo filocinese e che ha dato l'allarme pandemia in ritardo, poi si corregge e spiega che "potrebbe" ritirare i fondi.

Ma il presidente appare nervoso e forse sente che la situazione potrebbe davvero sfuggirgli di mano, perché i numeri si fanno sempre più pesanti e terribili ma anche perché ogni giorno fioriscono le ricostruzioni su come la Casa Bianca era stata avvertita e sapeva dei rischi legati al coronavirus già dall'inizio dell'anno, se non addirittura da novembre. Intanto gli ultimi sondaggi confermano come la ruota è girata, e come la maggioranza degli americani che fino a poco tempo fa lodava la strategia del presidente oggi boccia la sua risposta alla pandemia: per il 55% degli elettori, emerge da un sondaggio della Cnn, sta facendo un "pessimo lavoro". Un cattivo segnale a pochi mesi dalle elezioni presidenziali.

Ma quello che più brucia a Trump, forse, è un altro sondaggio: quello condotto da Morning Consult per Politico secondo cui per la maggioranza degli americani Barack Obama sarebbe in grado di gestire la situazione molto meglio, meglio anche di Joe Biden. Proprio Obama ha pungolato il presidente su Twitter, chiedendo un cambio di passo sulla lotta alla pandemia. "Il distanziamento sociale - ha scritto - piega la curva dei contagi e allenta la pressione sul nostro eroico personale medico e ospedaliero". Ma per imprimere una svolta, aggiunge l'ex presidente americano, quello che serve è "un robusto sistema di test e di monitoraggio" del virus, "un qualcosa che dobbiamo ancora mettere in atto a livello nazionale". 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved