erdogan-ai-greci-inondate-di-migranti-l-europa
ULTIME NOTIZIE Estero
Stati Uniti
13 ore

Strage in Texas, per la polizia rischio di accuse e cause legali

Sotto indagine la reazione inadeguata delle forze di polizia durante la strage nella scuola elementare di Uvalde in cui sono morti 19 bambini e 2 docenti
Estero
15 ore

Bachelet: la visita in Cina non è un’indagine

L’Alto Commissario dell’Onu per i diritti umani ha aperto la conferenza stampa sulla prima visita in Cina in 17 anni, incentrata sullo Xinjiang.
Estero
19 ore

Si tuffa nel Lago di Como e non riemerge: morto 17enne

Il ragazzo era stato recuperato ieri in condizioni disperate. Si era buttato in acqua mentre era con gli amici. Probabilmente fatale lo choc termico
Estero
20 ore

È morto il cardinale Sodano, ex Segretario di Stato vaticano

Aveva 94 anni. Fu il “numero due” della Santa Sede sotto Giovanni Paolo II e Benedetto XVI
Estero
20 ore

Usa: donna armata uccide un uomo che sparava sulla folla

La donna possedeva l’arma legalmente. L’uomo ha iniziato a far fuoco dall’auto dopo esser stato invitato ad allontanarsi da un party in strada
Estero
21 ore

Trump alla lobby delle armi: ‘Ci riprenderemo la Casa Bianca’

L‘ex presidente è intervenuto alla convention della National Rifle Association (Nra) a Houston. ’Quando sarò ancora presidente combatterò il male’
Speciale Ucraina
22 ore

I russi pensano a una Norimberga per il battaglione Azov

Lo ha dichiarato il leader dell’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk. Segui il live de LaRegione
Video
Estero
1 gior

Bambini armati nel video della convention Nra

A Houston in Texas parla fra le proteste il ceo della potente lobby, che replica a Biden sull’ipotesi di abolire il secondo emendamento
Estero
1 gior

‘Solo un sì è un sì’: violenze sessuali, la Spagna indica la via

Primo via libera del Parlamento alla legge che pone al centro il consenso esplicito. La ministra Irene Montero: frutto di 30 anni di lotta civica.
Stati Uniti
1 gior

‘Una decisione sbagliata’ non irrompere nella classe

Tre giorni dopo il massacro di Uvalde, il capo del Dipartimento di pubblica sicurezza prende la parola. Oltre cento i colpi sparati dal killer
Olanda
1 gior

Cadono due gondole nel parco a tema, quattro feriti

Una giostra perde pezzi: momenti di paura questo pomeriggio al Sprookjesbos di Valkenburg, nei Paesi Bassi
Estero
1 gior

Stavolta è un guasto informatico a tenere a terra easyJet

Dopo i voli cancellati causa Covid in aprile, la compagnia low-cost fermata da problemi con i computer. Duecento decolli annullati nel Regno Unito
Estero
1 gior

La Cina contro Blinken: ‘Il suo discorso ci infanga’

La Cina reagisce alle parole del segretario di Stato americano secondo cui Pechino è ‘la sfida a lungo termine più seria per l’ordine internazionale’
Estero
1 gior

Canada, la polizia uccide un uomo armato vicino a una scuola

Un portavoce dell’Unità investigativa speciale della polizia di Toronto ha spiegato che due agenti di polizia hanno sparato all’uomo e lo hanno ucciso
08.03.2020 - 21:03

Erdogan ai greci: inondate di migranti l'Europa

Il presidente turco oggi a Bruxelles per incontrare i vertici dell'Unione

di Ansa/Red e Ansa/Red

Ankara - Recep Tayyip Erdogan tenta la carta greca. Per portare a più miti consigli l'Unione europea, il presidente turco si è rivolto all'Atene un tempo nemica (peraltro le due polizie si sono sparate addosso ancora sabato) suggerendo di riversare in Europa i migranti che dalla Turchia arrivano o tentano di arrivare in Grecia. Quasi che la Grecia in Europa non vi si trovi già. Erdogan, che oggi incontrerà a Bruxelles i dirigenti delle istituzioni europee, ha sollecitato i greci: "Vi lancio un appello... Aprite le porte e liberatevi di questo peso... Fateli andare negli altri Paesi europei!". Destinatario il premier greco Kyriakos Mitsotakis.

"Spero di tornare dal Belgio con risultati differenti", ha affermato il presidente turco riferendosi ai previsti colloqui con il presidente del Consiglio europeo Charles Michel e la presidente della Commissione Ursula von der Leyen. Grazie alla mediazione di Michel  - recatosi nei giorni scorsi ad Ankara - sarà il primo faccia a faccia formale con i vertici Ue dopo la denuncia unilaterale, a fine febbraio, del patto del 2016 con il quale Ankara si impegnava a bloccare il flusso dei profughi verso l'Unione in cambio di sei miliardi di euro.

Dall'incontro di domani non c'è da aspettarsi un nuovo accordo o lo stanziamento di altri fondi Ue (ciò a cui sembra mirare Erdogan, che nei giorni scorsi ha detto che l'intesa va "riadeguata") . Si tratta piuttosto del rilancio di un dialogo politico fermo da tempo. Quanto alle migrazioni si cercherà di fare chiarezza sulle diverse interpretazioni dell'accordo ancora in vigore, per metterlo in sicurezza. Una tranche del denaro deve essere ancora sborsata, e potrebbero essere valutati modi per accelerarne l'iter. Naufragata sul nascere invece l'ipotesi di uno stanziamento di 500 milioni di euro aggiuntivi, che la settimana scorsa era parsa essere stata avanzata da Bruxelles. All'incontro si parlerà anche di liberalizzazione dei visti e di unione doganale anche se lo scoglio del rispetto dei criteri Ue, su cui si era incagliato l'intero processo negli anni passati, rimane di fatto insormontabile. Sul tavolo anche il discorso sull'assistenza militare alla Turchia, che potrebbe essere riannodato (una delle ragioni accampate da Erdogan per il "via libera" dato ai migranti era il mancato aiuto europeo alla sua avventura siriana) e la questione delle trivellazioni nell'area di Cipro.

L'incontro è stato preceduto da una lunga telefonata, il 6 marzo, con la cancelliera tedesca Angela Merkel che dell'accordo del 2016 era stata la regista. E preceduto anche da un'altra mossa a sorpresa del presidente turco. Giovedì l'annuncio da parte delle autorità greche dell'arrivo di oltre 1.700 profughi sulle isole greche che si sono aggiunti ai 38mila che in condizioni disperate sono ammassati in campi improvvisati. Ieri l'ordine di Erdogan alla Guardia Costiera turca di fermare i migranti che tentano di attraversare il mar Egeo per il pericolo che la traversata comporta. Una scelta che in realtà ha poco a che fare con preoccupazioni umanitarie e molto con la voglia di dare un segnale all'Europa e di riaffermare che se c'è qualcuno che in questa gigantesca tragedia umanitaria ha il coltello dalla parte del manico, questo è lui.

La Grecia, da parte sua, continua, per ora, a svolgere il ruolo di gendarme di una delle frontiere esterne dell'Unione. All'Afp una fonte del governo di Atene ha annunciato il prolungamento per 36 chilometri della recinzione rinforzata del confine con la Turchia per contenere la pressione dei migranti. Dopo gli incidenti degli ultimi giorni, con l'uso degli idranti e dei lacrimogeni da parte della polizia greca e il lancio di pietre da parte dei migranti, sono stati dislocati altri agenti anti sommossa affiancati dai cani e appoggiati dai droni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved