in-marcia-verso-la-grecia-130-000-profughi
Profughi in marcia (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
7 min

Johnson: ‘Se Putin fosse donna non avrebbe attaccato l’Ucraina’

Il primo ministro britannico ha descritto la guerra come un ‘perfetto esempio di mascolinità tossica’
Confine
42 min

Rissa al carcere Bassone, un detenuto in gravissime condizioni

È accaduto nella tarda mattinata di ieri. Il 28enne è già stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico
Estero
1 ora

Ue, accordo raggiunto: stop a motori a combustione entro il 2035

Se le misure verranno confermate, non potranno essere venduti auto e furgoni nuovi a benzina e diesel
Italia
5 ore

In barba alla pandemia, il vino italiano va a gonfie vele

Il valore dell’imbottigliato nella vicina Penisola sfiora i 10 miliardi di euro, con vendite in crescita del 12%
Estero
5 ore

‘Trump sapeva che c’era gente armata al comizio’

Lo ha detto Cassidy Hutchinson, braccio destro dell’ex chief of staff Mark Meadows.
Estero
5 ore

Caso Epstein, a Ghislaine Maxwell pena massima: 20 anni

L’ex socialite britannica ritenuta colpevole di aver adescato e manipolato minorenni perché fossero sessualmente abusate dal finanziere Jeffry Epstein
Estero
20 ore

’Ndrangheta, in Svizzera il gestore di un giro di soldi sporchi

Un 52enne italiano residente nella Confederazione è considerato il ‘dominus’ di un giro di affari che reinvestiva all’estero i soldi della malavita
Estero
20 ore

La sfida di Edimburgo: ‘Referendum per la secessione nel 2023’

La first minister scozzese Nicola Sturgeon annuncia un voto ‘consultivo’. ‘La democrazia scozzese non sarà prigioniera di Johnson o di un altro premier’
Estero
1 gior

Dalla Casa Bianca trapelano dubbi sulla vittoria ucraina

Fonti interne all’amministrazione Usa discutono dell’opportunità che Kiev ‘moderi le sue aspettative’ accettando anche perdite territoriali irreversibili
Confine
1 gior

Infrazioni a sei cifre a cavallo del confine

Intercettati beni per un valore complessivo di 1’734’342 euro non dichiarati da parte della Guardia di finanza. E pure una cartella ipotecaria
03.03.2020 - 20:39
di di Cristoforo Spinella (Ansa)

In marcia verso la Grecia 130'000 profughi

Nuovo capitolo della tragedia umanitaria che ha causato la più grande ondata di sfollati in nove anni di conflitto in Siria

Da Lesbo a Idlib, dalle frontiere dell'Europa alla guerra in Siria. Una strage dopo l'altra segna i due fronti della drammatica crisi migratoria che attraversa la Turchia. Mentre migliaia di profughi continuano ad ammassarsi ai suoi confini terrestri con Grecia e Bulgaria, e le partenze verso le isole greche dell'Egeo non si fermano, nella martoriata regione della Siria nordoccidentale un raid governativo ha provocato un nuovo massacro di civili. Un razzo sparato dall'aviazione di Damasco ha centrato una strada nel centro cittadino, aprendo un cratere nell'asfalto e colpendo con schegge e detriti i palazzi che si affacciano sulla via: nove i morti, cinque erano bambini.

Un milione al confine turco-siriano

Un nuovo capitolo della tragedia umanitaria che ha causato la più grande ondata di sfollati in nove anni di conflitto, con quasi un milione di persone - più di metà bambini - stipate al confine turco-siriano in condizioni drammatiche, mentre secondo l'Onu si moltiplicano abusi e crimini di guerra nei confronti della popolazione civile. Sempre più difficile appare anche la situazione al confine tra Turchia e Grecia. Secondo Ankara, sono 130'000 le persone che si sono spostate dalle zone interne per cercare di entrare nel territorio dell'Ue dopo che il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha deciso di aprire le porte perché Bruxelles non l'ha appoggiato in Siria e "non ha rispettato la sua parte dell'accordo" sui migranti del 2016. Una cifra che appare esagerata, visto che Atene parla di 24 mila tentativi di ingresso illegale bloccati e 183 arresti finora.

L'Ue: 'La Turchia non è un nemico'

Ankara non è "nella posizione di fermare" i migranti, ha tuttavia avvertito il ministro degli esteri turco Mevlut Cavusoglu. Una crisi di fronte a cui l'Ue prova a serrare i ranghi. "Chi cerca di mettere alla prova l'unità dell'Europa resterà deluso. Manterremo la linea e la nostra unità prevarrà. La Turchia non è un nemico e le persone non sono mezzi per raggiungere un obiettivo", ha detto la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, che si è recata oggi alla frontiera greca con i presidenti delle altre istituzioni europee e il premier Kyriakos Mitsotakis, annunciando lo stanziamento di 700 milioni di euro (742 milioni di franchi al cambio attuale) in aiuto di Atene, definita lo "scudo" d'Europa. Nelle prossime ore l'alto rappresentante Josep Borrell avrà ad Ankara incontri di "alto livello" insieme al commissario per la Gestione delle crisi Janez Lenarcic per provare a tracciare una via d'uscita da discutere poi al consiglio straordinario dei ministri degli esteri dell'Unione giovedì e venerdì. Una mediazione difficile, anche perché all'interno dell'Europa i falchi tornano a chiedere la linea dura, con il cancelliere austriaco Sebastian Kurz che parla di "un attacco della Turchia contro l'Europa".

E la guerra continua

Intanto a Idlib la battaglia tra l'esercito turco e quello siriano appoggiato dalla Russia continua a infuriare. Stamani Ankara ha rivendicato l'abbattimento di un caccia L-39 con un missile sparato da un suo F-16 dal territorio turco. Dall'inizio dell'offensiva ribattezzata Scudo di primavera, lanciata il 27 febbraio dopo l'uccisione di 34 soldati turchi, l'esercito sostiene di aver "neutralizzato" (cioè ucciso o ferito) 2884 militari nemici. Uno scontro in cui la Turchia ha incassato il sostegno anche plastico degli Usa, con un breve attraversamento simbolico del confine nell'area sotto il suo controllo dell'inviato speciale del presidente Donald Trump per la Siria, James Jeffrey, e dell'ambasciatrice americana all'Onu, Kelly Craft. Una carta in più da giocare in vista della resa dei conti giovedì a Mosca tra Erdogan e il presidente russo Vladimir Putin.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved