brasile-lula-rinuncia-alla-semiliberta
Keystone
24.09.2019 - 16:15

Brasile, Lula rinuncia alla semilibertà

L'ex presidente sta scontando in carcere una condanna di 12 anni e 11 mesi per corruzione e riciclaggio

di Ats/Ansa

L'ex presidente del Brasile, Luiz Inacio Lula da Silva - che sconta dall'aprile dell'anno scorso una condanna per corruzione e riciclaggio - ha deciso di rinunciare alla detenzione in regime di semilibertà, che avrebbe potuto richiedere a partire dal 23 settembre.

In una nota, gli avvocati dell'ex capo di Stato hanno spiegato che Lula ha deciso di non chiedere il beneficio perché scommette ancora su ricorsi che possano ripristinare la sua piena libertà.

L'ex presidente-operaio (2003-2010) è stato condannato a 12 anni e 11 mesi in secondo grado, nel processo noto come "Il triplex di Guarujà", nel quale è stato dichiarato colpevole di aver ricevuto un appartamento di lusso come ricompensa per il trattamento di favore dato a una holding delle costruzioni. Il Supremo tribunale di giustizia (Stj, equivalente alla Cassazione) ha però ridotto la pena a 8 anni e 10 mesi.

Nel sistema giuridico brasiliano, un detenuto può richiedere il regime di semilibertà dopo aver scontato almeno un sesto della sua pena, potendo uscire dal carcere per lavorare di giorno e poi tornare in cella per passare la notte.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved