ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
12 min

‘Il suono della guerra’ raccontato da Carlo Piccardi

Edito da il Saggiatore, il volume è un’ampia rassegna critica di come la musica si sia relazionata con i conflitti armati nella storia.
LA GUERRA IN UCRAINA
11 ore

Putin parla di accordo, ma attacca gli Usa

Il presidente russo allude a nuove aperture, criticando però il presunto colonialismo occidentale. Incontri diplomatici a Istanbul
Estero
12 ore

Marco Cappato si autodenuncia per aiuto al suicidio

L’attivista italiano ha accompagnato Massimiliano, malato di sclerosi multipla, a morire in Svizzera
Estero
14 ore

Corruzione e riciclaggio scuotono il Parlamento europeo

L’indagine ha coinvolto soprattutto assistenti parlamentari. Sequestrati 600mila euro e attrezzature informatiche e telefoni cellulari
Russia
16 ore

Putin: ‘Un accordo sull’Ucraina è inevitabile’

Intanto, la regione orientale di Donetsk rimane al centro degli attacchi russi, in particolare Avdiivka e Bakhmut
Estero
18 ore

Unesco: ‘Il mondo è sempre meno libero di esprimersi’

La categoria più toccata da querele e azioni giudiziarie? I giornalisti
Confine
21 ore

Dogana Chiasso-Brogeda, riapre la rampa di accesso alla A9

Dopo una chiusura di 13 anni, il manufatto è stato ristrutturato e garantirà una diminuzione del traffico di mezzi pesanti in direzione di Milano
Confine
23 ore

Statale 337, avanti fino al 21 dicembre la messa in sicurezza

Per la seconda fase dei lavori prevista la chiusura, ma con 4 fasce di transito con senso unico alternato. Preoccupati i commercianti vigezzini
06.05.2019 - 17:56

Vaticano, le 23 nuove Guardie hanno giurato

Tra loro anche tre ticinesi e due grigionesi. Presente una delegazione ufficiale del Cantone, ospite d'onore all'appuntamento

di Ats
vaticano-le-23-nuove-guardie-hanno-giurato

Sono 23 le nuove Guardie Svizzere Pontificie che hanno prestato giuramento oggi in Vaticano. La cerimonia si è svolta alla presenza del consigliere federale Ignazio Cassis, del capo dell'esercito Philippe Rebord, oltre a una delegazione ufficiale del Canton Ticino, ospite d'onore a questo appuntamento.

È tradizione che un cantone svizzero sia invitato ogni anno a Roma dal Corpo della Guardia Svizzera Pontificia, per partecipare alla cerimonia di giuramento dei nuovi membri. Quest'anno è il turno del Ticino: in Vaticano vi erano il coro della Turrita di Bellinzona, il vescovo di Lugano Valerio Lazzeri, il vescovo emerito Pier Giacomo Grampa e altri numerosi esponenti dell'ambiente clericale. Presenti anche rappresentanti del governo ticinese e la presidente del Consiglio Nazionale Marina Carobbio.

Il giuramento ha luogo ogni anno il sei maggio per commemorare la morte dei 147 soldati elvetici caduti in difesa di Papa Clemente VII nel Sacco di Roma (1527).

Quest'anno, le nuove guardie hanno prestato giuramento in tutte e quattro le lingue nazionali, indica in una nota la Guardia Svizzera Pontificia. Dei 23 soldati, cinque provengono dalla Svizzera romanda, due dai Grigioni - di cui uno dalla Val Poschiavo - e tre dal Ticino.

I soldati dovranno prestare servizio per un periodo di almeno 26 mesi. In totale, le guardie svizzere sono 135 e i cantoni meglio rappresentati sono Friburgo e Vallese, con ciascuno 14 guardie, segue Argovia con 10. Le guardie provenienti dal Ticino sono ora sette.

Per diventare Guardia svizzera bisogna essere cattolici praticanti, effettuare il servizio militare in Svizzera, aver terminato un apprendistato o essere in possesso della maturità e avere una reputazione irreprensibile. Inoltre, è necessario misurare almeno 174 centimetri e avere meno di trent'anni. L'accesso alle donne è ancora escluso.

Lo scorso anno, i soldati pronti a prestare giuramento erano 32, mentre l'anno prima 40: "non è facile trovare giovani uomini qualificati per questo lavoro", rileva Ruth Metzler, ex consigliera federale PPD e ora presidente della Fondazione della Guardia Svizzera Pontifica del Vaticano, alla radio SRF. Per la 54enne si tratta della prima partecipazione alla cerimonia.

Queste difficoltà, secondo Metzler, sono da ricondurre "alla buona congiuntura economica attuale in Svizzera", oppure al fatto che le reclute attuali provengono da una generazione nata in un periodo di bassa natalità. La missione della Fondazione, sostiene, mira a rendere le condizioni di vita delle Guardie svizzere il più attrattive possibili.

La decisione di Papa Francesco, presa tre anni fa, di permettere alle guardie di sposarsi dopo cinque anni di servizio - indipendentemente dal loro grado - è stata decisiva. Ciò permette ai soldati di rimanere in servizio più a lungo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved