laRegione
Nuovo abbonamento
(foto Keystone/Epa/Ian Langsdon)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
10 ore
Croazia, si confermano i conservatori
Gli exit poll attribuiscono 62 seggi su 151 seggi in parlamento al partito del premier uscente Plenkovic. Bene la destra e la coalizione Verdi/sinistra radicale.
Estero
11 ore
Nuovo lockdown in Spagna: dopo la Catalogna, la Galizia
Il virus non dà tregua, 530mila morti nel mondo. Stati Uniti, Brasile e Israele in piena emergenza. Preoccupa la situazione in India.
Confine
16 ore
Svizzeri multati a Como: difficile risalire ai nominativi
Il comandante della Polizia cittadina denuncia: 'I nostri vicini non ci forniscono più i dati per risalire agli automobilisti indisciplinati'
Estero
19 ore
Maltempo in Giappone, 18 vittime e 14 dispersi
Si aggrava il bilancio delle piogge torrenziali che hanno provocato l'inondazione di ampie aree delle prefettura di Kumamoto
Estero
19 ore
5G, Boris Johnson pronto a bandire Huawei
Il premier ha ventilato l'intenzione di eliminare gradualmente la tecnologia della società cinese dalla rete 5G britannica
Estero
20 ore
Il virus continua a diffondersi in Messico
Oltre 30mila vittime e 252mila casi dall'inizio della pandemia. Il Paese è il quinto nel mondo per numero di decessi.
Estero
21 ore
Croazia, aperti i seggi per le elezioni politiche
Il voto si svolge in una situazione tesa a causa della sensibile ripresa dell'epidemia di coronavirus. Si teme influisca sull'affluenza
Estero
22 ore
Usa, festeggiamenti alla Casa Bianca senza distanza fisica
Poche le mascherine indossate durante le cerimonie per l'Indipendenza. Intanto, i contagi nelle ultime 24 ore sono stati 43mila, in leggera flessione
Francia
06.01.2019 - 23:360

Protesta a suon di botte. È caccia all'ex campione di pugilato

La rivolta dei gilet gialli si fa violenta. Sorpreso a menare le mani anche un pugile titolato. Intanto, si mobilitano le donne

Da pugile a picchiatore: è caccia all'ex campione di Francia che ha trasferito la sua abilità dal ring alla piazza dei gilet gialli, pestando un poliziotto a mani nude. Sempre più violenta - anche un poliziotto a Tolone è accusato di aver picchiato diversi manifestanti -, la protesta non sembra poter sfociare nel dialogo auspicato da Macron. E debuttano le donne in gilet giallo, con una manifestazione carica di rivendicazioni, ma pacifica alla Bastiglia, tra le note della Marsigliese e un messaggio al presidente: 'Sei finito, le ragazze sono in piazza".

Sullo sfondo di una violenza che le forze dell'ordine - all'ottavo appuntamento in piazza con i gilet gialli - non riescono assolutamente ad arginare, il personaggio del giorno è, quindi, Christophe Dettinger, campione di Francia dei massimi-leggeri dal 2007 al 2008, un armadio di muscoli da 90 chili immortalato domenica sulla passerella della Senna mentre - a mani nude - picchiava un poliziotto infischiandosene del suo scudo e del suo casco. Poco dopo, irrefrenabile, va oltre la boxe e - sempre ripreso in un video - prende a calci un gendarme a terra.

Il pugile è stato denunciato, ma non ancora rintracciato, nonostante il suo allenatore - Dettinter, 37 anni, si allena ancora in banlieue di Parigi - lo abbia invitato a costituirsi. La Federazione di boxe lo ha sconfessato, il ministro dell'Interno Christophe Castaner gli ha annunciato che dovrà "rendere conto di questo attacco vile e intollerabile".

L'esasperazione aumenta la violenza, un altro video inchioda un poliziotto che - a Tolone - è stato ripreso mentre picchia diversi manifestanti, immobilizzandoli spalle al muro. Si accanisce in particolare a pugni contro uno di loro, che aveva in mano un collo di bottiglia rotta e che - riferiscono fonti dell'inchiesta interna - aveva appena danneggiato delle auto.

A dare oggi un'immagine diversa della protesta dei gilet gialli sono state le donne, che in mattinata - a centinaia - si sono riunite in diverse città della Francia. A Parigi erano alcune decine a gridare la loro protesta per la precarietà della loro vita e per la politica del governo che non gli permette di arrivare a fine mese. "Non una manifestazione femminista ma una protesta femminile", hanno ripetuto nei loro slogan le donne in giallo.

Il tema dominante è la violenza, il dialogo auspicato da Macron con il suo "dibattito nazionale" sulle grandi priorità del Paese sembra avere ogni giorno meno sostenitori. Il dibattito dovrebbe cominciare il 15 gennaio, ma se i gilet gialli non ci hanno mai creduto, l'idea sembra perdere terreno persino nel partito di maggioranza, La Republique en Marche. Sul piano del consenso verso i gilet gialli, i sondaggi che qualche settimana fa ondeggiavano fra il 70 e l'80% dell'opinione pubblica, segnalano un'adesione sempre minore: ormai è soltanto il 55% dei francesi ad auspicare che il movimento cominciato a metà novembre prosegua con i suoi appuntamenti settimanali in piazza.
 
 

© Regiopress, All rights reserved