ULTIME NOTIZIE Estero
Russia
24 min

Mosca se ne fa un baffo del ‘price cap’ sul petrolio

Per l’ambasciata russa negli Stati Uniti, malgrado il tetto al prezzo dell’oro nero russo, il greggio continuerà a essere richiesto
Indonesia
1 ora

La terra trema sull’Isola di Giava, in Indonesia

L’epicentro del terremoto, di magnitudo 5,7, è stato localizzato a 18 chilometri a sud-est della città di Banjar
Francia
2 ore

Sarkozy da lunedì nuovamente al banco degli imputati

È fissata per dopodomani a Parigi l’udienza in appello per l’ex presidente della Francia, accusato di corruzione
Ucraina
4 ore

Notte di bombe a nel distretto di Nikopol

Nel mirino degli attacchi russi, in particolare, gasdotti e reti elettriche nella zona della centrale nucleare di Zaporizhzhia
coronavirus
15 ore

L’Oms: ‘Il 90% della popolazione mondiale è immune’

‘Vicini alla fine, ma serve ancora cautela’. Ancora test, sequenziamento e vaccini per evitare nuove varianti
intimidazioni in tutta Europa
16 ore

Pacchi con sangue inviati alle ambasciate ucraine

Dopi i sei colli con esplosivo in Spagna, minacce anche in Italia, Polonia, Ungheria, Croazia e Paesi Bassi. Spediti anche occhi di animali
russia
17 ore

Putin: negoziati (forse) sì, ritiro no

La Casa Bianca: ‘Spetta a Kiev decidere’. Telefonata Berlino-Mosca
grecia
17 ore

Attacco ad Atene alla diplomatica Susanna Schlein

La ticinese, sorella della politica del Pd Elly, si è salvata per puro caso da un attentato: in fiamme la sua auto
francia
17 ore

Due bebè congelati trovati nel frigo, fermata una donna

La donna è residente nel piccolo comune di Bédoin, nel dipartimento di Vaucluse: ancora non si sa il tipo di legame con i due piccoli
05.10.2022 - 15:14
Aggiornamento: 17:09

Operazione ‘Cavalli di razza’, chiesti quasi 400 anni di pena

I 34 imputati alla sbarra hanno scelto il rito abbreviato per beneficiare della riduzione di un terzo della pena. Due arresti avvenuti a Lugano.

di Marco Marelli
operazione-cavalli-di-razza-chiesti-quasi-400-anni-di-pena

Quasi quattrocento anni di carcere. È la richiesta di condanna nei confronti di 34 imputati arrestati lo scorso anno nell’ambito della operazione "Cavalli di Razza" – oltre cento arrestati, una sessantina dei quali tra la provincia di Como e la Svizzera, di cui due a Lugano – accusati a vario titolo di associazione a delinquere di stampo mafioso, finalizzata al traffico internazionale di cocaina (diverse tonnellate di droga arrivata dal Sud America nel porto di Livorno) e di armi. A questo si aggiunge l’accusa di riciclaggio d’ingenti somme di denaro, bancarotta fraudolenta, estorsione con modalità mafiosa e frode fiscale.

Una trentina d’imputati ha scelto il rito abbreviato per avere lo sconto di pena

Le pesanti richieste di condanna sono giunte in sede di udienza nei confronti dei 34 imputati che hanno scelto il rito abbreviato per beneficiare della riduzione di un terzo della pena nel processo contro la ’ndrangheta in provincia di Como, legata soprattutto alla ’ndrina di Fino Mornasco che ha allungato i suoi tentacoli anche in diversi cantoni svizzeri, fra cui il Canton Ticino. Le richieste di condanna per 388 anni, al termine di due udienza, sono state formulato dal pubblico ministero Pasquale Addesso (con un passato di sostituto a Como) della Direzione distrettuale antimafia di Milano, coordinata dal procuratore aggiunto Alessandra Dolci. Le condanne chieste dal pm vanno da un minimo di 3 anni e 4 mesi, a un massimo di 20 anni per tre imputati.

Arrestati a Lugano i due presunti ’ndranghetisti legati alla cosca Molè

Si tratta di un 50enne, detto "Bocconcino", attuale capo della ’ndrina di Fino Mornasco e arrestato in Svizzera; Un 33enne di Bulgarograsso e un 63enne, in carcere perché condannato all’ergastolo per l’omicidio al bar Arcobaleno di Bulgorello. Il reato associativo era stato invocato in totale per quindici imputati, nell’ambito di un procedimento che era vastissimo e che aveva finito con l’incrociare ulteriori due inchieste delle Dda di Reggio Calabria e di Firenze. Ed è nell’ambito del filone toscano che sono stati arrestati a Lugano i due presunti ’ndranghetisti legati alla cosca Molè. Uno dei due arrestati in Ticino, per l’accusa, sarebbe ai vertici del traffico di cocaina che in quantità industriale arrivava nel porto di Livorno, scelto in alternativa a quello di Gioia Tauro, non più sicuro per i trafficanti.

La ’ndrangheta punta a nuovi sistemi imprenditoriali

Nel corso della requisitoria l’accusa ha posto l’accento sul fatto che la ’ndrangheta guardi al futuro, allargando i propri interessi fino ad affiancare al business storico – droga, armi ed estorsioni – una nuova anima "imprenditoriale". E in questo il Comasco è stato palcoscenico privilegiato della mutazione, sia con la maxi inchiesta sulle finte cooperative (fatte nascere e morire in pochi anni per lucrare sull’evasione), società dedite soprattutto ad attività di facchinaggio, di pulizia e di trasporti, sia con le estorsioni anche nei confronti di aziende importanti del territorio. La parola passa ora alla difesa. La sentenza è attesa entro la fine di ottobre.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved