06.02.2022 - 19:50

Tanti turisti lungo le sponde italiane del Ceresio

Arrivi e pernottamenti sono in netta crescita rispetto al 2019, l’ultimo anno prima dell’avvento della pandemia

di Marco Marelli
tanti-turisti-lungo-le-sponde-italiane-del-ceresio
Ti-Press/Archivio
Tanti turisti l’anno scorso

Un anno da incorniciare quello che ci siamo lasciati dietro alle spalle per il turismo lacustre nelle tre località della sponda varesotto dal Ceresio, ovvero Porto Ceresio, Brusimpiano e Lavena Ponte Tresa, dodici chilometri di costa. La conferma giunge dall’ufficio studi della Camera di Commercio che ha comunicato i dati riferiti all’intero 2021. Nelle tre località bagnate dalle acque del Lago di Lugano gli arrivi sono stati 8’802, mentre i pernottamenti sono risultati 26’460. Nel primo caso l’incremento, rispetto al 2019, l’ultimo anno prima del Covid, è stato del 13,6 per cento, mentre la permanenza è cresciuta del 27,1 per cento. Sono aumentati sia i turisti stranieri (pari al 60% del totale) che i vacanzieri italiani, che in percentuale sono cresciuti maggiormente. Il mese migliore è risultato l’agosto, periodo in cui si sono concentrati gli arrivi (7’479).

Anche se ancora mancano i dati definitivi sul versante comasco del Ceresio, quello che si estende da Valsolda a Claino con Osteno, passando da Porlezza, è già comunque noto che il bilancio è più che positivo, grazie soprattutto ai vacanzieri di provenienza straniera (olandesi e svizzeri in primis). L’affluenza di turisti dovrebbe (è quanto amministratori locali e operatori turistici) migliorare ulteriormente, considerato che alcune misure di contenimento della pandemia stanno per essere rimosse. Si guarda anche all’attuazione del progetto “Lago Ceresio – Un mondo tutto da scoprire”, che punta a valorizzare e promuovere sempre di più la vocazione turistica delle sponde lombarde del lago di Lugano, all’interno di un nuovo piano di sviluppo economico che coinvolge operatori e istituzioni. Un progetto che punta a valorizzare un territorio ricco di tradizioni e di natura, fonte di attrazione per un numero sempre più significativo e diversificato di turisti, dalle famiglie con bambini, agli amanti del trekking, dagli sportivi in genere fino agli appassionati d’arte. In particolare, molto apprezzati si sono dimostrati i numerosi percorsi ciclabili che si sviluppano lungo il Ceresio, meta ideale per chi cerca e vuole una vacanza eco-green, dalla Cappella Sistina della Lombardia a Valsolda, dalla Via Francisca del Lucomagno di Lavena Ponte Tresa alle Grotte di Rescia, dall’ecomuseo della Val Senagra ai percorsi di trekking in Val Cavargna fino alla riserva naturale del Lago del Piano.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved