si-apre-a-como-il-processo-all-omicida-di-don-roberto
Como gli ha dedicato una piazza (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
11 ore

Gli hacker russi ‘dichiarano guerra’ a dieci Paesi ‘russofobi’

Il collettivo filorusso Killnet ha iniziato con l’attacco al sito della polizia italiana. Nel mirino anche Usa, Germania, Regno Unito e gli Stati baltici
Francia
12 ore

Francia, Elisabeth Borne è la prima donna premier dopo 30 anni

La ministra del Lavoro è stata nominata oggi dal presidente Macron. Succede a Jean Castex appena dimessosi
Stati Uniti
12 ore

Il killer di Buffalo ha risparmiato un cliente bianco scusandosi

La scena è stata immortalata nel video pubblicato su Twitch (poi rimosso) da Payton Gendron, il 18enne suprematista autore della strage a sfondo razziale
Confine
13 ore

Como, investimenti per 44 milioni nel teleriscaldamento

L’investimento verrà effettuato da Varese Risorse. I consumi energetici verranno ridotti del 38,7% e le emissioni di anidride carbonica del 32,5%
Estero
13 ore

Francia, si è dimesso il premier Castex, pronta Elisabeth Borne

Pochi dubbi sull’imminente nomina a primo ministro dell’attuale ministra del Lavoro, che sarebbe la prima donna in carica dopo 30 anni
Estero
13 ore

Crisi Covid in Corea del Nord, Kim Jong-Un mobilita l’Esercito

Il leader nordcoreano ha contestato la reazione del suo gabinetto e ordinato la mobilitazione di medici ed attrezzature sanitarie dell’Esercito popolare
Estero
14 ore

Abusi in coppia su 13enne, condannata attrice di Doctor Strange

Zara Phythian e il marito Vitkor Marke sono stati condannati a 8 e 14 anni di carcere per aver abusato di una ragazza adolescente
Estero
15 ore

La Svezia farà richiesta di adesione alla Nato

Lo ha comunicato la premier Magdalena Andersson. Quasi tutti i partiti svedesi hanno dato il loro appoggio. Contrari Sinistra e Verdi
22.09.2021 - 17:56
Aggiornamento : 18:12

Si apre a Como il processo all’omicida di don Roberto

Alla sbarra un 53enne reo confesso e che rifiuta di difendersi. Saranno sentiti 33 testimoni d’accusa

di Marco Marelli

Sembra scolpito nel granito l’esito del processo che prende il via domani, giovedì, in Corte d’Assise a Como (presidente Valeria Costi, pubblico ministero Massimo Astori) per l’assassinio di don Roberto Malgesini, il sacerdote ucciso con numerose coltellate la mattina del 15 settembre 2020 davanti alla parrocchia di San Rocco. In effetti, il killer, reo confesso dell’omicidio del sacerdote degli ultimi, non ne vuole sapere di difendersi. A un anno dal delitto e dal suo arresto, l’uomo, un cittadino tunisino di 53 anni, oltre a essere rimasto sempre in silenzio si è pure rifiutato di incontrare il difensore Davide Giudice, avvocato d’ufficio nominato dal Tribunale lariano, che nel rispetto della deontologia non ha rimesso l’incarico sebbene amico di don Roberto. Se in questi giorni il pubblico ministero Massimo Astori ha depositato l’elenco dei testimoni chiamati in aula, in totale 33, il difensore dell’omicida non è stato ancora in grado di formulare richieste visti i suoi rifiuti. Un atteggiamento, quello del 53enne, che complica l’arduo compito del difensore i cui margini di manovra sono davvero pochi, soprattutto dopo il rigetto da parte del giudice della possibilità di svolgere una perizia psichiatrica sull’imputato: i consulenti lo hanno giudicato sano di mente, per cui affronterà il processo senza possibilità di sconti di pena, rispondendo di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione.

L’accusato due giorni prima del delitto aveva acquistato il coltello, mettendosi dapprima sulle tracce dell’avvocato che lo assisteva nel ricorso al decreto di espulsione dall’Italia, in seguito, non trovandolo, mirando a don Roberto Malgesini. A pesare come un macigno in questa vicenda è l’aggravante della premeditazione, dietro la quale vi è una condanna all’ergastolo. Come evitare il fine pena mai? La perizia psichiatrica, seppur già respinta in sede di udienza preliminare, potrebbe essere accolta dalla Corte d’Assise e permettere l’accertamento della effettiva capacità mentale dell’imputato al momento del delitto. Per ora oltre all’udienza di domani, la presidente Valeria Costi ne ha fissata una seconda per giovedì 30 settembre, giorno in cui potrebbe giungere la sentenza (questo se non sarà accolta la richiesta di una perizia psichiatrica). Nelle battute iniziali del processo saranno escussi i testi dell’accusa, fra cui le persone che la mattina del delitto hanno visto il tunisino allontanarsi. Saranno sentiti anche dei senzatetto che ruotavano attorno a don Malgesini e alla sua opera di carità: il sacerdote tante volte aveva dato una mano anche all’imputato.

Leggi anche:

Como, ucciso da un senzatetto che stava aiutando

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
delitto don roberto malgesini processo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved