la-fed-accelera-verso-una-stretta-da-mezzo-punto
Keystone
Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
11 ore

Fallimenti aziendali in forte aumento in Svizzera

Il Ticino è fra i cantoni con meno casi di insolvenza. Lo rileva la Dun & Bradstreet
Economia
2 gior

Gli esperti dell’Ubs escludono un rapido calo dell’inflazione

Il rialzo dei prezzi proseguirà anche nel secondo semestre: il tasso annuale dovrebbe attestarsi al 3,1%. Raiffeisen rivede al ribasso le previsioni 2022
Economia
4 gior

Smartphone: crollano le spedizioni in Europa

‘Molti Paesi si stano avvicinando alla recessione, con maggiori tensioni politiche’, scrive Counterpoint Research che si attende una ripresa lunga e lenta
Economia
6 gior

Credit Suisse, Fitch abbassa il rating a ‘BBB’ da ‘BBB+’

Il declassamento a causa dell’annuncio di una ulteriore revisione della strategia della grande banca e dei suoi deboli risultati nel secondo trimestre
Economia
1 sett

Migliaia di impieghi a rischio a Credit Suisse

L’agenzia Bloomberg riferisce di un piano per attuare una drastica cura dimagrante nei prossimi anni. La banca non commenta
Economia
1 sett

Glencore decuplica l’utile grazie ai prezzi alle stelle

Il colosso delle materie prime ha beneficiato dei prezzi record del carbone e del trading di prodotti energetici, che ha ottenuto risultati eccezionali
Economia
1 sett

Swiss torna in attivo nel primo semestre

Il fatturato è più che raddoppiato e il numero di passeggeri è quintuplicato. Nel 2020 e 2021 aveva registrato grandi perdite a causa della pandemia
Economia
1 sett

Boom di Airbnb: oltre 100 milioni di notti prenotate in 3 mesi

La piattaforma segna il record di prenotazioni per l’estate, che sarà la più redditizia di sempre. Ricavi in crescita del 58%
Economia
1 sett

Catastrofi naturali, danni per 75 miliardi nel primo semestre

Secondo la stima di Swiss Re, la cifra è inferiore sia a quella del 2021, sia alla media degli ultimi dieci anni
Economia
1 sett

Commercio al dettaglio, aumentato il fatturato a giugno

L’incremento è del 3,2% rispetto all’anno precedente. Lo ha rilevato l’Ufficio federale di statistica.
Economia
1 sett

Fatturato stagnante nel secondo trimestre per Sunrise

Buone notizie dal settore della telefonia mobile, con un aumento netto di 47mila abbonamenti
21.04.2022 - 22:29
Ansa, a cura de laRegione

La Fed accelera, verso una stretta da mezzo punto

Jerome Powell conferma che un rialzo dei tassi guida di 50 punti base è sul tavolo del meeting di mattio dei governatori della banca centrale americana

Washington - La Fed va in modalità ‘avanti tutta’ sulla stretta monetaria, con il presidente Jerome Powell che dà la sua benedizione a un rialzo dei tassi aggressivo, da mezzo punto, al meeting di maggio. E la Banca centrale europea (Bce) si mette in coda, con un rialzo dei tassi sul tavolo già a luglio.

Un rialzo dei tassi Usa di 50 punti base è "sul tavolo" nel meeting di maggio della Federal Reserve. Lo ha detto il presidente della Fed Jay Powell durante un dibattito nelle riunioni del Fondo Monetario internazionale a Washington.

Powell ha spiegato che nonostante gran parte dell’alta inflazione sia dovuta a strozzature sul lato dell’offerta, su cui le banche centrali non hanno potere, "negli Stati Uniti abbiamo un’elevata inflazione sia a livello del tasso principale che del tasso di fondo" e che "dobbiamo agire anche sul lato della domanda".

Il mercato del lavoro - ha aggiunto - per quanto positivo per i lavoratori, è "troppo surriscaldato", un riferimento alle tendenze dei salari che rischiano di alimentare una rincorsa con l’andamento dei prezzi.

È la guerra lanciata da Mosca contro l‘Ucraina ad aver sconvolto i piani delle banche centrali, con la Fed che ora con un’inflazione all’8,5% diventata un tema politicamente incandescente punta al ’front-loading’, l’anticipazione delle mosse di politica monetaria che fino a febbraio apparivano più graduali.

Le aspettative erano che dopo il picco invernale i prezzi ora rallentassero. Aspettative deluse con la fiammata energetica causata dal presidente russo Vladimir Putin, ammette Powell intervenendo a un panel del Fondo monetario internazionale (Fmi) con accanto la presidente della Bce Christine Lagarde e la direttrice generale del Fondo Kristalina Georgieva.

Ora la Fed vuole vedere progressi, e dunque accelera "velocemente a livelli dei tassi neutrali": e dunque, dice Powell, "50 punti base saranno sul tavolo al meeting di maggio".

Un colpo d’acceleratore che avrà effetti anche in Europa, dove l’estate porterà la fine degli acquisti di titoli che vanno avanti da oltre sette anni, e forse anche il primo rialzo dei tassi d’interesse dal luglio 2011. I mercati puntano su tre rialzi dei tassi Bce nel 2022 che riporterebbero in positivo il tasso sui depositi con cui la Bce da un decennio ‘paga’ per prestare soldi.

Ora quelle scommesse rischiano di avverarsi. Lagarde, parlando da Washington, è cauta: "non ha senso fissarsi su un giorno o una tempistica, aspettiamo finché non avremo i dati" e insiste sull’approccio "graduale" per frenare un’inflazione - record del 7,5% a marzo - che è causata principalmente dallo shock energetico su cui la Bce non può nulla.

Ma a spingere, alla Bce, non solo più soltanto i ‘falchi’, ma anche alcuni componenti moderati del Consiglio della banca centrale, da ultimo il prudente vice presidente Luis de Guindos: "non vedo ragione perché non dovremmo interrompere il nostro programma di acquisto di asset a luglio" ha spiegato il banchiere spagnolo.

Sul rialzo dei tassi (ora a -0,5% sui depositi e zero sui rifinanziamenti) "dovremo vedere le nostre stime, i differenti scenari, attualmente luglio è possibile e così settembre o più tardi". Un altro ‘moderato’, il governatore della Banca del Belgio e membro del Consiglio Bce Pierre Wunsch, spiega che la Bce potrebbe portare i tassi a zero o in territorio positivo entro fine anno a meno che arrivino "notizie davvero cattive" dalla guerra in Ucraina. Mentre spingono i ’falchi’ Martin Kazacs (governatore lettone) e Joachim Nagel, il presidente della Bundesbank.

Alla Bce il segnale d’allarme è che anche gli indicatori di inflazione a più lungo termine cominciano a salire, con il ‘breakeven’ a cinque anni ben oltre il 2% obiettivo della Bce. Lagarde ha definito l’invasione russa "uno spartiacque per l’Europa" dal punto di vista storico. Di fatto, la guerra precipita gli eventi e avvicina anche un altro ‘nodo’ significativo, quello del debito che negli ultimi anni la Bce ha assorbito senza riserve.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fed inflazione rialzo tassi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved