ULTIME NOTIZIE Economia
bns
6 ore

Riserve di divise in netto calo, evaporano 52 miliardi

A fine settembre il totale ammonta a 807,1 miliardi di franchi. L’insieme delle riserve (oro escluso) è passato da 973 a 819 miliardi di franchi
Economia
1 gior

Credit Suisse sempre più disperata

Secondo l’agenzia Bloomberg l’istituto starebbe cercando una società a cui cedere una quota dell’investment banking, per evitare un aumento di capitale
Economia
1 gior

Ginevra, fallito il negoziato su messa in conformità di Uber

Gli autisti hanno respinto la proposta di regolare il passato, troppa la differenza tra domanda e offerta. I sindacati: ‘Proposta non all’altezza’
Economia
4 gior

Il ‘momento critico’ di Credit Suisse scuote la Borsa

Le dichiarazioni rilasciate venerdì dal Ceo Ulrich Körner si sono ripercosse sulle quotazioni dell’istituto di credito
Economia
1 sett

Diversificazione positiva, ma verso la penuria di manodopera

È la fotografia dell’economia ticinese scattata da uno studio di Credit Suisse su occupazione, attrattiva residenziale, demografica e mercato immobiliare
Economia
1 sett

Fino a che punto il franco potrà diventare ancora più forte?

La Bns non interviene più per impedire le pressioni al rialzo della divisa elvetica, che proteggono parzialmente dall’eccessiva inflazione
Economia
2 sett

Tonfo Credit Suisse: le azioni crollano a poco più di 4 franchi

Da inizio anno il titolo ha perso il 48% del suo valore, il 16% solo nell’ultimo mese. L’apice l’aveva invece raggiunto nel 2000: 96,50 franchi
Economia
2 sett

Credit Suisse sborsa oltre 32 milioni: ‘Ci rallegriamo’

La banca elvetica passa alla cassa per risolvere una denuncia collettiva sulla qualità della gestione dei rischi negli Stati Uniti
Economia
2 sett

Rete elettrica, ‘la Svizzera non è un’isola’

Swissgrid investe 2,5 miliardi per le linee, ma il rischio è che le tensioni con l’Europa portino a problemi di collegamento e approvvigionamento
Economia
3 sett

Agosto col segno negativo per le casse pensioni

Il calo medio, dopo la deduzione delle commissioni, è stato dell’1,45%, che fissa a -7,87% quello da inizio anno
Economia
3 sett

Da Novartis 100 milioni per il campus di Basilea

L’importante investimento servirà a sviluppare il ramo delle bioterapie. Previsto un nuovo centro per lo sviluppo tecnico precoce
21.04.2022 - 22:29

La Fed accelera, verso una stretta da mezzo punto

Jerome Powell conferma che un rialzo dei tassi guida di 50 punti base è sul tavolo del meeting di mattio dei governatori della banca centrale americana

Ansa, a cura de laRegione
la-fed-accelera-verso-una-stretta-da-mezzo-punto
Keystone
Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell

Washington - La Fed va in modalità ‘avanti tutta’ sulla stretta monetaria, con il presidente Jerome Powell che dà la sua benedizione a un rialzo dei tassi aggressivo, da mezzo punto, al meeting di maggio. E la Banca centrale europea (Bce) si mette in coda, con un rialzo dei tassi sul tavolo già a luglio.

Un rialzo dei tassi Usa di 50 punti base è "sul tavolo" nel meeting di maggio della Federal Reserve. Lo ha detto il presidente della Fed Jay Powell durante un dibattito nelle riunioni del Fondo Monetario internazionale a Washington.

Powell ha spiegato che nonostante gran parte dell’alta inflazione sia dovuta a strozzature sul lato dell’offerta, su cui le banche centrali non hanno potere, "negli Stati Uniti abbiamo un’elevata inflazione sia a livello del tasso principale che del tasso di fondo" e che "dobbiamo agire anche sul lato della domanda".

Il mercato del lavoro - ha aggiunto - per quanto positivo per i lavoratori, è "troppo surriscaldato", un riferimento alle tendenze dei salari che rischiano di alimentare una rincorsa con l’andamento dei prezzi.

È la guerra lanciata da Mosca contro l‘Ucraina ad aver sconvolto i piani delle banche centrali, con la Fed che ora con un’inflazione all’8,5% diventata un tema politicamente incandescente punta al ’front-loading’, l’anticipazione delle mosse di politica monetaria che fino a febbraio apparivano più graduali.

Le aspettative erano che dopo il picco invernale i prezzi ora rallentassero. Aspettative deluse con la fiammata energetica causata dal presidente russo Vladimir Putin, ammette Powell intervenendo a un panel del Fondo monetario internazionale (Fmi) con accanto la presidente della Bce Christine Lagarde e la direttrice generale del Fondo Kristalina Georgieva.

Ora la Fed vuole vedere progressi, e dunque accelera "velocemente a livelli dei tassi neutrali": e dunque, dice Powell, "50 punti base saranno sul tavolo al meeting di maggio".

Un colpo d’acceleratore che avrà effetti anche in Europa, dove l’estate porterà la fine degli acquisti di titoli che vanno avanti da oltre sette anni, e forse anche il primo rialzo dei tassi d’interesse dal luglio 2011. I mercati puntano su tre rialzi dei tassi Bce nel 2022 che riporterebbero in positivo il tasso sui depositi con cui la Bce da un decennio ‘paga’ per prestare soldi.

Ora quelle scommesse rischiano di avverarsi. Lagarde, parlando da Washington, è cauta: "non ha senso fissarsi su un giorno o una tempistica, aspettiamo finché non avremo i dati" e insiste sull’approccio "graduale" per frenare un’inflazione - record del 7,5% a marzo - che è causata principalmente dallo shock energetico su cui la Bce non può nulla.

Ma a spingere, alla Bce, non solo più soltanto i ‘falchi’, ma anche alcuni componenti moderati del Consiglio della banca centrale, da ultimo il prudente vice presidente Luis de Guindos: "non vedo ragione perché non dovremmo interrompere il nostro programma di acquisto di asset a luglio" ha spiegato il banchiere spagnolo.

Sul rialzo dei tassi (ora a -0,5% sui depositi e zero sui rifinanziamenti) "dovremo vedere le nostre stime, i differenti scenari, attualmente luglio è possibile e così settembre o più tardi". Un altro ‘moderato’, il governatore della Banca del Belgio e membro del Consiglio Bce Pierre Wunsch, spiega che la Bce potrebbe portare i tassi a zero o in territorio positivo entro fine anno a meno che arrivino "notizie davvero cattive" dalla guerra in Ucraina. Mentre spingono i ’falchi’ Martin Kazacs (governatore lettone) e Joachim Nagel, il presidente della Bundesbank.

Alla Bce il segnale d’allarme è che anche gli indicatori di inflazione a più lungo termine cominciano a salire, con il ‘breakeven’ a cinque anni ben oltre il 2% obiettivo della Bce. Lagarde ha definito l’invasione russa "uno spartiacque per l’Europa" dal punto di vista storico. Di fatto, la guerra precipita gli eventi e avvicina anche un altro ‘nodo’ significativo, quello del debito che negli ultimi anni la Bce ha assorbito senza riserve.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved